Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino

Da piccola volevo vivere in una casetta di pasta fresca. Lo so fa molto ridere, ma ti fa capire quanto è grande la mia passione per queste ricette base della cucina. Che siano ravioli di ricotta e spinaci, cappellacci ripieni di ricotta e lime o questi agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino poco importa: sono tutte buonissime e perfette per soddisfare tutti quanti alla prossima riunione di parenti o amici!

Cimentati con calma e pazienza e vedrai che soddisfazione alla fine… Fammi sapere quale preferisci!

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino

PREPARAZIONE: 60 min. RIPOSO: 60 min. COTTURA: 10 min. DIFFICOLTÀ: media COSTO: economico

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino: ingredienti per 4 persone

Per la pasta fresca

uova medie 5
farina 00 400 g

Per il ripieno

patate lessate 300 g
uova 1 tuorlo
provola sminuzzata 100 g
pecorino grattugiato 50 g
sale e pepe a piacere

Per spennellare

uova medie 1

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino: procedimento

La pasta fresca

Per fare la pasta fresca all’uovo, unisci la farina e le uova nella tazza della planetaria munita di gancio e aziona per qualche minuto, fino ad ottenere un panetto corposo.

pasta fresca ripiena

Trasferisci l’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato, lavoralo a mano per formare un panetto e avvolgilo nella pellicola trasparente per lasciarlo riposare in frigorifero.

pasta fresca ripiena

La farcitura

In una ciotola capiente unisci patate lessate e ridotte in purea con il passaverdure, il tuorlo e i formaggi.

Mescola bene, condisci con sale e pepe e poni tutto in una sac-à-poche.

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino

Stendi la pasta

Togli dalla planetaria gancio e ciotola. Monta sulla planetaria l’accessorio sfogliatrice, agganciando prima l’adattatore sull’accessorio e posizionandolo poi nell’apposito vano sul corpo della planetaria.

pasta fresca ripiena

Poni l’impasto sul piano di lavoro e tagliane una fetta per lavorarla per prima, circa 120 g. Tieni l’impasto rimanente bello coperto con un canovaccio, per non far seccare la superficie.

pasta fresca ripiena

Aziona la planetaria a velocità 1 e imposta lo spessore massimo utilizzando l’apposito comando manuale sulla sfogliatrice. Appiattisci leggermente la porzione di pasta, quindi ponila nel rullo della sfogliatrice. Passala due volte. Imposta ora prima di ogni sfoglia uno spessore sempre inferiore. Piega la sfoglia a libro e infarinala leggermente da entrambi i lati. Stendila di nuovo. Procedi così fino allo spessore minimo dell’accessorio sfogliatrice ovvero il 9. Consiglio di tagliare la sfoglia a metà della lunghezza quando arrivi allo spessore 5, perché la sua lunghezza potrebbe diventare ingestibile.

pasta fresca ripiena

Gli agnolotti

Per fare gli agnolotti, innanzittuto spennella tutta la superficie della sfoglia con l’uovo sbattuto. Taglia la punta della sac à poche e spremi l’impasto ininterrottamente lungo un lato della sfoglia. Arrotola ora la farcitura e la pasta, facendo due o tre giri a formare così un salsicciotto ripieno.

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino

Ogni 3 cm, premi le dita sul salsicciotto per formare ogni agnolotto. Con la rotella taglia pasta elimina la sfoglia in eccesso e separa ogni agnolotto con un taglio deciso e netto. Infarinali leggermente, tienili da parte e procedi con tutto l’impasto. I tuoi agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino sono pronti!

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino: note

Puoi arricchire la farcitura degli agnolotti con del prosciutto cotto tritato, oppure con della mortadella.

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino: conservazione

Una volta fatti, conserva i tuoi agnolotti su un piatto e in frigorifero per al massimo 24 h, adagiati su un letto di farina e semola, che attira umidità. Puoi congelarli con le stesse modalità, per cuocerli poi direttamente congelati.

Agnolotti ripieni di patate, provola e pecorino: sapevi che…

In questa ricetta ti ho presentato la mia versione degli agnolotti, una pasta ripiena tipica piemontese, la cui differenza fondamentale rispetto ad altri tipi di pasta simili, oltre alla forma quadrata, è il ripieno a base di carne arrosto (incluso l’intingolo!). Esiste anche una variante lombarda, gli agnolotti alla pavese, ripieni di stufato alla pavese. Un’altra piccola curiosità: la variante degli agnolotti al plin, tipica delle Langhe, viene chiamata in questo modo perché il plin è in dialetto il pizzicotto, ossia la manovra necessaria per la chiusura dell’impasto sul ripieno! Più in generale, il termine agnolotti pare sia dovuto ad un cuoco del Monferrato di nome Angiolino, in dialetto Angelot, la cui specialità era proprio quella degli agnolotti.

3 Commenti

  1. Ciao Sonia sempre tutte buone le tue ricette! Mi consigli come condire questi agnolotti?Grazie!

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie