Cappellacci ripieni di patate

Ormai sai tutto di me e della mia nonna Ottilia, la mia fata buona che riusciva a consolarmi, incantarmi e infondermi tutto il suo amore anche solo muovendo le mani sul piano di lavoro. Io mi perdevo ore davanti alla sua abilità: quelle mani grandi ed eleganti trasformavano uova e farina in pasta fresca spettacolare, di cui io e mio fratello Marco facevamo davvero grandi scorpacciate.

È stata lei ad insegnarmi l’antica tecnica per fare la pasta fresca all’uovo e i cappellacci ripieni di patate sono uno dei piatti che ora mi riesce meglio! La farcitura vellutata è perfetta per la sfoglia sottile di questo formato e il profumo delle erbe aromatiche che uso solitamente ha il potere di farti venire fame quando il piatto è ancora distante.  Questa è la versione base che preferisco ma puoi arricchire le patate con della fresca ricotta oppure variare usando le patate dolci quando è stagione.

Ecco i miei cappellacci ripieni di patate, come li ho sempre fatti: mandami tante belle foto di quelli che farai tu!

Cappellacci ripieni di patate, saporiti e disposti nel piatto

PREPARAZIONE: 20 min. RIPOSO: 60 min. COTTURA: 20 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Cappellacci ripieni di patate: ingredienti per 50 cappellacci (per 4 persone)

Per la pasta fresca

farina 00 200 g
uova grandi 2

Per il ripieno

patate gialle 400 g
olio extravergine di oliva 50 g
rosmarino 1 rametto
salvia 1 foglia
timo 1 rametto
maggiorana 1 rametto
aglio 1 spicchio
peperoncino fresco 1
limone scorza di 1/2

Per la crema di cipollotti

cipollotti 250 g*
burro 20 g
olio extravergine di oliva 20 g

Per la decorazione

pancetta 8 fette
glassa di aceto balsamico q.b.

Cappellacci ripieni di patate: procedimento

Per la pasta fresca: procedimento con la planetaria

Nella ciotola di una planetaria munita di frusta K aggiungi la farina, le uova e aziona la planetaria a velocità media fino ad ottenere un impasto omogeneo. Una volta pronto, trasferiscilo su una spianatoia leggermente infarinata e modellalo per conferigli una forma sferica. Avvolgi tutto nella pellicola trasparente e lascia riposare per un’ora a temperatura ambiente.

Cappellacci ripieni di patate

Per la pasta fresca: procedimento a mano

Inizia a fare l’impasto dei cappellacci: su una spianatoia crea la classica fontana di farina e rompi le uova al centro. Con una forchetta lavora velocemente le uova inglobando farina dai bordi poco alla volta.

Cappellacci ripieni di patate

Una volta raccolta tutta la farina, prosegui a mano fino ad ottenere un panetto, che devi avvolgere nella pellicola trasparente e lasciar riposare per un’ora a temperatura ambiente.

Cappellacci ripieni di patate

Per il ripieno

Metti in una pentola l’acqua, con l’apposito cesto all’interno per la cottura a vapore**. Pela le patate e riducile a cubetti di circa 2 cm per lato. Cuocile contando 10 minuti dal bollore, coperte con un coperchio.

Cappellacci ripieni di patate

Mentre le patate cuociono prepara un olio aromatizzato per insaporirle. In un tegame fai rosolare assieme l’olio extravergine di oliva e l’aglio in camicia; aggiungi poi il peperoncino tagliato a metà, tutte le erbe aromatiche, e la scorza grattugiata del limone. Lascia che l’olio si scaldi e prosegui la cottura per qualche minuto.

Cappellacci ripieni di patate

Scolale e passale subito nello schiacciapatate*** e condiscile con sale e pepe.

Cappellacci ripieni di patate

Condisci il purè di patate con l’olio aromatizzato ma tienine un po’ per dopo. Mescola bene il ripieno e trasferiscilo in una sac à poche.

Cappellacci ripieni di patate

I cappellacci

Recupera la pasta e tagliala per poterla stendere più facilmente. Monta sulla tua planetaria l’apposito rullo stendipasta. Ad ogni passaggio riduci lo spessore del rullo. Stendi la sfoglia sul piano di lavoro.

Cappellacci ripieni di patate

Con un coppapasta di 8 cm di diametro ottieni dei dischetti di 6 g circa, farciscili con 5 g di ripieno di patate e spennella la circonferenza con pochissima acqua. A questo punto ripiega il dischetto su se stesso.

Cappellacci ripieni di patate

Forma una mezza luna e congiungi i bordi premendoli bene per lasciar fuoriuscire tutta l’aria. Ottenuta la mezzaluna, unisci le estremità curvando delicatamente il centro contenente il ripieno. Ecco pronti i cappellacci.

Cappellacci ripieni di patate

La crema di cipollotti e la pancetta croccante

Pulisci i cipollotti eliminando la barbetta all’estremità, quindi tagliali finemente a rondelle. In una padella fai rosolare l’olio assieme al burro.

Cappellacci ripieni di patate

Aggiungi i cipollotti e prosegui la cottura per 6-7 minuti. Se troppo asciutti, irrorali con pochissima acqua calda. Aggiusta di sale e pepe e travasa tutto in un bicchiere alto.

Cappellacci ripieni di patate

Frulla i cipollotti con un frullatore ad immersione, passa la crema in un colino a magli strette e tienila da parte.

Cappellacci ripieni di patate

In una padella calda lascia rosolare la pancetta fino a renderla bella dorata e croccante. Tieni da parte anche questa.

Cappellacci ripieni di patate

La cottura e l’impiattamento

Porta a bollore dell’acqua salata e cuoci pochi cappellacci per volta per impedire che si attacchino in cottura: accompagnane qualcuno nell’acqua calda tramite una schiumarola e attendi pochi minuti per la cottura. Nel frattempo, scalda in una padella il restante olio aromatizzato.

Cappellacci ripieni di patate

Salta nel condimento i cappellacci man mano che li scoli. Su un piatto da portana disegna due spennellate di aceto balsamico, fai un fondo di crema di cipollotti e adagia al centro i cappellacci.

Cappellacci ripieni di patate

In ultimo, la pancetta croccante a guarnire. Ecco, i tuoi cappellacci ripieni di patate sono pronti!

Cappellacci ripieni di patate

Cappellacci ripieni di patate: note

*Scegli dei cipollotti con una bella parte verde, che sia utilizzabile.

**La cottura a vapore è ideale perché mantiene tutto il sapore degli alimenti. Per cuocere le patate ho usato un’apposita pentola ma tu puoi tranquillamente usare i cestelli classici di legno oppure la vaporiera.

***Se aspetti troppo a schiacciare le patate, queste diventano collose rendendo più difficile l’operazione.

Cappellacci ripieni di patate: conservazione

Consiglio di consumare subito i cappellacci cotti e conditi; puoi congelarli da crudi, avendo cura di riporli in congelatore prima su un vassoio infarinato e di trasferirli in un sacchetto solo in un secondo momento per evitare che si attacchino: conservali congelati per un mese e, al momento della cottura, cuocili direttamente senza scongelarli. Puoi preparare il ripieno la sera prima e, se avanza, puoi congelare la crema di cipollotti.

Cappellacci ripieni di patate: sapevi che…

Regione che vai, pasta fresca che trovi! I cappellacci sono un formato di pasta fresca ripiena tradizionale tipico dell’Emilia Romagna. Il loro nome evoca la particolare somiglianza ad un cappello e, più precisamente, ad un copricapo di paglia che veniva utilizzato anticamente nelle campagne dai contadini. La prima volta che li ho assaggiati è stato a Ferrara: ricordo ancora quel piatto di cappellacci di zucca, i famosi “caplaz”… che dire, una meraviglia!

6 Commenti

  1. Ciao Sonia! Bellissima ricetta.. Purtroppo non possiedo la macchina per la pasta. . si può sostituire in qualche modo? Spero in una tua risposta .. Grazie mille in anticipo!

    1. Ciao Daniela, puoi fare il metodo più antico e classico cioè tirarla a mano con il mattarello.
      Buona cucina

  2. Grazie Sonia per questo piatto meraviglioso che mi ha fatto fare un figurone a Natale!Ho solo modificato il condimento: ho aggiunto ai cipollotti dei porri ed un po’ di panna?.È da molti anni che ti seguo e le tue ricette mi vengono sempre al primo colpo!Grazie!

  3. Io consiglierei di condirli anche con la panna acida, non avete paura di rischiare ?

  4. Ciao Sonia i cappellacci li posso condire con sugo leggero di pomodoro o in altro modo dato che i miei figli non amano molto la cipolla? Grazie e complimenti

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie