Carbonara di carciofi, guanciale e gamberi

La carbonara… forse non c’è piatto italiano la cui ricetta sia stata tanto dibattuta e per cui ogni famiglia sia convinta di tramandare la perfetta versione originale!

Pensa che la storia della carbonara è avvolta dal mistero: il piatto potrebbe essere stato inventato dai carbonari appenninici, che la preparavano usando ingredienti di facile reperibilità e conservazione. Ma potrebbe anche avere una matrice a stelle e strisce. Può darsi infatti che la carbonara sia nata in seguito alla liberazione di Roma nel 1944, quando nei mercati romani apparve il bacon portato dalle truppe angloamericane che chiedevano a gran voce di poter gustare uno dei piatti che per loro era sinonimo di casa: il tradizionale bacon con uova.

Non so dirti quale sia l’ipotesi veritiera ma una cosa è certa: alla carbonara preparata a regola d’arte nessuno sa resistere! Oltre a cucinare la versione originale, spesso mi diverto a inventare varianti gustose e sempre gradite. Oggi ti propongo un incontro tra mare e terra: questa rivisitazione della carbonara unisce il sapido guanciale alla delicata dolcezza di gamberi e carciofi per una esplosione di sapore che non potrai dimenticare!

Carbonara di carciofi

 PREPARAZIONE: 30 min. COTTURA 30 min. COSTO: economico  DIFFICOLTA: bassa

Ingredienti per 4 persone

pasta 320 g
uova 2 intere + 4 tuorli
Parmigiano reggiano grattugiato 50 g
pecorino grattugiato 50 g
carciofi 2
guanciale 180 g
gamberi sgusciati 12
sale q.b
pepe q.b.

Per la pulizia dei carciofi

limoni 2

Procedimento

Per preparare la tua carbonara inizia dalla pulizia dei carciofi, ricordando di indossare un paio di guanti di lattice per evitare che le tue mani si anneriscano. Pulisci i carciofi eliminando le foglie esterne più coriacee e spesse fino ad arrivare a quelle interne più tenere; spella anche i gambi fino ad arrivare al cuore di colore più chiaro rispetto all’esterno. Togli il gambo, dividi il carciofo in due ed elimina la barba centrale, poi affetta sottilmente gli ortaggi e mettili a bagno in una soluzione di acqua acidulata (acqua con l’aggiunta di succo di limone), in modo che non anneriscano*.

Elimina la cotenna e taglia il guanciale a fettine e poi a listerelle; mettilo a rosolare a fuoco dolce in una capiente padella antiaderente e, non appena il grasso si sarà sciolto, versane una metà in una ciotola e tienilo da parte.

Aggiungi in padella i gamberi sgusciati e falli saltare per 2-3 minuti assieme al guanciale finché la carne avrà assunto un colore bianco, poi toglili dalla padella e tienili da parte.

Unisci in padella i carciofi ben scolati e asciugati e saltali per qualche minuto assieme al guanciale; a cottura quasi ultimata, unisci in padella anche i gamberi e aggiusta eventualmente di sale.

In una bastardella**, o in una semplice ciotola di metallo, rompi le uova e aggiungi i formaggi grattugiati, il pepe e il grasso sciolto del guanciale che avevi tenuto da parte. Sbatti tutto con una frusta e poi poggia il contenitore sopra a una pentola contenete dell’acqua in ebollizione, ma mi raccomando: il fondo della bastardella non dovrà toccare l’acqua bollente! Continua a sbattere con la frusta fino a che il composto diventerà denso, facendo attenzione a non superare i 60° (a tal proposito, ti consiglio di utilizzare un termometro da cucina), altrimenti l’uovo si rapprenderà.

Nel frattempo, lessa la pasta ben al dente in abbondante acqua salata. Quando sarà pronta, scolala e trasferiscila nella padella con il guanciale, i carciofi e i gamberi. Mischia per bene aggiungendo un mestolino di acqua di cottura, poi aggiungi il condimento alla carbonara e amalgama bene il tutto.

Impiatta immediatamente e servi la tua golosissima carbonara di carciofi, guanciale e gamberi!

Carbonara, un classico italiano!

La carbonara è un grande classico italiano, eppure non è semplice ottenere quella cremosità golosa e ben amalgamata che la rende uno dei piatti di pasta più appetitosi di ogni tempo! Oggi però voglio farti un regalo: ti svelo tutti i miei trucchi per ottenere una carbonara perfetta!

Qui trovi la ricetta dei leggendari spaghetti alla carbonara ma, se avrai voglia di sperimentare, ti suggerisco anche la golosa carbonara di mare!

Note

* Vuoi vedere come procedere, passo passo, alla pulizia dei tuoi carciofi? Segui il mio tutorial completo di immagini dettagliate, non potrai sbagliare!

** La bastardella è una ciotola di metallo a semisfera con i manici, molto comoda e utile in cucina.

Curiosità

Il guanciale di gola è un taglio di carne che viene fatto stagionare con spezie ed erbe aromatiche per 3 mesi. In cucina, è ottimo da gustare in ricette ma anche in purezza, magari servito con una bel tagliere accanto a un bel crostino croccante caldo o una fetta di pane: una vera bontà! Inutile dire che è il protagonista indiscusso di alcune delle ricette celebri della cucina italiana come l’amatriciana e la carbonara.

Vuoi saperne di più? Puoi trovare qui tante informazioni utili!

Conservazione

Non posso far altro che invitarti a consumare la tua carbonara subito: calda, fumante e così cremosa da essere irresistibile. Sconsiglio la congelazione.

[/su_note]

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie