Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi

Ci sono donne e ragazze che vorrebbero un bel solitario o un elegante girocollo… io preferirei senza ombra di dubbio una collana di peperoni cruschi! Sai, sono un prodotto molto prezioso del nostro Paese e il metodo con cui si realizza è davvero affascinante: si fa passare un filo attraverso ogni peperone e li si appende tutti come collane per farli seccare completamente. È incantevole vederli dal vivo.

Dopo quelli freschi con ragù di verdure ecco quindi i miei cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi, un primo piatto intenso di sapore e dalla consistenza molto delicata grazie alla presenza di questi piccoli legumi. Realizzare questa ricetta è davvero divertente e ti riempie di entusiasmo: il rosso intenso di pomodorini ciliegino, peperoni e peperoncino crea uno stupendo contrasto con i cavatelli e i fagioli bianchi… una buona dose di energia già solo durante la preparazione, pensa quindi cosa può aspettarti all’assaggio!
Ecco a te la ricetta dei cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi, lasciati conquistare!

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi, appena serviti ben caldi

PREPARAZIONE: 50 min. COTTURA: 3 h. RIPOSO: 12 h per i fagioli + 2 h per l’impasto DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi: ingredienti per 4 persone

Per i cavatelli

farina di semola 280 g
acqua 150 gr

Per il condimento

fagioli bianchi 200 g
peperoni cruschi 3
pomodori ciliegino 200 g
peperoncini piccanti 1
cipolle 1
olio extravergine di oliva 30 g
aglio 1 spicchio
salvia 3 foglie
timo 1 rametto
rosmarino 1 rametto
brodo vegetale 1 l
sale q.b.
pepe nero macinato q.b.

Per friggere

olio di semi di arachide 500 g

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi: procedimento

Per i fagioli

La sera prima di fare la ricetta, metti in ammollo i fagioli bianchi in una terrina assieme ad un cucchiaio di bicarbonato*. Lasciali riposare in frigorifero coperti con pellicola trasparente, per tutta la notte. Trascorso il tempo necessario, scola bene i fagioli e sciacquali.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Per i cavatelli: impasto con la planetaria

Inizia a fare i cavatelli impastando nella ciotola della planetaria munita di gancio K, acqua e farina. Lascia in azione la planetaria per 10 minuti, fino ad ottenere un impasto molto liscio ed elastico; accorpalo in un panetto, avvolgilo nella pellicola trasparente e lascialo riposare 1 ora al fresco: mi raccomando, non in frigorifero!

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi

Impasto fatto a mano

In alternativa, puoi procedere a mano versando in una ciotola l’acqua e la farina, mescolando e ottenendo un panetto che farai riposare sempre per un’ora al fresco.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Trascorsa l’ora stendi nuovamente l’impasto sul piano di lavoro, ottenendo dei filoncini. Mentre lavori un filoncino, tieni gli altri avvolti nella pellicola trasparente per non farli seccare. Con un tarocco taglia l’impasto in piccoli bocconcini, che devi poi scavare da un lato aiutandoti con l’estremità di un coltello dalla punta arrotondata: otterrai così i cavatelli, lisci da un lato e concavi dall’altro. Disponili su un canovaccio infarinato e coprili con la pellicola trasparente.**

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Per il condimento

Per il condimento prepara il brodo vegetale e mantienilo al caldo. Monda e trita la cipolla, l’aglio, e le erbe aromatiche.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Trita anche il peperoncino privato dei semini interni. Fai un soffritto in un capiente tegame, lasciando appassire per 10 minuti il trito nell’olio extravergine di oliva ben caldo. Aggiungi i fagioli e falli cuocere per 2 ore circa aggiungendo brodo vegetale di tanto in tanto per impedire che si asciughino troppo.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Lava e taglia i pomodorini in quarti, che puoi aggiungere al condimento. Prosegui la cottura per altri 10-15 minuti. Condisci con sale e pepe nero.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Per i peperoni

Nel frattempo dedicati ai peperoni cruschi. Recidi il picciolo e, senza tagliarli, elimina i semini interni. Scalda l’olio di arachidi fino ad una temperatura di non oltre 170-180°***. Immergi per 10-15 secondi al massimo i peperoni e scolali su un foglio di carta assorbente. Condiscili con un pizzico di sale.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Raffreddatisi, taglia i peperoni a striscioline sottili e poi tritali grossolanamente. Lasciane intero qualcuno per l’impiattamento finale. Aggiungi al condimento il trito di peperoni e amalgama velocemente.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Porta a bollore l’acqua in una pentola, salala e cuoci pochi cavatelli per volta: 2-3 minuti e sono cotti. Scolali con una schiumarola direttamente nel condimento e, all’occorrenza, aggiungi un mestolino di acqua di cottura per ammorbidire tutto e mantecare. Impiatta i cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi, decorando con i peperoni interi lasciati da parte.

Cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi: note

*Sciogliere del bicarbonato nell’acqua dell’ammollo aiuta ad eliminare molte tossine dai legumi, per renderli quindi più digeribili

**Una volta fatto l’impasto e lasciato al fresco a riposare, consiglio di procedere a fare i cavatelli dopo aver cotto i fagioli per le 2 ore indicate.

***La temperatura dell’olio è molto importante, soprattutto in questo caso: i peperoni cruschi sono secchi e sottilissimi: qualche grado di troppo dell’olio e si bruceranno in un batter d’occhio.

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi: conservazione

Una volta conditi, consiglio di consumare subito i cavatelli con fagioli bianchi e peperoni cruschi. Puoi congelare l’impasto e tenerlo in congelatore per un mese; puoi anche fare i cavatelli e congelarli crudi: mettili in congelatore prima stesi su un vassoio infarinato e solo dopo puoi accumularli in un sacchetto gelo.

Cavatelli ai fagioli bianchi e peperoni cruschi: sapevi che…

I peperoni cruschi sono una specialità tipica della cucina lucana: si tratta di peperoni rossi lunghi dalla polpa sottile che vengono prodotti nella zona di Senise. Come ti ho anticipato, una volta raccolti, vengono disposti uno accanto all’altro a formare delle collane e legati grazie ad un filo di cotone chiamato ‘nzerta; solo in seguito all’essiccazione acquisiscono la loro tipica consistenza: da qui l’appellativo “cruschi”, croccanti in dialetto lucano.

2 Commenti

  1. ciao Sonia ti seguop dal belgio cosa sono i peperoni cruschi?GRAZIE DELLA RISPOSTA

    1. Ciao Francesca! Si tratta di una tipologia di peperone proveniente dalla Basilicata – si chiama anche peperone di Senise – e la sua particolarità è che lo si trova in forma essiccata 🙂

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie