Ciambella marmorizzata

Cacao e vaniglia, un connubio perfetto che trova la sua massima espressione in un dolce semplicissimo da realizzare che ha sempre fatto parte della mia tradizione familiare: la ciambella marmorizzata. Da bambina, mia nonna la preparava spesso per la colazione mia e di mio fratello Marco, ma la parte più divertente, per me, era osservarla mentre compiva la “magia” della marmorizzazione.

Armata di forchetta, infilava i rebbi nell’impasto e lo mischiava in modo da ottenere un effetto bellissimo che prendeva forma solo dopo la cottura in forno. Dopo un’attesa trepidante, il taglio della prima fetta era una vera e propria sorpresa: chissà che forma avrei trovato questa volta! Anche adesso che sono grande, quel momento resta per me magico e lo voglio condividere con te: dopo la mia ciambella del mattino con pesche e la ciambella all’arancia senza glutine, ecco la ricetta della ciambella marmorizzata della mia nonna.

Ciambella marmorizzata fetta pronta da gustare

PREPARAZIONE : 20 min. COTTURA: 55-60 min. DIFFICOLTÀ : facile COSTO: economico
 

Ciambella marmorizzata: ingredienti per uno stampo di 23 cm

farina 00 350 g
burro 200 g
uova medie 5
zucchero semolato 210 g
lievito in polvere per dolci 16 g
vaniglia 1 bacca
cacao amaro in polvere 20 g
latte fresco 150 g
sale 2 g

Ciambella marmorizzata: procedimento

Per l’impasto

Per fare la ciambella marmorizzata, taglia il burro a pezzetti e lascialo ammorbidire a temperatura ambiente; mettilo in una ciotola e sbattilo con uno sbattitore elettrico assieme allo zucchero per almeno 10 minuti, aggiungendo le uova (anche loro a temperatura ambiente) una alla volta.

Ciambella marmorizzata

Quando avrai ottenuto una bella crema, aggiungi il sale e il latte leggermente tiepido; con un mestolo di legno unisci la farina (tranne 45 g che serviranno dopo) mischiata al lievito setacciato. A questo punto, dividi il composto in due ciotole.

Ciambella marmorizzata

In una ciotola aggiungi il cacao in polvere setacciato; nell’altra unisci i semini interni di una bacca di vaniglia e la rimanente farina. Imburra e infarina uno stampo a forma di ciambella.

Ciambella marmorizzata

Come fare la marmorizzazione

Adagia il composto chiaro dividendolo in tre mucchi distinti. Tra un mucchio e l’altro di impasto chiaro disponi quello scuro, poi prendi una forchetta e affondala nell’impasto: porta la forchetta qualche cm in avanti, poi alzala e riporta l’impasto indietro. Procedi così per 3-4 volte. In questo modo creerai la marmorizzazione mischiando i due colori. Cuoci la tua ciambella in forno statico preriscaldato a 180° per 55-60 minuti. Per verificare la cottura della tua ciambella, puoi fare la prova stecchino: ecco il mio video qui sotto!

Quando la ciambella marmorizzata sarà cotta, sfornala e lasciala raffreddare su di una gratella, poi cospargila con dello zucchero a velo vanigliato.

Ciambella marmorizzata

Taglia la tua fetta e gusta la ciambella marmorizzata in tutta la sua morbida bontà!

Ciambella marmorizzata fetta pronta da gustare

Ciambella marmorizzata: note

Se preferisci, puoi fare la marmorizzazione anche con uno stecchino di legno e disegnare geometrie più ampie. La parte al cacao è più pesante di quella alla vaniglia, quindi ti consiglio di non sprofondarlo troppo quando lo marmorizzi.

Ciambella a colazione? Prova la mia versione con pesche e amaretti oppure quella all’arancia!

Ciambella marmorizzata: conservazione

Puoi conservare a temperatura ambiente e sotto una campana di vetro la ciambella marmorizzata, per tre o quattro giorni senza che la sua morbidezza si comprometta.

Ciambella marmorizzata: sapevi che…

La ciambella è la classica torta che ha accompagnato le colazioni e merende di tutti noi, dall’infanzia ad oggi. Il bello è che è una tradizione comune a tutta Italia, e sia questa che le sue varianti vengono associate a nomi diversi in base alla regione di provenienza: ad esempio in Umbria è anche nota come roccio, torcolo o ciambellone; nelle Marche ciammellotto, in Alto Adige marmorkuchen. Scopri di più qui!

42 Commenti

    1. Ciao Rita, totalmente di riso credo che potrebbe non venire bene la torta piuttosto usa un mix per celiaci già pronto.
      Buona cucina

  1. Ciao Sonia. Bella ricetta!! Vorrei provare a farlo tutto al cacao. Come devo modificare gli ingredienti?

    1. Ciao Stefania, semplicemente non devi dividere a metà il tuo impasto e raddoppiare le dosi di cacao 🙂
      un bacio

      Sonia

  2. Ciao Sonia, per problemi di dieta, potrei sostituire la farina 00 con quella integrale e il burro con lo yogurt? Se sì con quali proporzioni? Te lo chiedo perché ho provato a fare una crostata con farina integrale e yougurt ed è risultata immangiabile!!! Non vorrei ripetere brutte esperienze!! Grazie!

    1. Ciao Antonella! Puoi fare 1/3 di integrale e 2/3 di farina oo: mettendo solo la farina integrale dovrebbero cambiare tutte proporzioni degli altri ingredienti, perché assorbe moooolta più acqua e lievita con più difficoltà. Per lo yogurt, non te lo consiglio perché c’è bisogno di un grasso; sostituisci il burro con olio di semi in pari dose se usi la farina integrale, 20 gr in meno rispetto alla dose di burro se usi solo la 00 🙂

      1. Grazie mille per i consigli, che metterò sicuramente in pratica! Sei gentilissima!

      2. Ciao Sonia, visto che ne sono sprovvista posso sostituire la bacca di vaniglia con 1 bustina di vanillina?

  3. Ciao Sonia volevo chiederti secondo te pur rivestendo lo stampo nordicware con burro e farina, come mai quando tolgo il dolce dallo stampo sulla superficie c’è una patina bianca?

    1. Ciao Carolina! Accade quando si è messa troppa farina nello stampo: questa si inumidisce e si attacca alla superficie del dolce. La prossima volta sbatti bene lo stampo per eliminare la farina in eccesso 🙂

  4. Ciao Sonia, faccio questa ciambella spessissimo, anche se un po’ laboriosa da’ grande soddisfazione perché davvero golosa. Per il mercatino della scuola dei bimbi la ricopro di solito con la glassa al cioccolato (panna liquida+cioccolato fondente sciolti insieme a bagnomaria) con la quale la presentavi su GZ, ma la glassa non si solidifica del tutto. Resta perciò appiccicosa e finisce per incollarsi alla carta con cui impacchetto la ciambella. Mi daresti qualche suggerimento? Grazie mille.

    1. Ciao Roberta! Certo, la ganache (la copertura che hai descritto tu), non si solidifica proprio per la presenza della panna o latte. per far sì che solidifichi dovresti semplicemente sciogliere il cioccolato a bagno maria senza null’altro 🙂

  5. Ciao Sonia! Adoro questa ciambella, è squisita. Io sono allergica alle proteine del latte, quindi sostituisco il burro con la margarina vegetale. La dose (200 g) resta invariata? Grazie mille. ?

  6. Ciao Sonia, è da tempo che cerco lo stampo della nordicware come il tuo, ma quello che ho trovato sembra più piccolo ed è in alluminio, non come quello che mostri in foto (che sembra nero, antiaderente, e di diametro maggiore)…. Mi puoi aiutare con qualche dettaglio? Grazie!
    Ps. Questa ciambella è un must a casa mia, l’ho fatta anche per la festa di compleanno di mio figlio venerdì scorso: la torta fatta dalla pasticceria è rimasta….la ciambella no!!! 😉

  7. Buongiorno, io ho un forno ventilato, in generale come mi regolo per la cottura di questo e di altri dolci?

    1. Ciao! Se hai il ventilato allora generalmente devi impostare la temperatura di 20° inferiore e devi cuocere per 10 minuti in meno 🙂

  8. Ciao Sonia, se al posto del cacao uso il cioccolato fondente, quanto ne metto? Grazie mille!

  9. Ciao Sonia, ho uno stampo da ciambella di 18 cm, quale proporzione devo usare per modificare le dosi?

    1. Ciao Federica! Considera che se aumenti di 4 cm lo stampo devi raddoppiare le dosi, se invce ne usi uno di 4 cm più piccolo devi dimezzarle 🙂 In questo caso puoi tranquillamente dimezzarle 🙂

  10. Ciao Sonia,
    all’inizio della ricetta sono indicati 10 minuti di cottura, mentre sotto 55-60. Qual’è l’indicazioni giusta?
    Se sostituisco il burro con l’olio di semi mantengo 200gr come quantità?
    Grazie

    1. Ciao Erika! Grazie per la segnalazione non mi ero accorta dell’errore 🙂 E’ giusto 55-60 minuti di cottura! Se sostituisci il burro con l’olio devi mantenere la proporzione 100/80: ogni 100 gr. di burro dosa 80 gr. di olio, quindi in questo caso devi usare 160 gr. di olio 🙂 Grazie ancora

  11. Ottima colazione stamattina con la tua ricetta ho usato la planetaria e aggiunto l’aroma arancio all’impasto di cacao!!! 🙂

  12. Fatta oggi,veramente squisita,anche se appena ho versato il latte nell’impasto di burro,zucchero e uova,ho avuto l’impressione che quest’ultimo sia come ‘impazzito’,cioè è diventato tutto grumetti…
    Poi aggiungendo la farina si è sistemato il tutto!

  13. Ciao, proverò a farla stasera sostituendo il latte fresco con latte di mandorle… spero venga altrettanto buona 🙂

      1. Fatta ieri sera con qualche differenza dovuta alla disponibilità di ingredienti a casa ma è venuta comunque ottima e bella soffice. Ho usato l’olio di semi (girasole) al posto del burro come da te suggerito in un altro commento, farina di grano tenero integrale macinata a pietra, zucchero di canna integrale, latte di mandorle. Gusto forse meno delicato ma buona buona 🙂 colazione fantastica stamattina!

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie