Ciambella salata con soppressata e fave

Tutti noi siamo fatti a compartimenti stagni, ordinati e precisi, creati apposta per facilitarci la vita. Ma cosa succede quando l’ordine di questi scompartimenti viene “disturbato” da un imprevisto o da un elemento inaspettato? Ecco cosa succede con la mia ciambella salata con soppressata e fave, che al colpo d’occhio è però del tutto simile ad un bellissimo ed invitante dessert, proprio come un budino al cioccolato oppure una ciambella onde del DanubioInganno sempre tutti e, scoperto il sapore, la conquista è ultimata: la sapidità avvolgente di questa torta è qualcosa che non si dimentica facilmente, piccante al punto giusto e arricchita dalla freschezza delle fave a formare un contrasto davvero perfetto.

L’illusione è garantita con la fonduta di formaggio, che impreziosisce la ciambella come una glassa corposa ed esalta il sapore di tutti gli ingredienti. Ecco la mia ricetta della ciambella salata con soppressata e fave e mi raccomando: osserva bene le espressioni stupite dei tuoi ospiti quando la vedranno: l’elemento inaspettato li lascerà di stucco!

Ciambella salata con soppressata e fave

PREPARAZIONE: 30 min. COTTURA: 3 ore per i pomodorini + 75 min. per ciambella e fonduta RAFFREDDAMENTO: 2 h DIFFICOLTÀ: facile COSTO: medio

Ciambella salata: ingredienti per uno stampo di 22 cm

Per la ciambella

farina 00 270 g
latte fresco intero 270 g
olio extravergine di oliva 80 g
uova medie 4
lievito chimico in polvere per torte salate 16 g
formaggio grattugiato 100 g
formaggio grana in cubetti 70 g
soppressata 140 g
fave fresche sgusciate 100 g
pepe nero macinato a piacere
sale 3 g

Per la fonduta

latte fresco intero 250 g
formaggio grattugiato 100 g
burro 25 g
amido di mais 10 g
sale 1 pizzico
noce moscata grattugiata 1 pizzico
pepe bianco macinato a piacere

Per i pomodorini confit

pomodorini pachino 500 g
aglio 1 spicchio
zucchero semolato 25 g
timo 10 g
origano 10 g
arancia la scorza di 1/2 non trattata
limone la scorza di 1/2 non trattata
olio extravergine di oliva 60 g
zucchero a velo q.b.
sale q.b.
pepe nero macinato q.b.

Per guarnire

pistacchi tritati 15 g
pomodorini confit 5

Per lo stampo

burro morbido 1 cucchiaino
farina 00 15 g

Ciambella salata: procedimento

Per i pomodorini confit

Per fare la ciambella salata con soppressata e fave inizia dai pomodorini confit. Nella mia ricetta dettagliata dei pomodorini confit trovi i suggerimenti per farli a metà anziché interi. Disponi i pomodorini su una leccarda foderata con carta forno, lasciandoli interi e con il picciolo ancora attaccato. Irrorali tutti con l’olio extravergine di oliva. Trita l’aglio e cospargilo sui pomodorini, così come il timo e l’origano; su ogni pomodorino metti lo zucchero semolato, sale e pepe nero macinato. Completa grattugiando la scorza del limone e dell’arancia, infine con lo zucchero a velo.

Ciambella salata con soppressata e fave

Inforna i pomodorini in forno statico preriscaldato a 150° per 3 ore: mi raccomando, dovranno asciugarsi e non disfarsi. Una volta pronti, lasciali raffreddare e tienili da parte.

Ciambella salata con soppressata e fave

Per l’impasto

Taglia a cubetti la soppressata e il formaggio grana, poi sgrana le fave e tieni tutto da parte.

Ciambella salata con soppressata e fave

Rompi le uova intere e a temperatura ambiente in una ciotola e inizia a montarle con uno sbattitore elettrico dotato di fruste, per renderle gonfie e spumose. Senza smettere di sbattere le uova, aggiungi a filo l’olio extravergine di oliva e, dopo, il latte. Setaccia nella ciotola la farina assieme al lievito e incorpora tutto delicatamente per non smontare le uova. Aggiungi anche il pepe nero macinato*.

Ciambella salata con soppressata e fave

È il momento di unire il formaggio, sia grattugiato che a cubetti, la soppressata tagliata a cubetti e le fave.

Ciambella salata con soppressata e fave

Versa l’impasto nello stampo a ciambella, imburrato e infarinato, e inforna tutto in forno statico preriscaldato a 180° per 50 minuti. Una volta cotta, sforna la ciambella e lasciala intiepidire per poterla sformare facilmente; una volta estratta, lascia raffreddare completamente la ciambella salata con soppressata e fave su una gratella.

Ciambella salata con soppressata e fave

Per la fonduta

Mentre la ciambella raffredda, puoi preparare la fonduta. Scalda il latte. In un altro pentolino fai sciogliere il burro, dopodiché aggiungi l’amido di mais e mescola con cura per 1 minuto fino ad ottenere una base liscia e senza grumi. Aggiungi ora il latte caldo, il sale, la noce moscata grattugiata e pepe bianco grattugiato.

Ciambella salata con soppressata e fave

Quando il composto inizia ad addensarsi, spegni il fuoco e aggiungi il formaggio grattugiato, mescolando fino al suo completo scioglimento. La crema dovrà risultare liscia e vellutata**.

Ciambella salata con soppressata e fave

Decorazione

Ora puoi decorare. Versa la fonduta sulla ciambella, senza però ricoprirla interamente; cospargila con la granella di pistacchi e finisci posizionando i pomodorini confit a mo’ di ciliegine. La tua ciambella salata con soppressata e fave è pronta!

Ciambella salata con soppressata e fave

Ciambella salata: note

*Io ho preferito non esagerare con il pepe nero, per non coprire la già marcata sapidità degli altri ingredienti.

**Se la fonduta dovesse risultare grumosa, niente paura: passala in un setaccio, pressandola con una spatola morbida, e vedrai che tornerà bella liscia!

A proposito di fave, ecco il mio tutorial su come pulirle!

Se stai cercando spunti per il picnic di Pasquetta, questa ciambella fa al caso tuo, ti lascio anche il mio speciale sulle ricette pasquali e se hai voglia di dolci, ecco il mio elenco di dolci di Pasqua!

Ciambella salata: conservazione

La ciambella salata con soppressata e fave si conserva per 2-3 giorni a temperatura ambiente sotto una campana di vetro. Consiglio anche di congelarla, ma liscia ovvero senza crema di formaggio e decorazioni: puoi farle al momento una volta scongelata la ciambella!

Ciambella salata: sapevi che…

La soppressata è un salume molto saporito particolarmente diffuso nel Sud Italia, soprattutto in Basilicata e Calabria dove viene prodotto ormai da secoli secondo tradizione; lo possiamo trovare anche in più varianti in base alle regioni e alle zone di provenienza. Il suo singolare nome deriva dalla particolare forma appiattita e schiacciata che gli viene conferita durante il processo di essiccazione.

 

18 Commenti

  1. Ciao Sonia, volevo provare a farla ma non ho il lievito per torte salate ma solo quello per dolci, va bene lo stesso?

    1. ciao Federica, diciamo che l’effetto è lo stesso, o dovrebbe esserlo, probabilmente, quel lievito contiene aroma di vaniglia. Vedi tu se così non fosse prova pure.

      1. Alla fine ho visto che questo lievito per dolci non era vanigliato quindi è perfetto comunque! Ho usato la pancetta affumicata al posto della soppressata e il formaggio latteria al posto del grana, nello stampo da plumcake ed è venuto bellissimo e buonissimo comunque. Grazie mille!

  2. Ciao Sonia, ti apprezzo tantissimo. Anche io ho ritrovato da poco il tuo sito e ne sono felice!!! Che ne penseresti di suggerire a margine la versione vegetariana delle tue ricette dove praticabile? Sarebbe molto utile per i tanti che non mangiano carne!
    grazie, sei mitica!

  3. Ho provato questa ricetta(adattata e senza pomodorini) ed é fantastica!!! Sono una mamma e ho pensato che fosse un ottimo modo per far mangiare delle verdure al mio bimbo… beh lui l’ha solo assaggiata ma noi grandi l’abbiamo divorata!!! Ho messo del prosciutto e delle zucchine passate un po in padella al posto di soppressata e fave, penso che si possa personalizzare in mille modi anche per ripulire il frigo: é l’idea della ciambella salata che é geniale… e la fonduta poi… da leccarsi i baffi 🙂 grazie grazie grazie!!!

  4. Grazie mille Sonia …Mi sono iscritta non so quante volte. ..La mia predisposizione x i computer è =a zero…ma sono sicura che riceverò tutto!!!???❤❤❤

    1. Alessandra probabilmente non hai confermato la tua iscrizione! Se ti sei iscritta allora hai ricevuto una email per la conferma, controlla che non sia in spam o in promozioni, cerca “sonia” nel motore di ricerca interno. Una volta trovata, clicca sul link all’interno!

  5. Ma x trovare tutte le ricette che presenti ogni giorno cerco nella tua pagina???

  6. Ti seguo da quando non ti eri ancora messa in proprio, adoro il tuo modo di fare molto preciso e ti ringrazio per i tuoi consigli! Da poco ho scoperto il tuo sito internet e sono stra-felicissimo di rivederti di nuovo in video! Non posso seguirti in TV ma lo farò tramite web. Grazie per essere tornata!

  7. Ciao;sarei felicissima di seguirti,ma l’orario purtroppo per me non è quello dei migliori;se posso darti un suggerimento ,forse l’orario giusto sarebbe quello delle ore 12.Complimenti,mi sara’ piu’ facile seguirti dal web,perche’ non ho nessuna intenzione di perdermi le tue ricette,Luisa Zaza.

    1. Ciao Lisa! Purtroppo non decido io gli orari della trasmissione 🙂 Considera che ogni giorno caricherò la ricetta (e la relativa metà puntata) sul mio sito come in questo caso e troverai tutte le puntate intere anche sul sito di Mediaset 🙂

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie