Crema fritta

Se è vero che ogni cosa è più buona se fritta, ovviamente anche la crema fritta (chiamata pure cremino) non fa eccezione: puoi prepararla come antipasto dolce o per dessert, ma anche accostarla ad altri fritti salati che compongono il caratteristico cartoccio all’ascolana come vuole la tradizione marchigiana.

Questi piccoli bocconcini dorati ti sorprenderanno due volte: la prima addentando la loro panatura croccante, la seconda non appena sentirai la vellutata dolcezza della pasticciera all’interno! Proprio qui sotto trovi la ricetta per realizzare queste piccole ghiottonerie ma scommetto che ti ho fatto venire voglia di dolce e di fritto per una merenda abbondante o un dopocena da condividere! Ecco, quindi, le altre ricette che puoi provare: graffe napoletane, bugie ripiene, bombe fritte, zeppole di San Giuseppe… di certo non ti manca la scelta!

Crema fritta pronta all'assaggio

PREPARAZIONE: 30 min. RIPOSO: 2 h. COTTURA: 30 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Crema fritta: ingredienti per circa 28 pezzi

latte fresco intero 350 g
panna fresca liquida 150 g
zucchero 130 g
tuorli 6
farina 00 60 g
sale 1 pizzico

Per la panatura

farina 00 q.b
albumi q.b
pangrattato q.b

Per friggere

olio di arachidi 1,5 l

Crema fritta: procedimento

Per la crema fritta, metti in un tegame il latte, la panna, lo zucchero e i tuorli; mi raccomando, tieni gli albumi da parte, poiché ti serviranno successivamente per realizzare la panatura. Amalgama e aggiungi anche la farina setacciata, a fuoco acceso. A questo punto, mescola per bene fino a farla addensare.

crema fritta

Una volta pronta, trasferisci la crema in una pirofila bassa e larga di cm 22 x cm 15 alta cm 4 e rivestita con la pellicola trasparente: in questo modo, quando si sarà rassodata, potrai estrarla facilmente* dalla pirofila. Lasciala raffreddare completamente e poi mettila in freezer per 2 ore a rassodarsi. Ora puoi estrarre la crema dalla pirofila aiutandoti con la pellicola che la sostiene. Tagliala a cubetti di 3 cm di lato del peso di circa 20 g ciascuno .

crema fritta ricetta

Prepara la panatura. In 3 pirofile differenti metti rispettivamente farina, albumi e pangrattato.

crema fritta facile

Ora, passa ogni cubetto molto bene nella farina, poi nell’albume e infine nel pangrattato e riponili su una teglia foderata con carta forno. Fai scaldare l’olio di arachidi portandolo a 175°*.

crema dolce fritta

Friggi pochi pezzi alla volta**. Gira la crema in frittura per avere una cottura uniforme, poi, una volta dorata, scolala e adagia ogni pezzo sulla carta assorbente.

crema pasticcera fritta

Crema fritta: note

* Solitamente, quando prepari la crema pasticciera, devi mettere la crema con pellicola a contatto, ma, in questo caso, questo passaggio non è necessario, perché è molto importante che la superficie si secchi.

** Sei in cerca di consigli per una frittura perfetta? Niente più segreti: ccco il mio tutorial!

Crema fritta: conservazione

Una volta pronta, ti consiglio di consumare al momento la crema fritta. Puoi anche congelarla, in questo modo: una volta tagliata a cubotti, impana la crema e congelala per poi lasciarla rinvenire in frigorifero e friggerla.

11 Commenti

  1. È favolosa, complimenti Sonia. La crema fritta si faceva sempre dalla mia nonna e devo dire che questa ricetta mi ha fatto riassopaorare il passato con grande gioia per le mie pupille gustative!
    Ho fatto una piccola modifica aggiungendo una piccola scorza di limone mentre cucinavo la crema. Poi l’ho tolta a fine cottura.
    La panatura è perfetta da seguire alla lettera.
    Ottima ricetta
    Grazie

  2. Ciao Sonia
    Tu scrivi che la crema fritta si puo anche congelare. Tu intendi toppo fritta? Dopo la passi un attimo in forno prima di servirla?
    Grazie

    1. Ciao Amelia! Ho specificato meglio la conservazione 🙂 Puoi coingelare la crema, impanata ma non fritta. Puoi poi procedere così: o la lasci rinvenire in frigorifero e poi la friggi, oppure la friggi da congelata, ma con il rischio che il cuore non sia del tutto decongelato 🙂

  3. Sonia buongiorno. Mi piacciono molto le tue ricette e sono anni che ti seguo. Un osservazione però. Usi tantissime uova nelle tue ricette e questa cosa le fa diventare un po’ pesanti.
    Una versione più light la preferirei molto ?.
    Grazie

    1. Ciao Ledia! A quali ricette ti riferisci esattamente? Se intendi i dolci, a base di crema, propongo le creme pasticciere da pasticceria 🙂

  4. Grazie della ricetta,io essendo di origine marchigiana (anche se da 50 anni vivo nel veneto)da noi si usa molto,ma domani provo la tua ricetta perché io usavo solo latte certamente con la panna sarà molto meglio.Sei fantastica ti seguo da G F.

  5. Si Sonia io lo fatta spesso sono di origine marchigiana anche se da 50 anni vivo nel Veneto,da noi nelle Marche si usa molto, ma domani provo la tua ricetta io ho sempre usato solo latte ma con la panna sarà sicuramente più buona.Grazie sei bravissima.

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie