Crostata di ricotta e visciole

Conosci le visciole? Sono ciliegie molto molto piccine, simili alle amarene per forma e per sapore, leggermente acidule. In centro Italia si conservano sotto zucchero o meglio ancora sottoforma di confettura…

E il meglio di sè lo fanno sicuramente in questo dolce delizioso, tipico della pasticceria laziale, che affonda le sue origini nella tradizione ebraica: la crostata di ricotta e visciole! Sotto la scorza dolce e croccante di pasta frolla si nasconde un cuore di crema di ricotta ricoperto da uno strato di confettura rossa e superogolosa.

Io la amo da sempre e, quando vedo le prime ciliegie sui banchi del mercato, la voglia di una fetta di questo dolce mi assale prepotentemente. Se anche tu fossi in balia della stessa sindrome, ti condivido la mia ricetta!

PREPARAZIONE: 45 min. COTTURA: 60 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: basso

Ingredienti per una tortiera svasata da 26 cm di diametro, alta 4 cm

Per la frolla

farina 0 400 g
uova medie 1 intera + 2 tuorli (sgusciate 50 g + 40 g)
zucchero 140 g
burro 150 g
limone la scorza grattugiata di 1
cannella in polvere ¼ di cucchiaino
vaniglia 1 bacca
liquore Sambuca 2 cucchiai
sale 1 pizzico

Per il ripieno

ricotta di pecora* 800 g
zucchero semolato 180 g
confettura di visciole 350 g

Per spennellare

uova 1
latte fresco intero 1 cucchiaio

Per spolverizzare

zucchero a velo 1 cucchiaio

Procedimento

La frolla

Nella ciotola di una planetaria munita di foglia, metti il burro a cubetti e lo zucchero**. Azionala per ottenere una crema, poi aggiungi le uova, la cannella, la scorza di limone, la vaniglia, il liquore e il sale. Unisci la farina e impasta.

Lavora il composto velocemente sul piano di lavoro e forma due palline. Stendi ogni pallina tra due fogli di carta forno e crea 2 cerchi di 28 cm e 30 cm che metterai in frigorifero per mezz’ora***.

Il ripieno

Setaccia la ricotta in un colino per due volte e ponila in una ciotola con lo zucchero. Amalgama.

Componi la crostata

Imburra e fodera il fondo dello stampo con un cerchio di carta forno. Prendi i dischi frolla e con quello più largo rivesti la tortiera, facendo debordare l’eccesso di pasta. Bucherella il fondo e distribuisci la confettura. Distribuisci poi la crema di ricotta e livellala. Chiudi con l’altro disco e sigilla i bordi, ripiegandoli per formare un bordo decorativo. Bucherella la superfice di questo disco e spennellalo con l’uovo sbattuto assieme al latte.

Cuoci in forno ventilato a 165° per circa 60 minuti. Se la superficie dovesse colorirsi troppo, coprila con un foglio di alluminio.Sforna la crostata, falla raffreddare, cospargila con lo zucchero a velo e servila

Note

* Scegli una ricotta di pecora, e scolala bene lasciandola in un setaccio anche una notte intera. Se proprio non la trovi, puoi usare una ricotta vaccina, facendo lo stesso procedimento

** Puoi ovviamente procedere sempre anche a mano, ma ti consiglio di fare in ogni caso la sabbiatura, cioè di intridere il burro di farina: il risultato finale sarà una frolla supergolosa!

*** Stendi la frolla tra due fogli di carta per farla raffreddare: in questo modo diventerà fredda prima e in modo più uniforme!

Crostate: ricette per la tua cucina!

Amo le crostate: farcire il guscio di frolla con ogni profumo e sapore possibile, è per me sempre una fonte di nuove sfide e nuovi accostamenti di sapori!

Ne ho fatte un sacco nel tempo, ti lascio qualche esempio!

Conservazione

La tua crostata sarà perfetta conservata in frigorifero per 3-4 giorni. Sconsiglio la congelazione.