Insalata di Lusia IGP

In cucina, mi piace sempre usare ingredienti diversi e di qualità, spaziare da dolce al salato, dall’antipasto al dessert. E oggi, voglio proporti un prodotto che mi ha stupito nella sua versatilità tanto quanto nell’eccellenza: l’Insalata di Lusia IGP. La conosci? Di seguito te la descrivo: pronti? Via alle presentazioni!

Caratteristiche e storia

L’Insalata di Lusia IGP appartiene alla famiglia Asteracee Lactuca Sativa. La possiamo trovare  in 2 varietà: Gentile e Capitata (o Cappuccia e Crispa). Vediamole nel dettaglio:

  • La varietà Capitata è caratterizzata da una foglia compatta e ondulata con margine intero. Presenta un colore verde medio brillante
  • La varietà Crispa ha una foglia bollosa con margine frastagliato e colore verde chiaro brillante
  • Si può gustare tutto l’anno, quindi possiamo realizzare tantissime ricette a seconda del momento e dell’occasione!
  • La sua conservazione ideale è in luogo freschi e asciutti. Quindi mi raccomando: presta attenzione a questi piccoli accorgimenti
  • La zona di produzione ricade all’interno di alcuni comuni della Provincia di Rovigo e di Padova: Lusia, Badia Polesine, Lendinara, Costa di Rovigo, Fratta Polesine, Villanova del Ghebbo, Rovigo, Barbona, Vescovana e Sant’Urbano, nella regione Veneto
  • L’orticoltura a Lusia è iniziata nei primi anni del 1900 e principalmente era destinata al consumo familiare. Nel secondo dopoguerra, con la concomitante crescita economica dell’intero Paese, anche l’insalata di Lusia ha incominciato ad essere venduta nel resto dell’Italia, diventando presto famosa.

Il riconoscimento IGP

L’Insalata di Lusia ha ottenuto iI prestigioso riconoscimento IGP nel 2009. Si tratta di un importante garanzia di qualità ed eccellenza in merito alle caratteristiche e alle zone specifiche di coltivazione e produzione.

Consigli in cucina

Oltre a gustarla in purezza, l’Insalata di Lusia IGP è perfetta per accompagnare secondi piatti di carne e di pesce. Io ho voluto realizzare un cremoso pesto da gustare con una fragrante focaccia. Ecco la ricetta!

Focaccia con pesto di Insalata di Lusia IGP, acciughe e burrata

Ingredienti per la focaccia

farina 00 250 g
farina manitoba 250 g
lievito di birra disidratato 7 g
olio extravergine d’oliva 30 g
acqua 350 g
sale 10 g

Per il pesto

Insalata di Lusia IGP 1 ceppo circa 400 g
acciughe sott’olio 8
burrata 250 g
formaggio grattugiato 50 g
aglio ½ spicchio
olio extravergine di oliva 50 g
sale q.b.
pepe q.b.

Procedimento

PER LA FOCACCIA

Nella ciotola di una planetaria munita di gancio metti le farine assieme al lievito. Aziona la macchina e versa a filo l’acqua con disciolto il sale e l’olio, e lavora il tutto fino a ottenere un impasto liscio. Non appena si sarà incordato, trasferiscilo su di un piano di lavoro leggermente unto. Forma una palla portando i lembi esterni al centro e trasferisci l’impasto in una ciotola unta sul fondo. Lascia lievitare in forno spento per 2 ore e mezza.

Una volta lievitato, stendilo su di una teglia di 37×25 cm unta sul fondo e lasciala lievitare un’altra mezzora nel forno spento.

PER IL PESTO

Mentre la focaccia lievita, metti in un bricco alto l’insalata lavata e tagliata a pezzi. Aggiungi l’olio e metà delle acciughe sott’olio, un pizzico di pepe, il formaggio grattugiato e frulla il tutto fino a ottenere una crema. Trasferiscila in un biberon per comodità.

Cuoci la tua focaccia in forno statico  preriscaldato a 220° per circa 18/20 minuti. Una volta pronta, estraila dal forno e lasciala raffreddare.

Prendi la focaccia ormai tiepida e distribuisci la crema di insalata, qualche pezzettino di burrata qua e là e le acciughe anch’esse spezzettate.

Ecco la tua focaccia: buon appetito!

Articolo realizzato con il contributo finanziato dal Regolamento UE n. 1144/2014 – Progetto DOP, PGI, F-V PROMO numero 101015732

[/su_note]

4.7/5
vota

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie