Pasta allo scarpariello

Magari leggendo il nome di questa ricetta ti sarai detto “Che titolo bizzarro!” A meno che tu non sia campano, e allora avrai subito annuito pensando a tutte le volte in cui hai gustato questo delizioso primo piatto!

La pasta allo scarpariello infatti nasce a Napoli, anzi nel cuore pulsante di Napoli ovvero i quartieri spagnoli. Il suo nome deriva proprio dagli scarpari, gli antichi calzolai che spesso, in cambio del lavoro svolto, non ricevevano denaro ma quei prodotti alimentari che ognuno aveva in casa o nell’orto.

Un piatto della tradizione partenopea veloce da preparare ed estremamente saporito i cui protagonisti sono il formaggio e il sugo di pomodoro, preparato di solito la domenica e poi riutilizzato per non buttar via nulla. Guarda questa immagine e dimmi… non ti è già venuta l’acquolina in bocca? E allora forza, prepariamo insieme il piatto di pasta più gustoso che ci sia!

Pasta allo scarpariello

PREPARAZIONE: 20 min. COTTURA: 30 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Ingredienti per 4 persone

paccheri 320 g
pomodoro passato (o pelati) 800 g
peperoncino fresco piccante 1
pecorino grattugiato 100 g
Parmigiano grattugiato 80 g
olio extravergine di oliva 4 cucchiai
basilico fresco 1 mazzetto
sale a piacere
aglio 1 spicchio

Procedimento

Per preparare la tua pasta allo scarpariello inizia pulendo il peperoncino: con un coltellino affilato dividilo a metà ed elimina i semini interni, poi tritalo finemente. Sbuccia l’aglio, taglialo in quarti ed elimina la parte interna, ossia l’anima*.

Pasta alla scarparielo

Versa in pentola l’olio e aggiungi aglio e peperoncino. Quando saranno ben rosolati, elimina l’aglio* e unisci la passata di pomodoro** o i pomodori pelati.

Pasta allo scarparielo

Mentre il sugo cuoce, porta a bollore abbondante acqua salata e cuoci la tua pasta***. Addensa il sugo, aggiustando di sale, scola la pasta molto al dente e buttala nel sugo. Amalgamala e porta a termine la cottura, se dovesse servire aggiungendo un po’ di acqua in cui hai cotto la pasta.

Paccheri allo scarpariello

Quando la pasta è cotta, spegni il fuoco, aggiungi pecorino e Parmigiano, mescola e amalgama tutto in modo da ottenere un sugo cremoso. Aggiungi ora il basilico spezzettato con le mani, dai un ultimo giro di cucchiaio e servi immediatamente la tua pasta allo scarpariello cremosa e filante!

Pastaa llo scarpariello

Note

* Se ami il sapore dell’aglio, puoi tritarlo finemente anziché dividerlo in quarti e lasciarlo nel sugo insieme al peperoncino

** Quando è stagione, puoi utilizzare i pomodori freschi,  come datterini o ciliegini

*** Io ho utilizzato per questa ricetta i paccheri, un tipo di pasta molto rustico che rilascia molto amido in cottura. Tu puoi fare come me oppure scegliere il formato che più ti piace.

Pasta corta vs pasta lunga

Tu sei più per il team pasta corta o lunga? Io, dico la verità, adoro la pasta corta, ma molto dipende anche dal tipo di condimento utilizzato. Certo, se posso scegliere… con un pacchero raggiungo la felicità! Eccoti qualche idea per l’uno e l’altro formato. Segui le mie ricette o divertiti a mescolare le carte. Unico limite? Il tuo gusto e la tua fantasia!

Conservazione

Una volta pronta, ti consiglio di gustare la tua pasta allo scarpariello al momento, calda e filante. Sconsiglio la congelazione.

3 Commenti

  1. Ciao Sonia..intanto complimenti x le tue ricette
    Bravissimo….Mi piace moltissimo di come tu presenti i tuoi piatti. Ottima spiegazione.😊
    Grazie mille!!

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie