Pasta verde agli spinaci

Quando ero piccola, vedere mia nonna e le mie zie preparare la pasta fresca era un vero spettacolo. Sbirciando dalla porta socchiusa della cucina, riuscivo a percepire la magia che si respirava in quei fatidici momenti: su una grande tavola posta al centro della stanza, mani esperte lavoravano uova e farina con un’abilità ineguagliabile, e a far da sottofondo un ritmato chiacchiericcio che sembrava scandire ogni singolo movimento. Le vedevo decise, armate di grembiule e mattarello, mentre tiravano con sicurezza una sfoglia così sottile da fare davvero invidia. Anche io, ammetto, ho ereditato da mia nonna questa passione, e per questo voglio condividere con te la mia pasta fresca agli spinaci.

Il bello di questa ricetta è proprio la sua grande versatilità: con lei, infatti, puoi preparare i formati di pasta più classici, dalle tagliatelle ai ravioli, e abbinarci sughi o ripieni dal sapore deciso per renderla ancora più gustosa; per esempio, io trovo che sia davvero imbattibile con un bel ragù di carne o verdure. Ecco, ora non ti resta che preparare gli strumenti del mestiere e metterti all’opera per preparare una pasta fresca da manuale!

Pasta fresca agli spinaci

PREPARAZIONE: 30 min. COTTURA: 5 min. DIFFICOLTA: bassa COSTO: economico

Ingredienti (per circa 350 g di pasta)

farina 00 200 g
uova medie 2
spinaci 40 g

Procedimento con la planetaria

Lava gli spinaci (o le erbette se preferisci) sotto l’acqua fresca corrente. Senza asciugarli, buttali dentro ad una pentola, copri con il coperchio e lascia che appassiscano a fuoco medio. Scolali, strizzali per bene* e lasciali raffreddare. Per cuocere, ci vorranno 5 minuti; non prolungare la cottura, altrimenti gli spinaci perderanno il loro bel colore brillante e diventeranno grigiastri. Quando saranno freddi, puoi frullarli (per ottenere una crema) oppure tritarli al coltello. Con la crema di spinaci otterrai della lasagne di un verde omogeneo, mentre se li triterai le lasagne ti appariranno con dei punti verde scuro, un po’ più rustiche.

Procedimento con planetaria

Nella ciotola di una planetaria munita di frusta K aggiungi la farina, le uova e gli spinaci.

Pasta fresca agli spinaci

Aziona la planetaria a velocità media fino ad ottenere un impasto omogeneo, quindi spegnila e trasferisci l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata. Con le mani conferisci all’impasto una forma sferica, coprilo con la pellicola trasparente e lascia riposare per almeno 30 minuti: pasta fresca agli spinaci pronta!

Pasta fresca agli spinaci

Procedimento a mano

Metti su una spianatoia di legno (o su un piano di lavoro a te comodo) la farina. Fai una bella conca larga al centro, rompici dentro le uova e sbattile con una forchetta; aggiungi gli spinaci e incorpora la farina finchè comincerai ad ottenere una pastella densa.

Ora puoi cominciare ad impastare con un tarocco e successivamente con le mani, fino ad ottenere un bell’impasto liscio ed omogeneo. Coprilo con la pellicola trasparente e lascialo riposare per almeno mezzora; il riposo serve a distendere le maglie glutiniche** e permetterti di lavorare successivamente l’impasto senza che si ritiri. Ora puoi tirare l’impasto con il mattarello.

Note

*Scolali dentro ad un passino a maglie fitte e poi schiacciali con il dorso di un cucchiaio, altrimenti mettili dentro ad un panno di cotone pulito e strizzali

**Lo sapevi che il movimento che fai durante l’impasto sviluppa il glutine contenuto nella farina? Il glutine conferisce elasticità all’impasto e la farina 00 ne contiene di meno rispetto alle altre farine.

La pasta verde agli spinaci è perfetta per realizzare delle gustose lasagne, il classico per eccellenza della domenica: ecco la mia ricetta!

E se gli spinaci sono la tua passione, ho quello che fa per te: prova il mio rotolo di frittata, gli spatzle, i cannelloni, la torta salata o gli gnocchi; non hai che l’imbarazzo della scelta!

Conservazione

Puoi conservare il panetto di impasto in frigorifero, ben avvolto nella pellicola trasparente o chiuso in un contenitore a chiusura ermetica. Una volta fatta, la pasta fresca agli spinaci va lasciata seccare bene, una volta pronta puoi congelare prima distesa su un vassoio e dopo trasferita in un sacchetto alimentare. Puoi mantenere la pasta fresca congelata per 3 mesi.

Sapevi che…

Per realizzare la pasta fresca colorata e ottenere un arcobaleno varipinto basta davvero poco! Qualche suggerimento? Oltre agli spinaci per il verde, puoi utilizzare anche molti altri ortaggi, spezie e polveri: la barbabietola per un viola intenso, lo zafferano o la curcuma per un bel giallo brillante, il nero di seppia per il nero, la zucca o le carote per l’arancione, il cacao amaro (o crudo) per il marrone e il concentrato di pomodoro per il rosso.

13 Comments

  1. Ciao sono incuriosita dalla tua ricetta ma per quante persone è di quantità?
    GRAZIE 😁

  2. Lo fatta è è buonissimaaaassss poi ho fatto i ravioli è li abbiamo mangiati a pranzo simili grazie soniaaaaa

  3. La pasta fatta in casa ha sempre il gusto del cibo vero, quello di una volta, preparato con amore… questa agli spinaci poi deve essere eccezionale!
    Buone Feste.

    1. Ciao Chiara! Se proprio non hai alternativa allora puoi ma devi assicurarti di strizzarli poi alla perfezione: quelli surgelati sono pieni di ghiaccio e sono frammenti compattati che in cottura rilasciano ulteriore acqua! 🙂 Anche il sapore sarà meno intenso rispetto agli spinaci freschi!

  4. Ciao Sonia, adoro gli spinaci! Alla fine della ricetta scrivi “tirare l’impasto”, ma non potrei dividerlo in filoni per fare degli gnocchi? (O per gli gnocchi consigli un altro impasto?) grazie. Sei fantastica!!

Comments are closed.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie