Polpo alla luciana

Il polpo, o meglio ancora i polipetti alla Luciana, sono una ricetta tipica della Campania. Anzi possiamo dire che ormai questo piatto di pesce davvero semplice è diventato un’icona della regione del Vesuvio, e anche io quando sono stata a Napoli non ho potuto fare a meno di assaggiarlo: ah, potete capire che il sacrificio sia stato abbastanza leggero! 

Quando mi sono ritrovata davanti la mia cocottina di terracotta piena di polipetti, sugo, olive ho avuto un solo dubbio: sarebbe stato sufficiente il pane che mi avevano portato per gustare tutta quella delizia? Scherzi a parte, si tratta di un secondo cui davvero è difficile resistere. La sua storia è antica e indissolubilmente legata al Borgo Santa Lucia, in zona Castel dell’Ovo, a Napoli. Sembra che gli abitanti di questo borgo, esperti pescatori, cercassero un modo semplice e goloso per consumare l’abbondante pescato, ed abbiano così fatto nascere il piatto come lo conosciamo ancora oggi. Erano infatti tra i migliori pescatori di polpi, animali molto astuti che difficilmente riescono ad essere catturati. Ma i pescatori del Borgo santa Lucia utilizzavano la tecnica magrebina dell’anfora: calavano in mare grosse anfore dentro le quali gli animali cercavano rifugio, e le ritiravano in barca piene di pescato. Che poi le loro donne cucinavano utilizzando poche materie prime e un’ingrediente fondamentale: il tempo!

Ora che ti ho raccontato un po’ di storia, passo a darti la ricetta, perchè so che sarai incuriosito: vieni in cucina con me! 

PREPARAZIONE: 20 min. COTTURA: 100 min.  DIFFICOLTÀ: facile COSTO: basso

Ingredienti per 4 persone

polipetti 8 ( circa 1 kg) *
pomodoro san marzano o ciliegino 600 g
olio extravergine d’oliva 100 g
peperoncino rosso 1
aglio 2 spicchi
capperi dissalati 30 g
olive nere di Gaeta 150 g
prezzemolo 1 ciuffo
sale q.b.
pepe q.b.

Per accompagnare

Fette di pane casereccio tostate

Procedimento

Per il polipo o i polipetti

Per prima cosa pulisci i polipetti: elimina le interiora presenti nella sacca e il rostro. lava bene le ventose, perché potrebbero contenere sabbia.

Per il sugo

Lata e taglia a metà i pomodori**. Taglia il peperoncino ed elimina i semini interni che sono la parte più piccante. Scalda l’olio con l’aglio sbucciato e il peperoncino tritato. Unisci i gambi del prezzemolo. Dopo qualche minuto elimina l’aglio, unisci i polipetti e falli rosolare a fiamma alta fino a che diventeranno rossastri.

Aggiungi i pomodorini, un mestolo di acqua calda, i capperi e le olive. Cuoci i polipetti a fiamma bassa coperti per circa 90 minuti ***.

Quando saranno teneri, aggiusta di sale e pepe,unisci una manciata di prezzemolo tritato, adagiali su un piatto da portata e accompagnali con fette di pane tostato per servirli.

Note

* Puoi  usare i polipetti più piccini o un unico grande polpo: in questo secondo caso, prolungherai di qualche minuto la cottura

** In inverno puoi utilizzare anche pomodori pelati o datterini conservati al naturale: il tuo polpo sarà comunque buonissimo

*** La cottura per avere un polpo tenero e succoso è abbastanza lunga: non servirà aggiungere acqua o brodo perché il pesce cuocerà in quella che lui stesso rilascerà. Come dice il famoso proverbio napoletano: “‘O purpo se coce int’ all’acqua soja”: oltre che un buon precetto culinario indica anche che le persone devono essere lasciate libere di percorrere la loro strada anche quando è palese che sia quella sbagliata!

Polpo che passione

Il polpo è uno dei prodotti del mare che più amo: versatile e gustoso, si presta ad infiniti condimenti, con un gusto sempre speciale. Si tratta di un prodotto spesso al centro delle ricette più tradizionali, ma è anche goloso e perfetto per piatti innovativi: io ti mostro i modi in cui l’ho preparato io!

Conservazione

Il tuo polpo alla luciana si conserva bene in frigorifero ben chiuso in un contenitore ermetico per 24 ore: il giorno dopo sarà ancora più buono. Volendo puoi anche congelarlo per un paio di mesi .

5.0/5
vota

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie