Risotto allo champagne e gamberi

Se si pensa alle Feste e al Capodanno le associ immediatamente a qualche cosa di importante, degno dell’anno che sta per iniziare e degna conclusione dell’anno in corso. Qualcosa per fare uno strappo alla regola e cui dedicare ingredienti d’eccezione. Viene anche spontaneo pensare al pesce, vero? Ecco allora qualche idea: i gamberi imperiali, i gamberoni in pasta kataifi, le ostriche ai sei gusti, le capesante gratinate. Manca qualcosa… un bel risotto! Ecco allora il mio risotto allo champagne e gamberi, arricchito da un fumetto intensissimo in cui la nota del brandy fa la differenza. 

L’ho proposto spesso negli ultimi anni, proprio durante le Feste e non c’è stata volta in cui non abbia avuto successo; e la cosa bella è che farlo non è affatto complicato! Pronto allora? Calici alla mano, tanta gente o in due a lume di candela, questo elegante risotto allo champagne e gamberi saprà contribuire alla giusta atmosfera. 

Risotto allo champagne e gamberi, decorato con pepe rosa in grani

PREPARAZIONE: 30 min. COTTURA: 60 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: medio alto

Ingredienti per 4 persone

Per la marinatura dei gamberi

gamberi 12
timo 2 rametti
limone scorza grattugiata di 1/4
olio extravergine di oliva 10 g

Per cuocere i gamberi

lardo 12 fette

Per il fumetto

carapaci e scarti dei 12 gamberi
carote 1
sedano 1 costa
cipolla mezza
olio extravergine di oliva 40 g
aglio 1 spicchio
prezzemolo 2 ciuffetti
brandy 100 g
champagne 200 g
pepe nero macinato q.b.
sale fino q.b.
acqua 1 l oppure brodo vegetale

Per il risotto

riso Carnaroli 300 g
scalogno 50 g
burro 50 gr + una noce per mantecare
champagne 200 g
sale q.b.
fumetto 800 g

Per decorare

pepe rosa in grani q.b.
timo qualche fogliolina

Procedimento

Pulisci i gamberi e falli marinare

Per fare il risotto allo champagne e gamberi, inizia a pulire i gamberi. Togli testa, zampe, carapace e intestino seguendo il mio tutorial dettagliato su come pulire i gamberi. Mi raccomando: tieni tutti gli scarti, tranne gli intestini.

Ora fai marinare i gamberi con olio extravergine di oliva, la scorza grattugiata del limone, le foglioline di timo. Lasciali marinare coperti con pellicola trasparente, in frigorifero.

Avvolgi ora una fetta di lardo attorno a ogni gambero, quindi disponili su una leccarda foderata con carta forno.

Fai il fumetto

Scalda l’acqua. Monda carote e sedano e tagliali a metà. Taglia a metà anche la cipolla e schiaccia l’aglio lasciandolo in camicia (con la buccia). Fai rosolare tutto in una padella capiente, assieme all’olio extravergine di oliva. Aggiungi gli scarti dei gamberi e schiaccia per bene le teste con un mestolo per fare fuoriuscire il prezioso succo. Sfuma con il brandy, dall’aroma particolarmente adatto ai crostacei, e dopo anche con il vino bianco, che da una piacevole nota di acidità. Ora aggiungi l’acqua bollente e copri tutto con il coperchio. Dopo mezzora abbondante filtra tutto:  il tuo fumetto* è pronto.

Il risotto

Accendi il forno a 200°. Scalda il fumetto, tenendolo al caldo per tutto il tempo. Monda e trita lo scalogno**, per farlo rosolare bene assieme al burro. Fai ora tostare il riso per un paio di minuti: questa fase è molto importante per mantenere poi i chicchi belli croccanti.

Sfuma con lo champagne e mescola in continuazione fino a farlo assorbire completamente. A questo punto, irrora con un mestolo di fumetto caldo alla volta. Il risotto cuoce in 18 minuti*** (con il riso della varietà Carnaroli).

A metà cottura inforna i gamberi per 10-12 minuti. In questo modo saranno pronti assieme al risotto.

Manteca il risotto a fine cottura con una noce di burro, lasciandolo all’onda (piuttosto cremoso e non troppo asciutto). Sforna i gamberi.

Impiatta

Metti una porzione di risotto al centro del piatto, battendo sul fondo per lasciare che si distribuisca senza doverlo toccare. Metti al centro 3 gamberi a porzione e decora con il pepe rosa in grani e qualche fogliolina di timo.

Note

* Se dovesse avanzarti del fumetto, non buttarlo ma congelalo! Gli stampi per il ghiaccio sono perfetti, così da avere sempre una dose a disposizione per insaporire altri risotti o un piatto di pasta! Qui puoi trovare il mio tutorial

** Per ottenere un trito da manuale, ecco il mio tutorial su come tagliare la cipolla

***Ho specificato i tempi precisi di cottura perché ogni tipologia di riso ha le proprie tempistiche! Leggi quindi sulla confezione le indicazioni a riguardo.

Idee per primi piatti eleganti

Questo risotto è davvero spettacolare, una vera bontà da gustare per un’occasione speciale. Qui ti suggerisco anche altre idee raffinate:

Conservazione

Una volta pronto, consiglio di servire e consumare subito il risotto. Puoi pulire i gamberi il giorno prima al massimo, per fare in anticipo il fumetto. Non consiglio di congelare il risotto.

-->

4 Commenti

  1. Ciao Sonia,
    purtroppo non ho il forno per cuocere i gamberi. Come potrei fare in alternativa?
    Grazie in anticipo per il tuo aiuto e buone feste!
    Laura

  2. Sonia ma se non ho lo champagne e il brandy e voglio sostituirli con qualcos altro sempre dal gusto delicato? Cosa posso usare? Grazie

  3. buongiorno, ma se utilizzo i gamberi rossi di mazzara del vallo secondo lei diventa superfluo il lardo? grazie mille

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie