Una torta semplice, soffice e profumata all'arancia, tipica della toscana e legata alla tradizione del Carnevale

Schiacciata fiorentina

  • Preparazione: 0h 30m
  • Cottura: 0h 30m
  • Riposo: 3h 15m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: basso
  • Porzioni: 10 porzioni
  • Metodo cottura: Forno
  • Cucina: Italiana, Toscana

Non facciamo confusione: anche se ha lo stesso nome di un lievitato salato ideale da mangiare con i salumi, la schiacciata fiorentina che ti propongo oggi è un dolce semplice, tipica della cucina toscana e tradizionalmente preparata in occasione del Carnevale (anche se ormai è facile trovarlo in tutta Italia in qualsiasi periodo dell’anno). A dispetto di molti altri dolci dedicati a questa ricorrenza (frittelle, graffe, castagnole, chiacchiere, fritole, e così via), non è fritto né farcito con crema pasticcera, bensì leggero come un Pan di Spagna e arricchito solo da un raffinato profumo d’arancia.

Ingredienti

per una teglia di cm 25×38, alta 2,5 cm

  • Farina manitoba 400 g
  • Lievito di birra disidratato 4 g
  • Acqua fredda 300 g
  • Uova medie 2
  • Tuorlo d’uovo 1
  • Zucchero a velo 150 g
  • Burro 150 g
  • Arance la scorza2
  • Sale 1 pizzico

per decorare

  • Zucchero a velo q.b.
  • Cacao amaro in polvere q.b.

Allergeni

Cereali e derivati Uova Latte

Procedimento

Metti nella ciotola di una planetaria munita di gancio la farina e il lievito. Aziona la macchina e versa a filo l’acqua fino a far incordare l’impasto, ovvero si dovrà staccare dalle pareti della ciotola della planetaria ed attorcigliarsi attorno al gancio.

Una volta pronto, ribalta l’impasto sul piano di lavoro leggermente unto e fai un giro di pieghe portando il lembo superiore dell’impasto verso il centro, poi nello stesso modo ripiega quello inferiore, poi quello di destra e di sinistra, infine ribalta l’impasto e lascialo riposare per 15 minuti sotto una ciotola rovesciata.

Trascorso il tempo indicato, ti ritroverai un impasto molto più asciutto, liscio ed elastico senza l’aggiunta di farina; forma una palla, adagiala in una ciotola imburrata, copri con pellicola e fallo lievitare per 2 ore nel forno spento.

Fondi il burro a bagnomaria o al microonde, aggiungici la scorza grattugiata delle arance e lascialo intiepidire.

Trascorso il tempo di lievitazione, rimetti l’impasto in planetaria sempre col gancio. Azionala, unisci le uova sbattute poche per volta, lo zucchero setacciato e il sale; infine, il burro fuso agrumato un po’ alla volta. L’impasto risulterà piuttosto molle ed elastico.

Imburra e rivesti la teglia con carta forno, quindi trasferiscici il composto e livellalo. Fallo lievitare per un’ora nel forno spento, poi cuocilo in modalità statica a 180° per 25 minuti.

Una volta cotta, estrai la schiacciata dal forno, lasciala raffreddare e poi ponila sopra un piatto, spolverizzandola abbondantemente con lo zucchero a velo. Poni al centro della schiacciata uno stencil con la sagoma del giglio toscano e spolverizza con abbondante cacao. Elimina lo stencil delicatamente e la tua schiacciata fiorentina è pronta!

Note & consigli

*In alternativa al lievito essiccato puoi usare 12,5 g di lievito di birra fresco.

Varianti della ricetta

L’impasto è reso giallo e dorato, prezioso, dall’aggiunta della scorza e del succo di arancia, anche se qualcuno per esaltare il colore unisce all’impasto anche un po’ di polvere di zafferano.

Se vuoi provare altre ricette di dolci toscani, ti suggerisco anche

Conservazione

Se conservata sotto una campana di vetro, a temperatura ambiente, la tua torta resterà morbida e profumata per un paio di giorni.

Puoi anche congelarla e conservarla in freezer per 1 mese.

Curiosità

La ricetta originale della schiacciata fiorentina prevedeva una lunghissima lievitazione e l’aggiunta di strutto, ma nel tempo la necessità di preparare la torta in modo più rapido e leggero, ha portato alla versione attuale. Restano invece la classica forma rettangolare, la copertura di zucchero a velo e la decorazione con un giglio in cacao, stemma della città di Firenze.

 

5.0/5
vota