Spaghetti con ragù di crostacei, bottarga e limone

Spaghetti con ragù di crostacei, bottarga e limone…. A casa mi prendono tutti in giro perchè quando sperimento un piatto mi piace poi elencare nel titolo tutti gli ingredienti che ho usato. “Si fa prima a mangiarlo che a pronunciarlo” mi dicono. 

E forse in questo caso mi tocca ammettere (sottovoce eh, che non sentano) che hanno ragione! Ma solo perchè questo primo è così buono che lo si mangia davvero in un batter di ciglia! Si tratta di una coccola da concedersi nelle occasioni speciali, lo so, perchè il ragù di crostacei e la bottarga non sono ingredienti da tutti i giorni, ma credo fortemente che sia uno dei migliori comfort food mai assaggiati. 

Ricco, godurioso, profumato, questo piatto di spaghetti inebria la vista e l’olfatto ancora prima del gusto! E in un attimo la mente torna al mare, ai giorni di sole passati con i piedi nell’acqua e la testa ad elaborare progetti e pensieri… Funziona, è un vero toccasana!

PREPARAZIONE: 4omin. COTTURA: 25 min.  DIFFICOLTÀ: facile COSTO: alto

Ingredienti per 4 persone

Spaghettoni Grandi n. 414 De Cecco 320 g

Per il ragù di crostacei

aragoste 2 da circa 350 g l’una*
gamberi argentini 15 puliti (circa 250 g)
bottarga 25 g circa
aglio 1 spicchio
timo 2 rametti
vino bianco secco 100 g
olio extravergine d’oliva 60 g
sale q.b.
peperoncino fresco 1

Per la tartare di gamberi

gamberi rossi 8 ( circa 120 g)
olio extravegine d’oliva q.b.
limone la scorza di ½
sale e pepe q.b.

Per la salsa di pomodoro a freddo

pomodori ramati 750 g
olio extravegine d’oliva q.b.
basilico 10 foglie
aglio ½ spicchio
timo 3 rametti
sale q.b.
pepe q.b.

Procedimento

Per la salsa di pomdoro

Metti a bollire una pentola piena di acqua; elimina la parte verde dei pomodori, lavali e asciugali, poi incidi una croce sulla parte opposta a dov’era attaccato il picciolo, immergi i pomodori nell’acqua bollente e alla ripresa del bollore, lasciali cuocere per 3 minuti. Non appena vedrai staccarsi la pelle, scolali, pelali e tagliali in due. Strizzali eliminando i semi e la parte acquosa interna, poi tagliali a pezzetti più piccoli e mettili in un bricco alto. Aggiungi le foglie di basilico, il sale e il pepe, mezzo spicchio di aglio (puoi metterne anche solo ¼ di spicchio se lo vuoi più leggero) e l’olio . Frulla il tutto con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema liscia e vellutata, che terrai da parte. Aggiusta eventualmente di sale.

La tartare di gamberi

Sguscia i gamberi, elimina il filo dell’ intestino** che si trova sul dorso con uno stuzzicadenti e tagliali a coltello fino a ridurli in piccoli pezzettini. Mettili in una ciotola, condiscili con sale, pepe, un filo di olio  e la scorza del limone, mescola il tutto e tieni da parte in frigorifero.

Il ragù di crostacei

Tenendo fermo il corpo dell’aragosta con una mano, con l’altra gira la testa fino a staccarla. Taglia la corazza al centro del dorso con una forbice da cucina, aprila ed estrai la polpa interna. Elimina il filo centrale dell’intestino, sciacquala velocemente sotto l’acqua corrente, asciugala e tagliala a strisce e poi in piccoli cubetti, mettendoli in una ciotola. Elimina la corazza esterna (carapace) dei gamberi, con uno stuzzicadenti, elimina il filo nero dell’intestino situato sul dorso e taglia anch’essi a pezzetti che unirai alla polpa di aragosta.

Fai scaldare l’olio  assieme al peperoncino, alle foglioline di timo e all’aglio tagliato a metà; non appena quest’ultimo si sarà dorato, eliminalo, alza la fiamma e unisci i crostacei. Falli rosolare un paio di minuti, aggiungi il vino bianco e dopo un minuto spegni il fuoco. Così facendo rimarranno umidi grazie al vino e ai succhi che avranno rilasciato durante la cottura.

Cuoci la pasta e impiatta

Fai bollire una pentola di acqua, salala e cuoci la pasta fino a portarla quasi a cottura. Quando mancheranno un paio di minuti per la cottura al dente, scolala e metti la pasta nella pentola con il ragù. Finisci la cottura della pasta assieme al ragù di crostacei aggiungendo un paio di mestolini di sugo di pomodoro e, se fosse necessario, aggiungi dell’acqua di cottura della pasta. Mi raccomando la pasta deve rimanere cremosa!

Una volta pronta, metti sul fondo dei piatti la salsa di pomodoro adagiaci sopra un nido di spaghetti, grattugiaci delle lamelle di bottarga*** e disponi sopra ad ognuno di essi una quenelle di tartare di gamberi e un ciuffetto di timo.
I tuoi spaghetti con ragù di crostacei, bottarga e limone sono pronti! Buon appetito!

Note

* Per una soluzione meno costosa puoi acquistare la polpa di granchio o di aragosta che vendono già confezionata. Non sarà lo stesso, ma il gusto non ne risentirà eccessivamente

** Se vuoi guarda il mio tutorial su Come pulire i gamberi , sarà tutto più semplice!

*** La bottarga può essere di tonno o di muggine: entrambe deliziose, sono prodotte facendo essiccare la sacca delle uova dei due pesci e sono un fiore all’occhiello della produzione ittica sarda.

Primi piatti di pesce: golosi e saporiti

I primi di pesce, almeno per chi vive a Milano, fanno sempre un po’ “vacanza”. Io amo prepararli, perchè sono una buona via di mezzo per convincere tutti a gustare questo alimento non sempre amato. Tra le mie ricette preferite ci sono queste:

Conservazione

I tuoi spaghetti al ragù di crostacei vanno gustati appena fatti! Non ti consiglio la congelazione.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie