Foto torta di crepes

Torta di crepes al ginger bread con crema allo zabaione

  • Preparazione: 2h 30m
  • Cottura: 0h 40m
  • Riposo: 4h 0m
  • Difficoltà: media
  • Costo: basso
  • Metodo cottura: Fornello

La torta di crepes al ginger bread con crema allo zabaione è un dolce speziato, scenografico ma più semplice da realizzare di quel che sembra. E’ ideale per la tua tavola delle Feste, come alternativa ai più tradizionali dessert tipici di questo periodo dell’anno. Puoi dedicarti a prepararlo anche insieme ai bambini: si divertiranno a decorarlo con stelline e altri dettagli che evocano il Natale!

Ingredienti

PER 8 CREPES

  • Farina 00 210 g
  • Latte intero 400 g
  • Uova 3
  • Burro 35 g
  • Cannella in polvere5 g
  • Zenzero in polvere5 g
  • Chiodi di garofano in polvere0.5 cucchiaino
  • Noce moscata in polvere1 pizzico
  • Sale 1 pizzico

PER LA CREMA ALLO ZABAIONE

  • Latte intero 720 g
  • Marsala 300 g
  • Tuorli d’uovo (240 g)12
  • Zucchero 300 g
  • Amido di mais 60 g
  • Amido di riso 60 g

PER LA FARCITURA

  • Mandorle a lamelle 140 g

PER LA DECORAZIONE

  • Panna fresca liquida da montare300 g
  • Zucchero a velo 100 g
  • Stelline di cioccolato o zucchero q.b.
  • Cacao amaro in polvere q.b.

Allergeni

Cereali e derivati Latte Uova Frutta a guscio

Procedimento

PER LE CREPES

Inizia la preparazione della tua torta di crepes partendo dalla pastella: sciogli il burro in un pentolino a fuoco basso (oppure nel microonde a 600w procedendo un minuto alla volta), quindi lascialo intiepidire.

In un’altra ciotola sbatti le uova e il latte con una frusta. Quando avrai ottenuto un composto ben amalgamato, inserisci il burro fuso mescolando, poi aggiungi il sale e le spezie in polvere, versa a pioggia la farina setacciata in precedenza, sempre mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi.

Quando la pastella risulterà liscia, omogenea e vellutata, copri la ciotola con della pellicola e lasciala riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

*Se vuoi saperne di più su come preparare un impasto perfetto, consulta la mia guida sullecrepes e quella su come realizzarle senza glutine e lattosio.

PER LA CREMA ALLO ZABAIONE

Versa il latte e il Marsala in un pentolino e portali a sfiorare il bollore.
In una ciotola sbatti i tuorli e lo zucchero con una frusta, aggiungi anche i due amidi setacciati, sempre amalgamando. Infine, unisci al composto anche il latte al Marsala.

Mescola il tutto, rimetti nel pentolino e fai scaldare a fuoco basso fino a ottenere una crema densa. Quindi versala in una pirofila bassa e larga, copri con pellicola a contatto e lascia raffreddare 30 minuti a temperatura ambiente e un’altra ora in frigorifero.

COTTURA

Estrai la pastella del frigorifero. Scalda la Crepes Maker Party Time. Quando sarà ben calda, preleva la pastella usando un mestolino (in modo da utilizzare circa 70 g di impasto per ogni crepes e ottenerne 8 in totale), versala al centro della piastra e spargila bene su tutta la superficie utilizzando l’apposito attrezzo di legno, in modo da ottenere crepes di spessore omogeneo.

Lascia cuocere per un paio di minuti da entrambi i lati: capirai che è il momento di girare la crepe quando vedrai che il composto inizia a staccarsi da solo dalla piastra. A cottura ultimata preleva ogni crepe con una spatola e tienila da parte a raffreddare.

ASSEMBLAGGIO

Prendi le crepe ormai fredde e, utilizzando come sagoma il cerchio della tortiera in cui monterai la torta, rifila i bordi con un coltello affilato, in modo che possano entrare facilmente nello stampo (in alternativa usa come coppapasta un cerchio da pasticcere da 26 cm di diametro).

Ottenute delle crepes di forma circolare perfetta, inizia a montare la torta dentro lo stampo con cerchio apribile (se usi l’anello da pasticcere monta la torta direttamente su un piatto da portata) foderando i bordi con una striscia di acetato o di carta da forno.

Inizia disponendo sul fondo una crepe, coprila con 200 g di crema allo zabaione, stendendola bene con una spatola a gomito per ottenere uno strato sottile e uniforme. Sopra la crema distribuisci 20 g di mandorle a lamelle e ricopri con un’altra crepe. Continua così fino a esaurire tutti gli ingredienti (in totale otterrai 7 strati) e metti la torta a rassodare in frigorifero per 1-2 ore.

PER LA DECORAZIONE

Sforma la torta e ribaltala con delicatezza su un piatto da portata, in modo che il fondo risulti la parte superiore e rimuovi il fondo della tortiera. Tutte queste operazioni non sono necessarie se utilizzi un cerchio da pasticcere appoggiato su un piatto da portata. In tal caso ti basterà rimuovere l’anello e l’acetato.

In una ciotola monta la panna fredda di frigo insieme allo zucchero a velo usando lo sbattitore elettrico; mettila in una sac à poche con bocchetta liscia di 13 mm di diametro e fai degli spuntoni su tutta la superficie della torta in modo da ricoprirla completamente.

Dai il tocco finale decorando con delle stelline di zucchero o di cioccolato, oppure con un’altra guarnizione a tua scelta e una spolverata leggerissima di cacao amaro in polvere.

Note & consigli

Le crepes si prestano a diverse preparazioni sia dolci che salate. Per un dessert o una merenda semplice e veloce da realizzare ti suggerisco di provare anche le mie crepes con cream cheese e frutta, mentre per una preparazione più complessa e declinata in versione salata puoi optare per una torta di crespelle salata o per una torta di crespelle al pesto e taleggio.

 

Varianti della ricetta

Le crepes sono ormai un piatto internazionale: in Bretagna prendono il nome di krampouezh, in Germania ci sono le kaiserschmarrn, più particolarmente spesse e abbinate a zucchero e marmellata, in Russia ed Ucrania si preparano i blinis, che però sono lievitati e generalmente abbinati a ingredienti salati. Più simili alle nostre crespelle sono invece le palacsinte ungheresi (che si preparano senza burro) e le cryspes inglesi, preparate con il bianco dell’uovo, la farina e il latte e poi fritte.

Restando in Italia, una delle varianti regionali che si possono incontrare sono i testaroli, sottili sfoglie di pasta e farina di farro che si preparano tra Liguria e Toscana e prendono il nome dai “testi”, cioè dalle particolari ciotole rotonde di terracotta che vengono messe sulla griglia a testa in giù in modo che la pastella cuocia sul fondo arroventato.

Curiosità

Le crepes (o crespelle) furono inventate forse nel V secolo, quando il pontefice Gelasio ordinò ai propri cuochi di preparare un cibo semplice ma nutriente per sfamare i pellegrini francesi arrivati a Roma. Nacquero così delle frittatine a base di uova e farina, che poi furono esportate in Francia dove divennero una ricetta “porta-fortuna” per via dell’usanza di esprimere un desiderio nel momento in cui venivano girate in padella.

4.6/5
vota