Meringhette salate con gazpacho

Uno dei brani del musical Notre Dame de Paris, scritto da Riccardo Cocciante ed interpretato dalla bella Esmeralda, racconta nostalgico della Spagna. Terra e cielo, sapori e colori: “ma sopra un mare immaginario viaggio e me ne vado via, sui monti dell’Andalusia”. Da questa magnifica regione arriva il fresco e sapido gazpacho, la zuppa fredda a base di peperoni, pomodoro e aromi. L’ho usato come base per un antipasto che non puoi perderti per nulla al mondo: le meringhette salate con gazpacho è stata un’idea che ha conquistato tutti; trasporta chi lo assaggia in un’avventura sensoriale: si parte dall’Italia con meringhette fritte e insaporite dal nostro Grana Padano, per arrivare poi a fare un tuffo nell’iberico gazpacho. 

Credimi, appena finito ne vorrai ancora! Cosa amo di questa ricetta? Il suo essere versatile e adatto per tutto l’anno: usando i pomodori pelati puoi proporre questo antipasto favoloso anche fuori stagione per un buffet informale, in un’occasione di festa o per un aperitivo in casa tra amici. Prova le mie meringhette salate con gazpacho e fammi sapere se son riuscita a dare inizio al tuo viaggio.

Meringhette salate con gazpacho, servite in invitanti monoporzioni

PREPARAZIONE: 20 min. COTTURA: 15 min. DIFFICOLTÀ: facile. COSTO: economico.

Meringhette salate con gazpacho: ingredienti per 4 persone

Per le meringhette, 4 a porzione

Grana Padano grattugiato 16 mesi 100 g
uova 2 solo albumi*
amido di mais 20 g
paprika affumicata 1 cucchiaio
paprika piccante 1 g
timo 3-4 rametti
sale fino 1 pizzico
olio di arachidi mezzo litro per friggere e q.b. per formare le meringhe

Per il gazpacho, per 3 porzioni

pomodori pelati in scatola 500 g
cipolla di Tropea 50 g
peperoni rossi 160 g
cetrioli 100 g
aceto di vino bianco 1 cucchiaio
succo di lime 1 cucchiaio
olio extravergine di oliva 50 g
pane raffermo 60 g di mollica
ghiaccio 3 cubetti**
sale fino q.b.
pepe nero macinato q.b.
germogli freschi misti q.b. per decorare***

Meringhette salate con gazpacho: procedimento

Il gazpacho

Per fare le meringhette salate con gazpacho, inizia dalla base. Occupati degli ortaggi: segui il mio tutorial su come pulire e tagliare i peperoni, quindi tagliali a tocchetti. Lava, asciuga e pela il cetriolo per tagliare poi anche questo. Monda ora la cipolla di Tropea, riducendola a spicchi.

Taglia la mollica di pane raffermo; metti i pelati e tutti gli ingredienti in un frullatore o food processor (un robot da cucina munito di lame). Quando tutto si è ridotto a purea aggiungi il succo di lime, l’aceto, l’olio extravergine di oliva e il ghiaccio. Frulla bene. Travasa ora il gazpacho in un contenitore e lascialo riposare in frigorifero fino al momento di servirlo.

Quando è stagione, per fare il gazpacho puoi certamente usare 500 g di pomodori ben maturi.

Le meringhette

Realizzare queste meringhe salate è molto semplice. Separa i tuorli dagli albumi e monta questi ultimi a neve soda. Ora, delicatamente e mescolando dal basso verso l’alto, incorpora il Grana Padano grattugiato. Aggiungi anche la paprika affumicata, quella piccante e l’amido di mais. Per ultimi il sale fino e le foglioline di timo.

Il composto ottenuto è corposo, malleabile. Ungiti leggermente le mani e preleva una noce di impasto, dagli una forma sferica aiutandoti con il palmo della mano.

Friggi le meringhette

Porta l’olio di arachidi ad una temperatura massima di 175°, non oltre e non troppo inferiore perché altrimenti il tuo fritto ne subirebbe un irreparabile danno. Per saperne di più consulta il mio tutorial su come ottenere il fritto perfetto! Raggiunta la temperatura e tenendola costante con un termometro da cucina, friggi poche meringhe alla volta. Quando sono belle dorate – impiegano 2-3 minuti – puoi scolarle su un foglio di carta forno o assorbente. Infila ora 4 meringhe salate su uno spiedo di legno.

Componi il piatto

Finisci di condire il gazpacho con sale fino e pepe, poi versalo nei bicchierini. Decora ciascun bicchierino con una porzione di germogli, quindi adagia sui bordi di ogni bicchierino uno spiedo. Le tue meringhette salate con gazpacho sono pronte!

Meringhette salate con gazpacho: note

*Puoi usare i tuorli avanzati per una bella carbonara!

**In questa ricetta, il ghiaccio serve certamente a raffreddare il gazpacho ma soprattutto a non fare ossidare le verdure.

***Puoi trovare i germogli nel banco frigo o ortofrutticolo dei supermercati più forniti. Ho usato germogli di alfa alfa, barbabietola e ravanello ma tu puoi optare per uno solo di questi. In alternativa, puoi decorare con qualche fogliolina di insalata fresca tagliata magari alla chiffonade.

Meringhette salate con gazpacho: conservazione

Puoi conservare il gazpacho liscio in frigorifero per un paio di giorni al massimo. Non consiglio di congelarlo. Consiglio di preparare le meringhe salate all’ultimo momento e consiglio di non congelare nemmeno queste. Puoi conservare le meringhette salate con gazpacho per qualche ora, anche se l’ideale è consumare il piatto appena composto.

Meringhette salate con gazpacho: sapevi che…

Le origini del gazpacho sono antichissime e sono arricchite dal valore aggiunto di varie stratificazioni culturali: inizialmente, nel periodo ellenistico, era una bevanda rinfrescante a base di acqua e vino; nell’ottavo secolo durante l’invasione araba della Spagna venne accompagnato dall’aggiunta di sale e olio d’oliva, infine nel tardo Medioevo vennero aggiunte le verdure. In tutti questi secoli ha conservato inoltre la sua caratteristica principale: va sempre gustato freddo!

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie