Millefoglie con crema alla vaniglia e mele

Certi dolci sono cattivissimi, perfidi. Nel senso che sembrano nascere per provocarti! O meglio, chi li fa è veramente senza cuore… come si fa a resistere davanti ad una millefoglie con crema alla vaniglia e mele speziate? Oppure, chessò, davanti ad un tortino con cuore fondente o un tronchetto di Natale con crema di marron glacé? Chi si trova davanti questi dolci è combattuto perché vorrebbe avventarsi ma allo stesso tempo preservarne l’estetica così elegante. 

In questo caso, sono io la cattiva. Ma non lo faccio apposta, è che amo presentare una ricetta buona come meglio merita: puoi dunque lasciar da parte il “è un peccato mangiarla” e fiondarti subito e senza controllo su questa millefoglie! A me fa solo piacere, mi riempie il cuore di gioia vedere la soddisfazione sui volti di chi assaggia ciò che preparo. Senza questo aspetto, il mio lavoro probabilmente sarebbe un altro a quest’ora. Ecco allora, dopo il tiramisù di mele in bicchiere, la millefoglie con crema di vaniglia e mele. Tutto per te!

Millefoglie con crema alla vaniglia e mele, decorata con frutti di bosco freschi

PREPARAZIONE: 40 min. COTTURA: 20 min. RAFFREDDAMENTO: 20 min. per le mele + 1h per la crema DIFFICOLTÀ: facile. COSTO: economico.

Millefoglie con crema alla vaniglia e mele: ingredienti per 4 persone

pasta sfoglia rettangolare 1 rotolo
zucchero a velo q.b.

Per le mele sciroppate

mele fuji 2, da circa 250 g l’una
acqua 1 l
zucchero semolato 500 g
anice stellato 2
cannella 1 stecca
chiodi di garofano 5

Per la crema pasticciera

latte fresco intero 350 g
panna fresca liquida 150 g
amido di mais 25 g
amido di riso 25 g
zucchero semolato 120 g
uova medie 4 tuorli (circa 80 g)*
vaniglia 1 bacca

Per decorare

ribes e mirtilli q.b.
menta qualche fogliolina

Millefoglie con crema alla vaniglia e mele: procedimento

La crema

Per prima cosa fai la crema pasticcera. Separa gli albumi* dai tuorli e monta questi ultimi per 10 minuti in una ciotola assieme allo zucchero. Puoi usare lo sbattitore elettrico. Aggiungi ora i semini della bacca di vaniglia**. Infine, gli amidi setacciati.

In un pentolino scalda latte e panna. Quando sfiorano il bollore versa il composto di uova e attendi senza mescolare. Appena riprende bollore, soprattutto al centro del composto, spegni il fuoco e mescola vigorosamente con una frusta a mano. La crema è pronta, travasala in una pirofila bassa e larga e lasciala raffreddare in frigorifero. Coprila a contatto con la pellicola trasparente, in alternativa cospargi la superficie con pochissimo zucchero semolato per poi coprire la pirofila con la pellicola.

Le mele

In un pentolino scioglie acqua e zucchero, assieme alle spezie: anice stellato, cannella in stecca e chiodi di garofano e porta a bollore.

Sbuccia le mele*** e, con un apposito scavino, ricava delle sfere dalla polpa. Immergile nello sciroppo in ebollizione e lasciale sbollentare per 1 minuto. Ora spegni il fuoco, immergi una schiumarola adagiandola sulle mele e, sopra la schiumarola poni una ciotolina che faccia da peso: in questo modo le mele non affioreranno in superficie e rimarranno belle bianche. Lasciale raffreddare nello sciroppo e scolale una volta fredde.

La sfoglia

Srotola la pasta sfoglia e mettila con la carta sottostante su una leccarda da forno, quindi ricava delle sagome rettangolari di 10 x 5 cm. Puoi aiutarti realizzando una sagoma di carta forno, delle stesse dimensioni e con una rotella tagliapasta; taglia le sagome direttamente sulla stessa carta in cui la sfoglia viene venduta, in modo da non deformarle; bucherella la sfoglia con i rebbi di una forchetta e spolverizza la superficie con lo zucchero a velo. Posiziona sulle sfoglie una gratella, per evitare che si gonfino in cottura. Infornale in forno statico preriscaldato a 180° per 10 minuti: devono risultare belle dorate. Una volta sfornate, elimina la gratella, lasciale raffreddare e tienile da parte.

Assembla la millefoglie

Lavora qualche minuto la crema pasticcera con una frusta per renderla nuovamente cremosa, quindi trasferiscila in due sac à poche: una munita di bocchetta tonda, l’altra di bocchetta a stella.

Posiziona 6 sfere di mela sulla sfoglia, spremendo però prima una punta di crema sotto ad ogni pallina, per tenerle in posizione. Tra una sfera e l’altra, spremi della crema con la sac à poche con bocchetta liscia. Copri le mele con un’altra sfoglia e questa volta ottieni delle graziose roselline di crema usando la sac à poche con bocchetta a stella. Decora ogni dessert con una sfera di mela al centro, qualche frutto di bosco lateralmente e una fogliolina di menta. La tua millefoglie con crema alla vaniglia e mele è pronta, servila immediatamente!

Millefoglie con crema alla vaniglia e mele: note

*Usa gli albumi avanzati per delle bellissime e buonissime meringhe alla francese! Puoi sbriciolarle sulla superficie della millefoglie per decorarla.

*Segui il mio tutorial su come utilizzare la bacca di vaniglia! Scopri anche come riciclarla.

***Ho usato mele fuji per la loro polpa dolce e molto croccante.

Millefoglie con crema alla vaniglia e mele: conservazione

Consiglio vivamente di consumare subito la millefoglie con crema alla vaniglia e mele, perché in breve tempo la sfoglia perderebbe croccantezza. Puoi preparare massimo il giorno prima la crema e le sfoglie: conserva la prima in frigorifero e le altre in una scatola di latta, ben chiusa perché temono l’umidità. Puoi preparare anche le mele il giorno prima, conservandole nello sciroppo ben chiuse in un vasetto. Non consiglio di congelare il dolce.

3 Commenti

  1. Ciao Sonia, sei sempre la mia preferita 🥰. Perché la mia crema non viene mai così bella soda? L’unica cosa differente è che non uso la panna, ma un buon latte intero fresco. Grazie

    1. Ciao Rosanna, probabilmente la panna darebbe un po più di stabilità perchè piu grassa del latte.
      Buona cucina

  2. Ciao Sonia volevo complimentarmi per la tua nuova trasmissione, l’ho vista oggi per la prima volta, oltre la tua bravura fa la differenza la ricchezza dei dettagli e dei piccoli consigli che fanno si che ogni tua ricetta sia un successo anche per chi non è un esperto. Brava. Auguri per il nuovo anno.

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie