Pasta fresca di semola

Quando penso all’infanzia, in generale, c’è un’immagine ben precisa nella mia testa. Bambini che giocano, tutti sporchi di terra, con fili d’erba tra i capelli scompigliati e le guance colorite. L’immagine di me stessa durante l’infanzia è molto simile a quella appena descritta, con la differenza che io giocavo con uova e farina e i miei capelli erano pieni di impasto finito lì chissà come. Tutta colpa di genetica, tradizione e abitudine perché tra nonni austriaci e friulani e genitori calabresi e milanesi, ne ho viste di tutti i colori. Questa è stata la più grande fortuna della mia vita, ovvero imparare l’essenza del mondo a partire dalla cucina di casa. Sono felicissima quindi di mostrarti come fare in casa uno degli ingredienti cardine della nostra cultura: la pasta fresca di semola.

Orecchiette, cavatelli, scialatielli e chi più ne ha più ne metta… insomma, per un’occasione speciale non può mancare una genuina pasta all’uovo per delle lasagne insuperabili, oppure la pasta fresca di semola. Davvero semplice da fare, puoi condirla poi come più ti piace. Io sono stata fortunata perché sin da bambina son sempre stata coinvolta in queste cose: prepara la pasta con i piccoli di casa. Sarà un ricordo indelebile.

Pasta fresca di semola, per tutti i formati che preferisci

PREPARAZIONE: 15 min. RIPOSO: 15 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Ingredienti per 4 persone

farina di semola rimacinata di grano duro 250 g
olio extravergine di oliva 10 g
acqua 130 g

Procedimento con la planetaria

Versa la farina nella ciotola di una planetaria munita di frusta K, aggiungi l’acqua e l’olio a filo. Aziona la planetaria a velocità media fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Pasta fresca di semola

Una volta pronto, spegni la planetaria, trasferisci l’impasto sulla spianatoia e lavoralo per ottenere la forma di una sfera: avvolgi il panetto nella pellicola trasparente e lascialo riposare in frigorifero o al fresco per 10-15 minuti. Il tuo impasto è pronto!

Pasta fresca di semola

Procedimento a mano

Per fare la pasta fresca di semola, metti la farina in una ciotola o se preferisci sul piano di lavoro. Aggiungi ora l’acqua e l’olio extravergine di oliva. Lavora l’impasto fino a che non sarà abbastanza compatto.

Pasta fresca di semola

Trasferisci tutto sul piano di lavoro e continua a impastare fino ad ottenere un impasto liscio*. Pressa e spingi l’impasto dal centro verso l’esterni per renderlo elastico. Avvolgi ora il panetto ottenuto nella pellicola trasparente e lascialo riposare in frigorifero o al fresco per 10-15 minuti. Ora puoi usare la pasta fresca di semola per i formati che preferisci stendendola con la macchina tirapasta o con il mattarello!

Pasta fresca di semola

Note

* Mi raccomando, non aggiungere farina se ti sembra molle: insisti e la maglia glutinica si svilupperà, rendendo l’impasto corposo e malleabile.

Pasta fresca di semola: formati e curiosità

La pasta fresca di semola è una base molto versatile che si presta per tanti formati di pasta tipici del Sud Italia: qualche esempio? I cavatelli, gli strascinati, gli scialatielli, le orecchiette, gli spaghetti alla chitarra.

Devi sapere che la semola è il risultato della macinazione del grano duro, ossia una farina di colore giallo chiaro dalla consistenza più granulosa rispetto a quella ottenuta dalla macinazione del grano tenero.

Conservazione

Se non la usi subito dopo il riposo, puoi conservare la pasta fresca di semola in frigorifero per 4 giorni al massimo, senza tenerla coperta. Se vuoi tenerla di scorta, congela il panetto oppure il formato di pasta: prima su un vassoio e poi, una volta induritosi, trasferiscilo in un sacchetto gelo.

32 Commenti

  1. Ciao Sonia,quando faccio le orecchiette con l’acqua e la semola a volte l’impasto mentre lo lavoro o lo arrotolo si sgretola…dove sbaglio?!O dipende dalla semola?

    1. Ciao Camilla, potrebbe dipendere dalla semola, perchè magari è di una qualità che assorbe più acqua.
      Regolati con la quantità di acqua o aggiungi qualche goccia di olio.
      Buona cucina

  2. Ciao Sonia volevo chiederti come mai le tagliatelle in cottura mi si spezzano?? E se posso usare questo impasto per i ravioli??

    1. Ciao, le tagliatelle non si spezzano, e sicuramente puoi usare l’impasto per i ravioli

    1. Ciao Tania, non è necessario mettere il sale perchè poi andrai a salare l’acqua della pasta.
      Buona serata

      1. Ciao Sonia. Per evitare che i cavateli si attacchino tra di loro, a parte metterli separati, c’è un altro modo?
        Grazie mille

  3. Buongiorno Sonia,
    è possibile conservare la pasta fatta…farla seccare…e tenerla “in dispensa” come quella del supermercato?
    Grazie mille per i preziosi consigli!

    1. Ciao Carolina, si può conservare per qualche giorno ma poi ammuffirebbe. Quella dei supermercati , viene essiccata e gli viene tolta l’umidità.
      Buona giornata

  4. Salve è poi leggera o pesante della farina normale? Nel senso quale delle due farine è più digeribile. Grazie

    1. Ciao Emy sicuramente, con la farina di grano duro, poichè non userai le uova nell’impasto.
      buona giornata

    1. Ciao Emanuela, puoi metterlo se vuoi alcuni lo fanno. Non è necessario poichè poii andrai a salare l’acqua della pasta.

  5. Ciao Sonia,
    se invece volessi seccarla come quella che si compra al supermercato….
    Si presta questa ricetta? Ho una macchina per la pasta per impastare e per tagliarla nei vari formati.
    Grazie

  6. Buongiorno Sonia, faccio sempre i ravioli con la semola, acqua e sale e quando avanza finisco con tagliatelle, non avevo mai letto si potesse aggiungere l’olio a cosa serve ??? Grazie, sei fantastica, un bacione.😘

  7. Ciao Sonia, volevo chiederti se potresti fare un tutorial su come si fanno le orecchiette!
    Mi piacerebbe imparare la manualità per questo formato di pasta che mi sembra essere tutt’altro che semplice! Grazie. 🙂

    1. Ciao Tiziana, grazie mille del prezioso suggerimento. Mi segno tutto in agenda per il futuro. Un caro saluto e un abbraccio 😉

  8. grazie per la ricetta! non ho mai immaginato di usare il robot per preparare la pasta ed ecco! che pasta liscia che fa 🙂

  9. Buongiorno Sonia. Ma bisogna aggiungere obbligatoriamente l’olio o si può omettere? Grazie

  10. Ciao Sonia, sono celiaca e mi piacerebbe poter fare la pasta fresca all’uovo senza glutine. U na volta ho provato ma è stato un disastro al momento di fare la sfoglia per fare le tagliatelle si è rotta tutta. Hai qualche ricetta? Grazie

  11. Ciao Sonia, scusa ma non ho capito bene quando dici di conservare l impasto in frigo per massimo 4 giorni ma non coperto. Cioè neanche avvolto in pellicola? Ti ringrazio in anticipo un abbraccio

  12. ciao sonia, per 6/8 persone di quanto dovrei aumentare le dosi?
    inoltre consigli di mettere un pizzico di sale nell’impasto? grazie

    1. Ciao Vincenzo! Essendo pasta fresca è difficile darti una tempistica precisa: dipende molto dalla sua umidità e soprattutto dallo spessore con cui la si forma alla fine 🙂 Teoricamente 5-6 minuti dovrebbero bastare ma tieni monitorata la situazione!

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie