Pastella per fritti

  • Preparazione: 0h 5m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: basso
  • Porzioni: 450 g
  • Metodo cottura: Frittura
  • Cucina: Italiana

Più la ricetta è semplice e basilare più il mio entusiasmo cresce, perché sono questi i casi in cui mi lascio totalmente andare e seguo la mia fantasia! La pastella per fritti è perfetta per questo scopo, posso seguire i miei gusti personali aggiungendo uno spicchio d'aglio schiacciato e dei pomodorini secchi tagliati fini, oppure i gusti della mia famiglia: Grana Padano per mia figlia Laura, un'acciughina tritata per Deborah, molto pepe e peperoncino per Francesco e senza sale ma con un pizzico di zucchero per Valentina.

Una ricetta, mille possibilità! Anzi, in questo caso le ricette sono ben due. Due versioni della stessa pastella per fritti classica, con e senza uova per avere comunque un'alternativa con quello che si ha in casa o per alleggerire la consistenza del fritto che otterrai.

Finalmente, dopo i miei consigli su quale pastella scegliere e sulle regole per ottenere il fritto perfetto, ecco la mia ricetta della pastella classica: parti da qui e aggiungi tutto il colore che vuoi!

Ingredienti per 450 g di pastella

Per la pastella con uova

  • Farina 00*150 g
  • Acquafrizzante fredda200 g
  • Uova2
  • Sale** q.b.
  • Pepe** q.b.

Per la pastella senza uova

  • Farina 00*150 g
  • Acquafrizzante fredda300
  • Sale** q.b.
  • Pepe** q.b.

Allergeni

Cereali e derivati Uova

Procedimento

La pastella per fritti è molto semplice da preparare, inizia da quella con uova e disponi due ciotole distinte per entrambe le varianti

Versione con uova

In una ciotola versa l'acqua. Rompi al suo interno l'uovo e aggiungi la farina. Mescola bene con una frusta manuale abbastanza a lungo per ottenere una consistenza vellutata e senza grumi.

Pastella per fritti

Condisci la pastella, se vuoi, con un pizzico di sale e una macinata di pepe nero. Ecco pronta la tua pastella per fritti con le uova.

Fiori di zucca in pastella fritti

Versione senza uova

In un'altra ciotola versa l'acqua e aggiungi a pioggia la farina, mescolando senza sosta con una frusta manuale mentre la versi. La pastella dovrà risultare liscia e senza grumi. Aggiusta se vuoi di sale e pepe nero ed ecco: la tua pastella per fritti senza uova è pronta!

Pastella per fritti

Note & consigli

Stai cercando una pastella che sia senza glutine? Prova il mio fritto misto di pesce!

[su_posts id="12571" posts_per_page="2" taxonomy="partner" tax_operator="0" order="desc" ignore_sticky_posts="yes"][su_post field="ID" post_id="549"][/su_posts]

*Fare la pastella per fritti sembra una banalità e di solito se ne usa una per qualsiasi ricetta e alimento da cuocere, ma è un peccato perché ci si perde un'enorme quantità di sapori e sfumature! Ecco la mia guida su quale pastella scegliere.

**Sale e pepe nella pastella sono opzionali. Aggiungendo il sale assicurati poi di mescolare bene la pastella in modo tale che si sciolga: essendo igroscopico può causare imprevisti in frittura. Ecco nel dettaglio questo e altri consigli su come ottenere il fritto perfetto. Se hai intenzione di friggere elementi dolci, come ad esempio le classiche fette di mela, consiglio di lasciare la pastella senza sale e senza pepe, o al massimo di sostituire entrambi con un pizzico di zucchero.

Le due pastelle si distinguono solamente per la consistenza e la copertura dell'alimento: più corposa e avvolgente quella con l'uovo, più leggera e liquida quella senza uovo. Puoi aumentare la densità di quest'ultima aggiungendo un po' di farina a seconda dei tuoi gusti.

Conservazione

Puoi conservare la pastella per fritti per 1 giorno al massimo in frigorifero ben chiusa in un contenitore ermetico e con pellicola trasparente a contatto. Non consiglio di congelarla.

4.8/5
vota