Pita gyros senza glutine

Passeggiare lentamente tra le strade assolate di qualsiasi paesino greco ti fa sentire davvero in un mondo a parte: bianco candido e lucente, azzurro vivido e brillante, quel verde intenso delle piante e le cicale sempre a suonare. Oltre alla bellezza, la Grecia offre ovviamente annche una miriade di piatti strepitosi da assaggiare, imperdibili. Te ne cito alcuni? Lo tzatziki, ossia la celebre salsa d’accompagnamento a base di yogurt, e i souvlaki, favolosi spiedini che fan venire l’acquolina in bocca.

Oggi mi sono ispirata, prendendo come base le pita: un lievitato salato che non è pane nè piadina, e che viene servita quotidianamente durante i pasti. La versione più amata si chiama pita gyros, che è uno street food in quanto la pita è offerta con un’abbondante farcitura. Buona, vero? Ho pensato anche ai celiaci, con questa buonissima pita gyros senza glutine!

PREPARAZIONE: 30 min. LIEVITAZIONE: 120 min. COTTURA: 6 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

ingredienti per 4 pita gyros

Per l’impasto

farina senza glutine 500 g
lievito di birra disidratato 4 g
acqua calda 400 g + q.b. per spennellare
sale 8 g
olio extravergine di oliva 10 g + q.b. per la ciotola

Per lo tzatziki

cetrioli 200 g
yogurt greco 350 g
aglio 1 spicchio
aceto di vino bianco 1 cucchiaio
aneto 2 rametti tritati
olio evo 20 g
sale q.b.

Per il ripieno

lonza di maiale 1 kg
pomodori ramati 200 g
patatine fritte 400 g
cipolla rossa 1
insalata iceberg 200 g
olio extravergine di oliva q.b.
sale e pepe q.b.

procedimento

Lo tzatziki

Lava i cetrioli ed elimina le estremità, poi grattugiali con una grattugia a julienne. Sala e metti i cetrioli in un colino sospeso in una ciotola a scolare dell’acqua di vegetazione per almeno un’ora con un peso sopra.
Trascorso il tempo indicato, strizza bene i cetrioli e mettili in una ciotola aggiungendo lo yogurt greco, l’aglio schiacciato, l’aceto di vino bianco, l’aneto tritato, l’olio e il sale. Mischia tutto e il tuo tzatziki è pronto!

La carne

Taglia la lonza a fettine sottilissime e poi taglia ogni fetta in 3 pezzi.
Metti la carne in  una ciotola e condiscila con olio evo, sale e pepe e mischia per amalgamare tutti i sapori. Disponi la carne condita su una teglia foderata con carta forno a cuocere in forno statico preriscaldato a 250° per circa 20 minuti, quindi estraila dal forno a tienila al caldo.

L’impasto

Per preparare la pita senza glutine io ho usato una planetaria munita di gancio ma puoi procedere anche a mano. Unisci nella ciotola l’acqua calda in cui avrai disciolto il lievito e la farina: aziona fino a che l’impasto non inizia ad amalgamarsi, poi incorpora anche l’olio.

Trasferisci l’impasto in una ciotola oliata e modellalo giusto il tempo di ottenere una sfera e ungi anche la superficie dell’impasto. Copri con la pellicola trasparente. Procedi con la lievitazione**: in forno spento e con luce di cortesia accesa, per 2 ore.

Dopo la lievitazione, dividi l’impasto in 4 porzioni uguali aiutandoti con della farina senza glutine e modella ciascun pezzo per renderlo sferico, poi stendilo con un matterello fino ad ottenere un cerchio del diametro di circa 18 cm.

Una volta formate le pita, ungile con una miscela di acqua e olio extravergine di oliva, quindi cuocile: in forno statico preriscaldato a 250° per 5-6 minuti.

Se dovessi fare più infornate, ricordati di tenere le pita ancora crude sempre ben coperte con pellicola trasparente, perché si seccano facilmente.

Mano a mano che le cuocerai, ricordati di tenerle impilate una sull’altra e impellicolate perchè rimangano umide e morbide, pronte per essere piegate.

Una volta cotte, non ti resta che farcirle con una cucchiaiata abbondante di tzatziki, che spalmerai, dell’insalata iceberg tagliata  sottilmente, dei pomodori affettati, della cipolla tagliata finemente, la carne di lonza e le patatine fritte.

note

** Un altro metodo è il seguente: fare le porzioni con l’impasto non ancora lievitato. Una volta ottenuto l’impasto, dividilo immediatamente in 4 porzioni e modellale per ottenere già dei dischi di 18 cm di diametro. Procedi ora alla lievitazione, in teglie ben unte e ungendo anche l’impasto stesso, e coprendo con pellicola trasparente ad uso alimentare. Una volta lievitate, puoi cuocerle direttamente, avendo cura di spennellarle con acqua e olio come indicato nel procedimento.

conservazione

Una volta pronte, servi le pita immediatamente o tiepide o fredde. Puoi congelarle.

1 Commento

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie