Confettura di uva fragola

Settembre è proprio un mese particolare. A metà tra l’estate e l’autunno, ancora molto caldo in molte aree d’Italia, cieli sereni, vento caldo ma foglie che cominciano ad imbiondirsi. Umidità più fresca. Ce ne regala di prelibatezze, molte delle quali sono concessioni di brevissima vita: finferli, fichi e uva fragola adesso vanno per la maggiore e dobbiamo approfittarne. Ecco dunque, dopo la ciaccia con uva fragola e i sugoli, la confettura di uva fragola di cui sono davvero ghiotta!

Intensa nel sapore e nel colore, molto profumata e semplicissima da realizzare, è l’ideale per accompagnare pane tostato a colazione o un bel formaggio stagionato a fine pasto o per un aperitivo sofisticato. Anche questa farà compagnia alla mia confettura di fichi e lamponi, per avere una nota d’autunno per tutto l’anno. Se non l’hai mai assaggiata dunque, insisto di provarla. Sono sicurissima che te ne innamorerai!

Confettura di uva fragola

PREPARAZIONE: 10 min. COTTURA: 60 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Confettura di uva fragola: ingredienti per 3 vasetti da 330 gr

uva fragola 1 kg
limoni succo di uno
zucchero semolato 600 g

Confettura di uva fragola: procedimento

Per fare la confettura di uva fragola, lava bene e asciuga l’uva. Sgrana gli acini e ponili in un tegame capiente.

Ottieni il succo da mezzo limone e versalo, filtrato, nel tegame assieme all’uva. Unisci anche lo zucchero. Lascia cuocere a fuoco medio per circa mezzora, fino a che l’uva non rilasci tutto il suo succo.

Setaccia ora la confettura con il passa verdure, per accumulare semini e buccia. Riponi sul fuoco la polpa.

Cuocila a fuoco medio fino al raggiungimento di 105° di temperatura. A questo punto fai la prova piattino; versa una goccia di confettura sul piattino inclinato: se questa cola allora la confettura deve cuocere ancora, se rimane stabile allora è pronta. Travasa la confettura di uva fragola nel vasetto ben sterilizzato*, chiudilo e lascialo raffreddare a testa in giù.

Confettura di uva fragola

Confettura di uva fragola: note

Consiglio a chi segue un’alimentazione vegana di prestare attenzione allo zucchero che si acquista, considerando che la riuscita della ricetta sarà un successo con ogni tipo di zucchero.

*Per sterilizzare i vasetti devi portarli a bollore assieme ai tappi. In ebollizione proteggili con un canovaccio, per evitare che si frantumino collidendo uno contro l’altro. Per asciugarli non tamponarli ma usa il forno, impostato a bassa temperatura. Una volta riempiti i vasetti, devi ottenere il sottovuoto: riponili, ben chiusi, di nuovo a bollore e lasciali infine capovolti fino al raffreddamento.

Confettura di uva fragola: conservazione

Puoi conservare a lungo la confettura di uva fragola, tenendo i vasetti in un luogo asciutto e senza l’esposizione ai raggi solari.

10 Commenti

  1. Ciao ho fatto la marmellata di uva usando l’estrattore per togliere i semi, è venuta molto liquida il problema é l’estrazione?

  2. Ciao Sonia, ma uva fragola è molto dolce e mi sembr tanto zucchero, io di solito uso il 30%, cosa pensi tu?

    1. Ciao Vanda! Le dosi che propongo nelle ricette sono sempre testate e di mio gusto 🙂 Puoi anche diminuire la proporzione di zucchero ma in questo caso fai bollire più a lungo la confettura: oltre a dolcificare, lo zucchero fa da conservante e conferisce anche struttura 🙂

  3. Ciao Sonia..ricetta molto Stupende…non posso trovare le parole sufficente per dirti Grazie

  4. Ciao Sonia, finalmente riesco a vedere la ricetta! Come mai non ci sono i pesi x l’uva e lo zucchero? Vuol dire che ognuno mette la quantità che preferisce?

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie