Pesto di capperi

Adatto a tutti, una soluzione vegetariana e vegana, un sapore intensissimo nella sua semplicità, pochi ingredienti frutto della nostra terra più antica. Parlo del pesto di capperi, in cui capperi eoliani, mandorle, prezzemolo e basilico si uniscono per dar vita ad uno dei miei condimenti preferiti in assoluto. Non amo le vie di mezzo: per me, come un dolce deve essere dolce, una salsa deve essere decisa e protagonista nel piatto. E soprattutto abbondante, le porzioni da pulcino quando si tratta di pasta al pesto alla genovesealla siciliana o di rucola a casa mia sono bandite!

Se ti rivedi in questa descrizione e ti è venuta l’acquolina pensando alla salinità stuzzicante di questa ricetta, non lasciarti sfuggire il pesto di capperi; puoi ottenerlo in una manciata di minuti, soprattutto se non ti formalizzi e usi un comodo mixer, risolvendo i dilemmi su cosa preparare per soddisfare tutti. Sì, perché quando hai ospiti a cena ti devi inventare qualcosa di semplice e d’effetto, da fare in grandi quantità evitando però una spesa dispendiosa. Ecco, ti ho appena svelato il mio asso nella manica: tieni il mio pesto di pomodori secchi o questo di capperi in congelatore o in frigorifero e hai già in tasca la soluzione!

PREPARAZIONE: 10 min. COTTURA: 15 min. per tostare DIFFICOLTÀ: facile COSTO: economico

Ingredienti per 4 persone

capperi eoliani sotto sale 100 g*
mandorle spelate 60 g
basilico 10 gr di foglie
prezzemolo 20 gr di foglie
olio extravergine di oliva 100 g

Procedimento

Per fare il pesto di capperi, per prima cosa occupati delle mandorle. Disponile in una pirofila e falle tostare per 15 minuti in forno statico preriscaldato a 180°.

Pesto di capperi

Metti in ammollo i capperi in un po’ d’acqua e sciacquali ripetutamente, fino a raggiungere la sapidità desiderata. Consiglio di assaggiarli, per non rischiare di ottenere alla fine un pesto troppo salato.

Pesto di capperi

Una volta dissalati, asciugali meglio che puoi con la carta assorbente. Trasferiscili direttamente nel food processor (un robot munito di lame) oppure in un mixer.

Pesto di capperi

Lava bene il basilico e il prezzemolo, quindi metti le foglie nel mixer. Aggiungi anche le mandorle.

Pesto di capperi

Per ultimo, l’olio extravergine di oliva. Frulla tutto con la funzione pulse, oppure azionando il robot pochi secondi per volta**. Dovrai ottenere una salsa densa e omogenea. Il tuo pesto di capperi è pronto!

Pesto di capperi

Note

*Consiglio i capperi eoliani perché sono un fiore all’occhiello di questa nostra bella terra; in alternativa, puoi però usare i capperi che hai a disposizione, l’importante è che siano sotto sale e non sott’aceto!

**Questo consiglio è molto importante per non ossidare basilico e prezzemolo; inoltre, eviterà di surriscaldare troppo le mandorle.

Conservazione

Puoi conservare il pesto di capperi fresco per 3 giorni in frigorifero, oppure più a lungo in un vasetto sterilizzato e ben chiuso. Se opti per questa opzione, ti consiglio di versare nel vasetto un po’ di olio extravergine di oliva. Puoi anche congelarlo in comode monoporzioni usando gli stampini per il ghiaccio; in questo caso non serve scongelarlo, basterà stemperarlo con l’acqua di cottura della pasta che devi usare per mantecare.

6 Comments

  1. Ciao Sonia, se volessi regalare dei vasetti di pesto di capperi e mandorle dovrei semplicemente sterilizzare i vasetti, riempirlo col pesto, coprire con olio e chiudere bene?
    Fino a quanto tempo si conserva?

    Grazie,

    1. ciao Licia, devi strillare intanto i barattoli, usa quelli Coin la cottura ermetica, detti Fido.vanno consumati entro pochi giorni , ma non mi sento di darti una data per la scadenza.
      Buona giornata

  2. Cara Sonia posso usare i pinoli al posto delle mandorle? Grazie e tanti saluti dal Paraguay!!!

Comments are closed.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie