Torta tiramisù su tovaglietta bianca e blu con ciotoline di cacao e zucchero e uova

Torta tiramisù

  • Preparazione: 1h 30m
  • Cottura: 0h 35m
  • Riposo: 4h 0m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: basso
  • Porzioni: 8 persone
  • Metodo cottura: Forno

Il dolce che ti propongo è una rivisitazione sottoforma di torta del tiramisù classico, di cui recupera l’uso di alcuni ingredienti essenziali (crema al mascarpone, caffè e cacao), ma rispetto alla quale prevede la sostituzione dei tradizionali savoiardi, con una base di pan di Spagna che puoi preparare a casa! Il risultato sarà un dolce che conserva tutto il gusto dell’originale, ma con un aspetto più scenografico che ti assicurerà di fare bella figura in ogni occasione.

 

Ingredienti per una tortiera con diametro da 21 cm (altezza 6 cm)

PER IL PAN DI SPAGNA

  • Uova medie 5
  • Farina 00 110 g
  • Fecola di patate 50 g
  • Zucchero 150 g
  • Sale q.b.
  • Estratto di vaniglia 1 cucchiaino

PER LA CREMA

  • Mascarpone 380 g
  • Panna fresca liquida 115 g
  • Zucchero 180 g
  • Tuorlo d’uovo pastorizzato 90 g
  • Albume d’uovo pastorizzato 140 g
  • Gelatina alimentare in fogli 16 g

PER LA BAGNA

  • Caffè espresso 220 g
  • Zucchero 50 g

PER COMPLETARE

  • Cacao amaro in polvere q.b.

Allergeni

Uova Cereali e derivati Latte

Procedimento

PER IL PAN DI SPAGNA

Inizia la preparazione della tua torta tiramisù dal pan di Spagna.
Dividi i tuorli dagli albumi e sbatti questi ultimi all’interno di una ciotola aiutandoti le fruste elettriche.

Quando diventeranno bianchi e spumosi aggiungi un terzo dello zucchero e monta per un altro minuto. Ripeti l’operazione per altre due volte fino a esaurire tutto lo zucchero.

A questo punto, sempre sbattendo, incorpora la vaniglia e il sale, poi un tuorlo alla volta, attendendo qualche secondo tra un’aggiunta e l’altra.

Inserisci quindi la farina e la fecola setacciate e mescola dal basso verso l’alto con una marisa per non smontare il tutto.

Versa l’impasto in una tortiera a cerchio apribile, imburrata e con il fondo foderato di carta forno (anche se il dolce finito dovrà avere un diametro di 21 cm, ti consiglio di usare una tortiera leggermente più larga, perché i bordi del pan di Spagna andranno rifilati dopo la cottura).

COTTURA

Inforna in forno statico preriscaldato a 175° e lascia cuocere per 30-35 minuti, finché il pan di Spagna non risulterà dorato ma non troppo scuro.

PER LA CREMA

Metti la gelatina alimentare in ammollo in un contenitore contenente 5 volte il suo peso in acqua per farla ammorbidire.

Quando sarà morbida, falla sciogliere per 30 secondi nel microonde a 600 watt, quindi lasciala raffreddare (in alternativa puoi scioglierla in un pentolino sul fuoco).

Nel frattempo, in una ciotola sbatti i tuorli con metà dello zucchero usando uno sbattitore elettrico e, nella ciotola della planetaria munita di frusta, monta il mascarpone con la panna.

Non appena quest’ultimo comincerà a diventare spumoso, versavi a filo la panna in cui hai sciolto la gelatina. Continua a montare ancora per qualche minuto, quindi spegni la macchina.

Incorpora al composto nella planetaria anche i tuorli sbattuti con lo zucchero, sbattendo ancora per un paio di minuti.

A questo punto monta gli albumi fino a che diventeranno bianchi, poi aggiungi i restanti 120 g di zucchero in 3 riprese fino a ottenere una “neve” ben ferma e cremosa.

Incorpora anche questa nella ciotola con il resto degli ingredienti ma delicatamente e mescolando dal basso verso l’alto con una marisa.

Infine trasferisci il tutto in due sac à poche con bocchetta liscia da 1,5 cm di diametro e tieni da parte in frigorifero.

PER LA BAGNA

Prepara il caffè, e quando sarà ancora caldo inseriscivi lo zucchero, mescolando per farlo sciogliere completamente, quindi lascialo intiepidire.

COMPOSIZIONE

Prendi il pan di Spagna ormai freddo e, con un coltello a sega, rimuovi la parte scura esterna superiore e inferiore del disco, lasciando visibile la parte chiara interna.

Taglialo poi orizzontalmente a metà in modo da ottenere due dischi dello spessore di 1,5 cm che copperai con un cerchio di 21 cm di diametro.

Fodera il fondo della tortiera con un disco di carta forno e rivesti i lati con una striscia di acetato (in alternativa puoi utilizzare delle strisce di carta forno).

Posizionavi il primo disco di Pan di Spagna e inumidiscilo con metà della bagna al caffè aiutandoti con un dosatore (o pennello da cucina).

Quindi estrai la sac à poche con la crema dal frigorifero e utilizzala per spremere la farcitura sopra la base inzuppata, realizzando uno strato spesso circa 1 cm che copra tutta la superficie.

Poi ricopri con il secondo disco di pan di Spagna, ripeti la stessa operazione con la restante bagna al caffè e procedi con un altro cm di crema al mascarpone.

Livella bene con una spatola a gomito e completa decorando la superficie con degli spuntoni di crema che, partendo dal bordo esterno del dolce, lo ricoprano completamente formando dei cerchi concentrici.

Fai raffreddare il dolce in freezer per 2-3 ore prima di sformarlo e posizionarlo su un piatto da portata. Quindi mettilo in frigorifero per un’altra ora perché raggiunga la temperatura ideale per essere tagliato e servito.

Completa spolverizzando la superficie con un po’ di cacao amaro in polvere. La tua torta tiramisù è pronta!

Note & consigli

*Dopo averlo coppato, non buttare gli avanzi di pan di Spagna, puoi metterli in un sacchetto gelo e congelarli per successivi utilizzi in pasticceria.

*Spolverizza con il cacao amaro solo poco prima di servire la tua torta tiramisù. Infatti, poiché il cacao tende ad assorbire l’umidità, in frigorifero diventerebbe scuro e bagnato, rovinando l’effetto estetico del dolce.

 

Varianti della ricetta

Proprio come per il dolce originale da cui questa ricetta prende ispirazione, puoi declinare la tua torta tiramisù anche in altre versioni, traendo spunto dalle molte rivisitazioni del tiramisù.

 

Conservazione

Puoi conservare la tua torta tiramisù per 2 giorni in frigorifero, coperta con una campana per dolci.

Curiosità

Il tiramisù è  il dolce italiano più famoso, ordinato, imitato e rivisitato al mondo ma, secondo la leggenda, sarebbe frutto di un errore. Se infatti la sua nascita ufficiale si colloca a Treviso nel 1970 presso il ristorante Le Beccherie di Aldo Campeol, la tradizione riconduce la sua ideazione alla caduta involontaria di un po’ di mascarpone nella preparazione dello “sbatudin”, un composto montato a base di tuorlo d’uovo e zucchero. Il risultato di quel casuale miscuglio fu un sapore straordinario, che il pasticcere Loly Linguanotto, ispirandosi alla zuppa inglese e alle bavaresi che aveva conosciuto lavorando in Germania, decise di spalmare sui savoiardi imbevuti nel caffè, gettando le basi per la ricetta del tiramisù, brevettata solo nel 2010.

4.2/5
vota