Cheesecake

Del mio viaggio a New York ricordo ancora lo stupore che ho provato di fronte ad una città così piena di vitalità e contrasti e… la vetrina della Cheesecake Factory. Tra le tante proposte spiccava lei, l’originale New York Cheesecake, un vero paradiso dal guscio croccante e cuore cremoso. Di questo dolce mi è sempre piaciuta la sua versatilità e la predisposizione ad essere modificato e rivisitato, cosa che ho fatto moltissime volte. Vuoi degli esempi?

Puoi realizzare una cheesecake in teglia, in bicchiere, in barattolo, in pirottino. Può essere cotta o senza cottura, a base di Philadelphia ma anche di ricotta, yogurt, mascarpone. Insomma, la cheesecake è la ricetta perfetta per chi ama giocare e sperimentare.

Io stessa, che qui voglio proportela nella versione tradizionale, la New York cheesecake, ho comunque apportato delle modifiche basate sul mio gusto personale. Un velo di panna acida e coulis di fragole o frutti di bosco sono la guarnizione classica ma io la preferisco in purezza, solo con dei frutti di bosco ad accompagnare.

Per amore di completezza, però, nella ricetta trovi tutti i passaggi; decidi tu la versione che preferisci.

Chesecake

PREPARAZIONE: 60 min COTTURA: 60 min. DIFFICOLTA: media.  COSTO: medio.  

Ingredienti per uno stampo da 23 cm di diametro

Per la base

biscotti Digestive 250 g
burro 150 g
cannella 1 pizzico

Per la crema

Philadelphia (o altro formaggio fresco tipo quark) 600 g
panna acida (oppure creme fraiche o yogurt greco) 150 g
uova medie 4 (a temperatura ambiente)
zucchero semolato 150 g
panna fresca liquida 100 ml
bacca di vaniglia 1

Per la decorazione

frutti di bosco 100 g
menta fresca 2 foglie

Procedimento

Per la base

Sciogli il burro al microonde oppure in un pentolino a fuoco dolce e poi tienilo da parte.
Trita finemente i Digestive frullandoli con un robot munito di lame (cutter), oppure mettendoli in un sacchetto per alimenti e pestandoli con un pesta carne; versali in una ciotola, unisci il burro, il pizzico di cannella, e poi amalgama per bene.

Imburra la tortiera a cerchio apribile, poi foderala con carta da forno anche sui lati. Ecco il mio tutorial su come foderare uno stampo. Versa il composto dentro alla tortiera e, aiutandoti con il dorso di un cucchiaio, premi la base di biscotti e burro sul fondo e sui lati per almeno 4-5 cm. Ponila la tortiera in freezer per almeno 15 minuti.

Per la crema

Prepara la crema mettendo uova, zucchero e semini interni della bacca di vaniglia in una ciotola capiente. Sbatti il tutto con le fruste di uno sbattitore elettrico finchè otterrai una bella crema gonfia e spumosa (ci vorranno almeno 10 minuti).

Cheesecake

Unisci a filo la panna liquida,  il Philadelphia un cucchiaio alla volta e in ultimo la panna acida (o lo yogurt). Continua a sbattere fino a che la crema sarà liscia e priva di grumi.

Cheesecake

Estrai la base dal freezer e versaci dentro la crema ottenuta, poi inforna la New York Cheesecake in forno statico preriscaldato a 150° per 60 minuti.

Cheesecake

Per decorare

Estrai la cheesecake dal forno e lasciala raffreddare a temperatura ambiente dentro al suo stampo. Non preoccuparti se la vedi ancora tremolante, si assesterà raffreddandosi.
Riponila poi in frigorifero, sempre nel suo stampo, coprendolo con pellicola, per almeno 3-4 ore prima di consumarla (sarebbe meglio lasciarla in frigorifero per tutta la notte). Una volta fredda, estraila dallo stampo e guarniscila con una coulis di frutta oppure con frutti di bosco freschi e un paio di foglioline di menta. La tua cheesecake è pronta!

Alternative per la copertura:

Qui ti suggerisco alcune valide alternative per la copertura e la decorazione:

1) Panna acida

Se vuoi ricoprire la tua cheesecake con panna acida, spalmane sopra la torta 200 g e poi infornala in forno già a temperatura (180°) per 5 minuti; una volta sfornata lascia raffreddare la cheesecake e guarniscila a piacere.

2) Coulis di frutti di bosco

Se vuoi impreziosire la cheesecake con una salsa (coulis) di frutta, prendi 125 g di frutti di bosco e 25 g di zucchero a velo, un cucchiaio di succo di limone e mettili dentro ad una padellina; fai ammorbidire la frutta a fuoco dolce e poi passa tutto dentro ad un colino a maglie fitte, premendo contro la superficie del colino con una spatolina morbida (o lecca-pentola). Ecco pronta la tua coulis ai frutti di bosco che, quando sarà fredda, potrai mettere sulla cheesecake ed arricchire con frutti di bosco e un paio di foglioline di menta fresca. Ecco come fare la coulis nel mio video!

3) Salsa al cioccolato

Al posto della coulis di frutti di bosco puoi utilizzare una salsa di cioccolato fondente preparata con panna fresca scaldata alla quale unire del cioccolato tritato in ugual proporzione (es: 100 g di cioccolato e 100 g di panna) e un pezzetto di burro. Mescola tutto e otterrai una deliziosa salsa di accompagnamento!

Torte cheesecake: altre ricette!

Quella che ti ho presentate è una cheesecake senza gelatina e una cheesecake cotta, ma nel mio ricettario ti presento anche altre ricette:

Cheesecake in versione monoporzione

Oltre alla classica forma tonda, ecco alcune alternative su come presentare la tua cheesecake:

Capitolo colla di pesce

Come ti ho detto, questa torta è una cheesecake senza colla di pesce, ma in molte cheesecake la gelatina si usa: eccome! Molti guardano a questo ingrediente con paura, ma niente timori! Qui puoi trovare il mio tutorial e i miei consigli su:

Conservazione

Puoi conservare la tua cheesecake ben coperta in frigorifero per 4-5 giorni, oppure congelarla e tenerla in freezer per massimo 3 mesi.

Curiosità

Sapevi che la cheesecake, nella ricerca di Google, viene cercata davvero in tantissimi modi diversi in tutto il mondo? Questo deriva da una errata trascrizione della sua pronuncia. Tra questi, i più divertenti sono: ciskei, chiscake, cis kei, chiiscake, chesecake!

Storia

Per scoprire le origini della cheesecake bisogna andare davvero molto indietro nel tempo! Le prime tracce pare risalgano all’antica Grecia, dove sappiamo che un dolce realizzato con formaggio di pecora e miele venne servito per sostentare gli atleti delle prime Olimpiadi. La ricetta passò poi nelle mani dei Romani con la placenta, un dolce costituito da due basi di pasta condite con formaggio e aromatizzate con alloro. Il viaggio della cheesecake continuò in America, dove ebbe un larghissimo successo e dove, ancora oggi, è uno dei dolci simbolo più conosciuti!

4.7/5
vota

106 Commenti

  1. Ciao Sonia,
    Ho appena completato la cheesecake ma si è crepata sopra da cosa può dipendere, l’unica cosa che ho variato è lo zucchero dulcita anziché il semolato, x il resto ho fatto tutto uguale…rimedierò x l’estetica con il coulis ma vorrei capire…grazie infinite!

  2. Fatta. Ed è stata la mia prima cheesecake. È venuta molto buona. L’ho guarnita con la coulis di fragole ma non ho capito se questa va messa solo prima di servire la torta o si può mettere subito.

    1. Ciao Benni! Una volta che la cheesecake si è completamente raffreddata puoi guarnirla sin da subito ma se la devi servire una o più ore dopo allora è meglio decorarla al momento 🙂

    1. Ciao Chiara! Perdonami, il tuo commento mi era proprio sfuggito cara. Puoi provare ma non consiglio di usare solo la ricotta: puoi fare 500 gr di ricotta e 100 gr di philadelphia. Ti consiglio anche di scegliere la ricotta di pecora, molto compatta e poco umida: la trovi nelle gastronomie ben fornite dei supermercati 🙂 Fammi sapere!

  3. Ciao Sonia… Ho seguito la ricetta della tua cheesecake ed è venuta buonissima 🙂 🙂 solo che quando ho preparato la crema questa era decisamente liquida (dalle foto la tua sembra molto più cremosa)
    L’unica cosa che ho modificato è che ho usato il Philadelphia light, invece di quello classico…
    Può essere che sia stato quello a rendere liquida la crema?
    Grazie

    1. Ciao Vanessa! La crema è piuttosto liquida ma in cottura il formaggio si asciuga 🙂 No, non credo che il philadelphia light possa influire sulla consistenza!

      1. Ciao Serena, puoi utilizzarlo nella stessa dose, buona giornata.

  4. Ciao Sonia, se congelo la cheesecake -una volta che l’ho tirata fuori dal freezer- quanto tempo devo aspettare per poterla consumare?

    1. Ciao Stefania! Puoi consumarla quando la crema è completamente ammorbidita: dopo un’oretta fuori dal freezer prova a trapassarla con lo stuzzicadenti e se oppone resistenza allora non è ancora scongelata del tutto 🙂

  5. Ciao Sonia,
    Anzitutto complimenti, ti seguo da sempre, anche quando eri “dall’altra parte”, diciamo così 😉
    Ho una tortiera a cerniera da 26 cm, di quanto devo aumentare le dosi ?
    Grazie mille per l’attenzione un saluto
    Paolo

  6. Ciao Sonia, complimenti per il sito! Ho dei problemi con le cheesecake nel senso che la parte sottostante dei biscotti è sempre troppo dura! Dove sbaglio? Quanto tempo prima devo estrarla dal frigo?
    Grazie e ancora complimenti!

    1. Ciao Francesca! La base di biscotti deve essere abbastanza dura ma facilmente tagliabile. Non saprei suggerirti precisamente una soluzione anche perché dipende dal grado di morbidezza che ti saresti aspettata tu 🙂 Puoi lasciarla fuori dal frigorifero una 20 di minuti prima di consumarla!

  7. Ciao Sonia, innanzitutto complimenti per il nuovo sito! A breve vorrei provare questa ricetta e mi chiedevo se all’interno della crema mettessi delle gocce di cioccolato dovrei cambiare le dosi di qualcosa?

    1. Ciao! Puoi certamente aggiungerle senza cambiare nulla ma considera che l’impasto è piuttosto liquido quindi c’è il rischio che sprofondino 🙂

  8. Cara Sonia, ho fatto la cheesecake secondo la tua ricetta e non so dove ho sbagliato. Ho seguito le dosi e il procedimento ma la mia crema è venuta decisamente liquida, nulla a che vedere con la tua in foto, in cottura poi la superficie si è lievemente bombata. Ora la torta sta raffreddando ma temo che non sia compatta all’interno. Nonostante la mia inettitudine seguo sempre i tuoi canali e le tue ricette. Grazie!

  9. Sonia la prima cheesecake l’ho voluta realizzare con la tua ricetta, ed è venuta benissimo, ti ringrazio tantissimo. Appena posso la pubblicherò anche sul mio blog, con i riferimenti ed il link alla tua ricetta. Ecco una foto 🙂

  10. Buongiorno Sonia, se volessi fare una cheesecake al pistacchio (sempre al forno), quanta crema di pistacchio dovrei utilizzare? la stessa quantità la sottraggo al Philadelphia?
    Grazie!!

  11. Ciao Sonia, ho sostituito lo zucchero con Stevia e la panna con panna di soya! era deliziosa!

  12. CIAO SONIA, HO PROVATO A FARLA CON UNA TORTIERA PIU PICCOLA MA LA CONSISTENZA NON è COME QUELLA DELLA FOTO. è PIU GRANULOSA. DICI XCHE L HO COTTA TROPPO? SE DOPO 1 H CON LA PROVA STECCHINO è ANCORA LIQUIDA è GIUSTO TOGLIERLA CMQ PERCHè SI SOLIDIFICA IN FRIGO? GRAZIE

    1. Ciao Veronica, se con le stesse dosi fai una tortiera più piccola devi lasciare cuocere di più la cheesecake (dovrebbero bastare 10-15 minuti in più) ma se ti accorgi che la parte sopra inizia a scurirsi, coprila con un foglio di alluminio

  13. Cara Sonia,
    Ho più volte fatto la tua cheesecake ed è davvero squisit!
    Vorrei adesso un tuo consiglio: voglio preparare una OreoCheesecake, posso seguire la ricetta della NewYorkCheesecake sostituendo i Digestive con gli Oreo e aggiungendo qualche biscotto sbriciolato nella farcitura al formaggio?
    Grazie!

    1. Ciao Andrea, non ci sono problemi nel sostituire i digestive con gli oreo. Per quanto riguarda la farcitura al formaggio, ho paura che aggiungendo i biscotti la renderesti alla fine troppo asciutta. Prova ad aggiungere 10-20 gr di latte (regolati in base alla quantità di biscortti che aggiungi) per renderla un pelo più morbida. Ovviamente aspetto una foto di questa meraviglia 🙂

  14. Ciao Sonia, complimenti per il tuo nuovo progetto che sarà sicuramente eccezionale.
    Una curiosità, potrei a fine cottura e concluso il raffredamento della cake ricoprirla con una ganache al cioccolato fondente non montata?

  15. Ciao cara Sonia! Innanzitutto complimenti per il nuovo sito ed in bocca al lupo per questa nuova avventura!
    Per quanto concerne la cheesecake volevo chiederti una cosa riguardante la salsa al cioccolato. Una volta che è stata preparata, quando è possibile metterla sulla cheesecake? Ancora calda o è meglio attendere che si freddi? Non vorrei diventasse troppo solida…
    Grazie!! 🙂

    1. Ciao Irene! Consiglio di versarla una volta che la torta si è raffreddata 😉 Per la leggerezza puoi provare a sciogliere semplicemente il cioccolato ma conta che poi si solidifica parecchio: prova a fonderlo a bagno maria assieme a qualche cucchiaiata di latte o panna!

  16. Ciao Sonia, il tuo nuovo sito è bellissimo! Vorrei farti una domanda relativa alla cheesecake. E’ possibile decorarla con cioccolato e arance caramellate? Che ne pensi? Grazie per l’attenzione, un abbraccio.

    1. Ciao Lisa! Il cioccolato mi sembra un’ottima idea! Non sono molto convinta delle arance caramellate… sceglierei un altro tipo di frutto come, semplicemente, mela o pera 🙂

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie