foto piatto da portata con friselle, pomodori e basilico

Friselle

VeganaVegetariana
  • Preparazione: 5h 0m
  • Cottura: 55h 0m
  • Riposo: 30h 0m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: basso
  • Porzioni: 12 pezzi
  • Metodo cottura: Forno
  • Cucina: Pugliese

Le friselle pugliesi sono un autentico tesoro della cucina pugliese. Questi deliziosi dischi di pane essiccato diventano una prelibatezza quando vengono conditi con pomodori dolci e ben maturi, aglio, basilico e ovviamente un buon olio extravergine d’oliva pugliese. La semplicità degli ingredienti e la freschezza dei sapori creano un piatto estivo irresistibile, perfetto per essere servito come leggero antipasto o aperitivo.

Per preparare le friselle, si inizia immergendole in acqua per ammorbidirle: le friselle hanno una consistenza molto dura, per questo motivo prima di farcirle si bagnano con l’acqua fino a ottenere la consistenza desiderata. Una volta ammorbidite le friselle si possono condire con gli ingredienti che più ti piacciono ma il condimento classico è quello a base di pomodoro e basilico. Questa combinazione crea un equilibrio tra la croccantezza delle friselle e la succulenza del pomodoro, con una nota di freschezza aromatica grazie al basilico.

La principale differenza tra le frisella e le bruschetta risiede nel pane. Le friselle sono fatte con pane essiccato molto duro che viene poi bagnato per diventare più morbido. Le bruschette invece si preparano con del pane fresco o non troppo raffermo e vengono tostate per diventare croccanti e dorate. Le bruschette tendono ad essere più croccanti e l’aglio viene spesso strofinato direttamente sul pane tostato.

Ingredienti

PER IL LIEVITINO

  • Farina 00 100 g
  • Semola rimacinata di grano duro 100 g
  • Lievito di birra disidratato 4 g
  • Acqua temperatura ambiente200 g

PER L’IMPASTO

  • Farina 00 200 g
  • Semola rimacinata di grano duro 280 g
  • Acqua temperatura ambiente270 g
  • Sale 4 g
  • Olio extravergine d’oliva 6 g

PER IL CONDIMENTO

  • Pomodorini ciliegino 1.2 kg
  • Basilico fresco q.b.
  • Origano secco q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Acqua q.b.

Allergeni

Cereali e derivati

Procedimento

IL LIEVITINO

Versa la farina e la semola in una ciotola e unisci l’acqua e lievito. Mescola con una forchetta.
Quando avrai ottenuto un composto, morbido, copri con pellicola e lascia lievitare a temperatura ambiente per circa 2 ore o fino a che non avrà raddoppiato il suo volume e formato sulla superficie delle bollicine.

L’IMPASTO

Nella ciotola di una planetaria munita di gancio, metti le farine, l’acqua con il sale in essa disciolto e il lievitino. Impasta fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo che dovrà incordarsi, ovvero attorcigliarsi attorno al gancio e staccarsi dalle pareti della ciotola.

Una volta incordato, ribalta l’impasto sul piano di lavoro lievemente unto di olio e pirlalo (ovvero dagli la forma di una palla). Ungi una ciotola e riponici l’impasto all’interno. Copri con la pellicola e lascia lievitare per circa 2 ore. Deve raddoppiare il suo volume iniziale. Trascorso il tempo di lievitazione, posiziona il panetto su un piano di lavoro leggermente unto.

Aiutandoti con un tarocco, dividi l’impasto in 6 porzioni uguali (di circa 190 g), formando con ciascuna di esse delle palline.

Ora per ottenere una sorta di ciambella, pratica un buco al centro di ogni pallina e allargalo leggermente infilandoci dentro due dita (gli indici) e ruotandoli fino ad allargare il foro centrale quanto basta per ottenere la forma desiderata che dovrà avere un diametro finale di circa 15 cm.

Metti le ciambelle ottenute su una teglia ricoperta di carta forno ben distanziate tra di loro e falle lievitare ancora per 40/60 minuti. Trascorso il tempo indicato, se il foro centrale dovesse essersi chiuso, molto delicatamente, facendo attenzione a non sgonfiare l’impasto, riaprilo con le dita.

Inforna le tue friselle in forno statico preriscaldato a 200°, nella parte media del forno per circa 20 minuti. Le friselle devono risultare ben gonfie. Tira fuori le friselle dal forno, senza spegnerlo. Abbassa la temperatura a 170° (sempre modalità statica) e con un coltello a sega, taglia a metà ogni singola frisella in senso orizzontale , come fosse un panino.

Disponi di nuovo tutte le metà ottenute sulla teglia con il taglio verso l’alto e infornale nuovamente per circa 35 min. Le friselle pugliesi devono risultare asciutte, dure e ben dorate. Sforna e lascia raffreddare.

CONDIMENTO E ASSEMBLAGGIO

Una volta fredde, puoi condire le tue friselle: per prima cosa sbuccia l’aglio e sfregalo sulle friselle; (se non ami l’aglio elimina questo passaggio).

Passale poi velocemente sotto l’acqua fredda corrente senza eccedere, adagiale su di un piatto da portata e lasciale ammorbidire per una decina di minuti. Come variante potresti aggiungere sulle friselle anche qualche goccia di aceto balsamico!

Nel frattempo, taglia i pomodorini a metà, mettili in una ciotola e condiscili con abbondante olio, dell’origano secco, del basilico spezzettato con le mani e aggiusta di sale. Mescola e lascia insaporire il tutto per 15 minuti circa.

Trascorso il tempo indicato, adagia in parti uguali il condimento sulle friselle e servile immediatamente cospargendole con il liquido ottenuto dal condimento dei pomodori e con un filo d’olio evo!

CONSERVAZIONE

Le friselle, hanno una conservazione di circa 8 mesi, se chiuse in un sacchettino e poste in un luogo fresco e asciutto al riparo da fonti di calore.

Note & consigli

Volendo, potresti, arricchire le tue friselle anche con mozzarella, filetti di acciughe sott’olio, tonno, olive e capperi: sentirai che bontà!

Varianti della ricetta

Le friselle sono un piatto estivo molto versatile che puoi condire con gli ingredienti che preferisci, proprio come crostini e bruschette! 

 

Conservazione

Una volta condite, ti consiglio di consumare al momento le tue friselle, in quanto l’acqua del pomodoro rischierebbe di ammollarle eccessivamente ed ottenere l’effetto “inzuppo”. In alternativa, puoi conservare i pomodori a tocchetti in frigorifero in un contenitore a chiusura ermetica e comporre il tutto prima di servire. Sconsiglio la congelazione.

4.9/5
vota