Pallotte cacio e ova

Abruzzo, terra di bellezze naturalistiche e di una tradizione gastronomica ricca e articolata. Se hai sempre associato questa regione solo ed esclusivamente ai famosi arrosticini, ti consiglio vivamente di provare la ricetta delle pallotte cacio e ova: la loro semplice bontà ti conquisterà al primo assaggio e tu potrai immergerti nella tradizione contadina italiana più verace e gustosa.

Questa ricetta tipica dell’Appennino rappresenta l’emblema di una cucina semplice, basata su ingredienti poveri. Una ricetta in cui si fa addirittura a meno della carne, che viene rimpiazzata con pane raffermo, pecorino, e uovo.

Se ti capiterà di visitare l’Abruzzo potresti addirittura trovare le pallotte cacio e ova in vendita come goloso finger food, da gustare passeggiando. Io però ti consiglio di provare a preparale anche a casa, dove potrai dare il via alla scarpetta selvaggia: fidati, i piatti verrano ripuliti in un battibaleno e tutti ti chiederanno la ricetta! 

PREPARAZIONE: 40 min. COTTURA: 50 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: basso

Ingredienti per 4/6 persone (20 polpette)

Per le pallotte

pane, mollica sbriciolata 120 g
Parmigiano Reggiano grattugiato 75 g*
pecorino grattugiato 75 g*
uova medie 6 (sgusciate 300 g) della Linea Eurospin “Amo Essere Biologico”
aglio 1 spicchio
prezzemolo tritato 1 cucchiaio
sale e pepe q.b.

Per il sugo di pomodoro

passata di pomodoro 1 l della Linea Eurospin “Delizie del Sole”
cipolle 50 g
olio extravergine di oliva 4-5 cucchiai
sale q.b.

Per infarinare

farina 00 100 g

Per friggere

olio di arachidi 1 l

Procedimento

Per preparare le pallotte cacio e ova poni in una ciotola la mollica di pane sbriciolata e unisci i due formaggi grattugiati, le uova sbattute, l’aglio e il prezzemolo tritati e il pepe. Impasta tutto con le mani e poi, quando il composto risulterà omogeneo, assaggialo per aggiustarlo eventualmente di sale.

Con le mani forma delle polpettine del peso di circa 30 g l’una**, passale dentro la farina e rotolale tra i palmi in modo da dagli una forma sferica.

Terminato l’impasto, friggi le pallotte in abbondante olio di arachidi portato a 175° (qui trovi un tutorial su tutti i segreti della scrittura) fino a che non diventeranno dorate, poi scolale e adagiale su un piatto coperto con carta assorbente da cucina così da assorbire l’olio in eccesso.

Trita finemente la cipolla, mettila ad appassire in un tegame basso e largo insieme all’olio di oliva per circa 10-15 minuti facendo attenzione a non farle prendere colore; aggiungi la passata di pomodoro e lascia che arrivi a bollore a fuoco lento, poi tuffaci le pallotte cuoci a fuoco dolce con coperchio per circa 30 minuti o fino a che il sugo non si sarà ben addensato.

Mi raccomando: durante la cottura, non girare il sugo col mestolo, ma fai ruotare il tegame in modo da non rovinare o rompere le tue polpettine. Aggiusta eventualmente di sale e di pepe, mescola delicatamente e unisci qualche foglia di basilico.

Spegni il fuoco e servi le tue pallotte cacio e ova in tutta la loro bontà!

Note

* Il pecorino rigatino abruzzese, di media stagionatura, è il formaggio con cui vengono cucinate le pallotte cacio e ova tradizionali. E’ molto difficile trovarlo fuori dall’Abruzzo, quindi io l’ho sostituito con metà parmigiano e metà pecorino grattugiato

** Le pallotte dovranno avere la dimensione di una grossa noce.

Polpette per tutti i gusti!

Se è vero che le pallotte cacio e ova sono una delizia davvero speciale, eccoti qualche altra idea per preparare polpette sfiziose con cui conquistare tutti a tavola:

Conservazione

Le pallotte cacio e ova possono essere preparate in anticipo e conservate in frigorifero, anzi il giorno dopo saranno ancora più buone! Puoi anche congelarle una volta cotte.

4 Commenti

  1. Conviene tuffarsi nel sugo un po’ prima di mangiarle? Ho notato che lo assorbono molto e , cucinandole molto prima, restano asciutte!

  2. Salve Sonia!..le volevo chiedere le posso congelare fritte e metterle nel sugo in un secondo momento?

    1. Ciao Antonella certo che puoi congelarle, magari falle scongelare dentro il sugo caldo facendole cuocere ancora un pò.

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie