Focaccia alla messinese

Quest’estate, se mi hai seguito sui social, lo sai: ho attraversato lo stretto e sono approdata a Messina, anche se per poche ore. Il tempo sufficiente per gustarmi una delle tantissime specialità della città dei due mari, la sua focaccia! Come accade praticamente sempre nella storia dei piatti importanti e ben riusciti che si trasmettono di generazione in generazione, sembra che questa pizza sia nata per errore, o per utilizzare il poco che restava in dispensa. 

L’impasto è sofficissimo e alto, e alla focaccia ancora oggi a termine lievitazione viene aggiunto il condimento tipicamente isolano.  E sopra alla focaccia messinese ci sono scarola, pomodori freschi, acciughe e la famosa tuma messinese, purtroppo introvabile qui a Milano. 

Ma l’ho sostituito con una buona dose di tuma siciliana e un po’ di provola, e credimi, il risultato non mi ha fatto rimpiangere la meraviglia mangiata in Sicilia. Certo, non c’è il mare ma se chiudi gli occhi mentre addenti la focaccia, secondo me potresti sentirlo! 

focaccia messinese su tagliere

PREPARAZIONE: 45 min.RIPOSO: 210 min COTTURA: 20 min.  DIFFICOLTÀ: facile COSTO: facile

Ingredienti per una teglia 25×40 cm

Per l’impasto

farina 0 300 g
farina di semola rimacinata 200 g
lievito di birra disidratato 7 g
acqua 300 g
strutto 40 g
sale 15 g

Per il condimento

scarola 100 g
pomodori ramati 400 g
tuma siciliana 350 g (o primo sale)
acciughe sott’olio 12 filetti
olio extravergine d’oliva q.b.
sale q.b.
pepe q.b.

Procedimento

Per l’impasto

Nella ciotola di una planetaria munita di gancio unisci le due farine e il lievito*. Sciogli nell’acqua il sale, aziona la macchina e aggiungilo a filo alle farine fino a formare un composto liscio e incordato. A questo punto, unisci lo strutto** a fiocchetti poco alla volta fino a farlo assorbire completamente dall’impasto.

Una volta pronto, trasferiscilo su di un piano di lavoro, forma una palla e mettila poi in una ciotola leggermente unta di strutto. Sigilla la ciotola con la pellicola e lascia riposare l’impasto in forno spento per 2 ore e mezza.

Trascorso il tempo indicato, ungi una teglia di olio sul fondo e sui lati, ribaltaci sopra l’impasto lievitato stendendolo bene su tutta la superficie, mettici sopra un filo di olio e lascialo lievitare altri 30 minuti nel forno spento.

Per il condimento

Nel frattempo, lava la scarola e asciugala bene, tagliala poi a pezzetti e tienila da parte. Lava i pomodori e tagliali a cubetti grossi circa 1-2 cm, e fai la stessa cosa con la tuma.

Composizione

Quando la focaccia sarà lievitata, disponi premendo con le dita, le acciughe nell’impasto, cospargi ora la superficie con la tuma a cubetti, la scarola, i pomodori e condisci il tutto con un filo di olio a crudo, sale e pepe.

Cuoci la tua focaccia alla messinese nel forno statico a 220° per circa 20 minuti.*** Una volta pronta, estraila dal forno e lasciala intiepidire prima di servirla.

Note

* Puoi impastare anche tutto a mano ovviamente, e non farai troppa fatica

** Nel caso non potessi usare lo strutto, puoi sostituirlo con il burro o con l’olio diminuendo la quantità di circa il 10%

*** In alcune versioni la scarola e il pomodoro vengono aggiunti a freddo all’uscita della focaccia: come sempre accade per le ricette tradizionali, le versioni sono tantissime!

Pizze e focacce deliziose per i buffet

Conservazione

Come tutti i prodotti da forno la focaccia messinese è deliziosa mangiata appena fatta. Se avanza, però, puoi conservarla un giorno in frigorifero e scaldarla qualche minuto in un forno classico per tornare a gustarla.

-->

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie