Pappardelle con vongole e cime di rapa

Se mi segui da un po’, sai che a casa mia gli spaghetti con le vongole non possono mancare, essendo il piatto preferito di Francesco e di mia figlia Valentina!

Ogni tanto, però, mi piace fare delle aggiunte e delle rivisitazioni, ispirate come sempre alla tradizione. E oggi ho pensato all’accoppiata vongole e friarielli, per preparare questo primo che profuma di Napoli. Certo ho dovuto accontentarmi, a Milano trovare i friarielli è complicato, quindi ho ripiegato su delle cime di rapa di più semplice reperibilità.

La loro lieve amarezza si sposa alla perfezione con la salinità delle vongole, e l’amido che la pasta rilascia durante la mantecatura crea una cremina che davvero vi metterà alla prova: scommettiamo che nessuno dei vostri commensali riuscirà a non chiedere il bis?

Pappardelle vongole e cime di rapa

PREPARAZIONE: 30 min. COTTURA: 25 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: basso

Ingredienti per 4 persone

pappardelle 500 g*
cime di rapa pulite 300 g
vongole Meno30 1 kg
acciughe sott’olio 3 filetti
vino bianco 60 g
taralli 100 g
aglio 1 spicchio
peperoncino rosso fresco 1
olio extravergine d’oliva q.b.
sale q.b.
pepe q.b.

Procedimento

In una padella fai scaldare l’olio  assieme all’aglio e al peperoncino tritati; quando saranno rosolati, aggiungi le vongole e sfuma con il vino bianco, chiudi con un coperchio e lasciale aprire per 5 minuti.

Una volta pronte, elimina il mollusco dal guscio, filtra l’acqua che avranno rilasciato e tienile da parte. Metti in una ciotola i molluschi coperti con un coperchio o con la pellicola per non farli seccare.

Trita grossolanamente i taralli e falli tostare in padella con l’olio fino a renderli croccanti e dorati, poi tienili da parte.

Fai sbianchire** le cime di rapa in acqua bollente salata per un paio di minuti, scolale e tuffale nell’ acqua fredda con il ghiaccio per mantenere il colore verde brillante. Scolale, asciugale e tritane una metà grossolanamente.

In una padella scalda l’olio e aggiungi le acciughe, falle sciogliere poi unisci le cime di rapa e falle saltare per un paio di minuti.

Cuoci le pappardelle per metà del tempo di cottura in acqua bollente e salata, scolale e mettile in una padella assieme all’acqua delle vongole e portale a cottura mescolando. Quando saranno pronte, aggiungi le cime di rapa e i molluschi, aggiusta eventualmente di sale e manteca bene formando una crema, aiutandoti se necessario, con un goccio di acqua di cottura***.

Preparati ad impiattare: disponi nei piatti le tue pappardelle, cospargi la superficie con le briciole di taralli croccanti e servile ben calde!

Note

* Se vuoi fare tutto in casa puoi preparare le pappardelle con la mia ricetta per la pasta all’uovo: non è per niente complicato e regalerà tanto valore aggiunto al tuo piatto!

** Cosa significa sbianchire? Semplicemente scottare in acqua bollente le tue verdure per pochi minuti, giusto il tempo che si ammorbidiscano senza perdere nè colore nè croccantezza

*** L’amido contenuto nell’acqua di cottura della pasta favorisce la mantecatura del tuo primo piatto: sarà il tocco in più che renderà il tuo primo davvero goloso e ben legato.

Primi di pesce, perfetti per la Vigilia

In molte zone d’Italia il cenone della Vigilia è quasi più sontuoso della tavola del 25 dicembre. E il pesce la fa sicuramente da padrone. Io ho preparato tantissimi primi adatti… metterai uno di questi sotto il tuo albero di Natale?

Conservazione

Le tue pappardelle saranno deliziose appena fatte, ma ti sconsiglio di congelarle e di metterle in frigorifero: preparane solo la quantità che ti serve per i tuoi commensali .

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie