Red velvet

Devi sapere che la Red velvet è stata inventata dalla celebre pasticceria Magnolia Bakery di New York. Io, tanti anni fa, non mi sono certo fatta mancare l’occasione di fare tappa in questo meraviglioso negozio e che dire: ne sono rimasta incantata! Una delle attrazioni maggiori è la vetrina animata dove si alternano ad ogni ora del giorno pasticceri che ricoprono in pochi minuti torte da togliere il fiato; puoi benissimo immaginarti la scena: io ero come ipnotizzata con il naso appiccicato al vetro e quelle delizie erano una vera tentazione! Ti confesso che in un primo momento sono entrata in pasticceria un po’ scettica, dato il colore innaturale della torta e il pregiudizio sui dolci americani “troppo chimici”; ma, quando ho assaggiato la Red Velvet Cake, me ne sono letteralmente innamorata!

Quella che ti propongo io non è la versione originale (che io ho riprodotto fedelmente appena tornata a casa prendendo la ricetta dal libro della Magnolia Bakery acquistato proprio durante il mio viaggio), ma la mia versione personale; ho apportato alcune modifiche alla consistenza della base e regolato la dolcezza della crema. Resta il fatto che la Red Velvet avrà un posto speciale sempre nel mio cuore non solo per la sua eccezionale bontà, ma anche per gli splendidi ricordi legati al mio viaggio nella Grande Mela! 

Torta red velvet ricetta

PREPARAZIONE: 50 min. COTTURA: 20 min. DIFFICOLTÀ: media COSTO: medio

Ingredienti per uno stampo a cerniera di 20 cm di diametro

Per l’impasto (per 3 basi di 20 cm di diametro)

farina 00 250 g
burro a temperatura ambiente 120 g
zucchero semolato 240 g
uova medie 3 (a temperatura ambiente)
vaniglia i semi di una bacca
cacao amaro in polvere 15 g
colorante rosso in gel 1 cucchiaino
aceto di mele 1 cucchiaino 5 g
bicarbonato 1 cucchiaino 5 g
sale ¼ di cucchiaino

Per la crema al formaggio

Philadelphia 200 g
mascarpone 200 g
panna fresca liquida 265 g
zucchero a velo 120 g
vaniglia i semi di una bacca

Per il latticello

latte parzialmente scremato 125 g
yogurt magro 125 g
succo di limoni 1 cucchiaino

Procedimento

Per il latticello

Per preparare la Red velvet comincia preparando il latticello. In una ciotola capiente unisci il latte, lo yogurt e il succo di limone, poi mescola gli ingredienti e lasciali riposare per almeno 15 – 20 minuti.

Per le basi

Ora puoi dedicarti alla preparazioni delle basi. Nella ciotola della planetaria munita di fruste metti il burro a temperatura ambiente insieme allo zucchero e lavora il tutto fino a quando avrai ottenuto un composto soffice e spumoso: ci vorranno circa 10 minuti. Unisci ora le uova, una alla volta, fino a che si saranno perfettamente incorporate, e continua a mescolare fino a ottenere una crema omogenea.

Aggiungi i semini interni di una bacca di vaniglia e il colorante alimentare fino ad avere un colore rosso acceso*. A questo punto, puoi unire il latticello e poi e, sempre con la planetaria in funzione a velocità ridotta, unisci il cacao setacciato insieme alla farina.

In una ciotolina a parte, versa l’aceto, il bicarbonato e mischia il tutto con un cucchiaino: non appena si sarà formata la schiuma, aggiungilo al composto in planetaria; infine, unisci anche il pizzico di sale.

Imburra e infarina 3 stampi a cerniera di 20 cm di diametro ciascuno e versa al loro interno 1/3 di impasto ottenuto (circa 350 g)**.  Cuocile in forno ventilato a 160° per 15 – 20 minuti, oppure in forno statico preriscaldato a 175° per 15 – 20 minuti ***.

Una volta sfornate, lasciale raffreddare e prosegui.

Per la crema al formaggio

Dedicati ora alla preparazione della crema al formaggio. Metti tutti gli ingredienti freddi da frigorifero nella ciotola della planetaria munita di frusta, aziona la macchina e attendi che gli ingredienti si montino e diventino di una consistenza piuttosto compatta.

Metti la crema al formaggio in una sac-à-poche munita di bocchetta liscia di 1 cm e riponila in frigorifero a riposare per circa 60 minuti.

Composizione

Per ricavare le classiche briciole rosse da utilizzare nella decorazione della Red velvet, pareggia le basi affinché risultino tutte in piano e sbriciola le eccedenze con le mani.

Decorazione classica

Metti la prima base della torta su di un piatto da portata, distribuisci sulla superficie uno strato di crema al formaggio e ripeti l’operazione fino a terminare le basi di torta.

Con la crema avanzata, ricopri interamente la torta e poi decorala cospargendo il perimetro con le briciole rosse tenute da parte****.

Red velvet pronta all'assaggio

Decorazione moderna

Quella che vedi in foto in questa ricetta è una Red Velvet a cui ho voluto fare una decorazione moderna. Spremi la crema (messa in una sac-à-poche senza bocchetta) in modo da creare dei ciuffi su ogni disco e procedi fino a terminare. Termina l’ultimo strato con ciuffi di crema e una pioggia di frutti di bosco e qualche foglia di menta: ecco la tua decorazione moderna!

Note

* La pigmentazione del colore è dovuta dalla tipologia e dalla marca del colorante alimentare che andrai a utilizzare. Solitamente i coloranti in gel, pasta e polvere sono più pigmentati rispetto a quelli liquidi

** In alternativa, puoi utilizzare lo staccante alimentare spray che trovi facilmente in commercio

*** Se hai un forno ventilato, potrai cuocere in contemporanea i tre dischi, altrimenti ti consiglio di prendere uno stampo da 24 cm di diametro dai bordi piuttosto alti e poi suddividere la base singola in 2 o 3 strati. Se dovessi scegliere il metodo della tortiera di 24 cm, dovrai cuocere la torta per almeno 40 – 45 minuti a 175° in forno statico preriscaldato

**** Se dovesse avanzarti ancora della crema, puoi creare delle roselline sulla superficie oppure utilizzarla come singola decorazione per ogni fetta quando andrai a servirla

Se ami alla follia le torte a più strati, dai una occhiata alla mia naked cake, oppure deliziati con la mia Victoria cake!

Conservazione

Puoi conservare la Red velvet in frigorifero per circa 2 o 3 giorni chiusa in un contenitore ermetico. Puoi congelare le basi, una volta cotte e fatte raffreddare.

61 Commenti

  1. Ciao Sonia, vorrei provare a fare una farcia con la ricotta (di pecora), a quale o quali formaggio potrei sostituirla? un ultimo consiglio, se uso un singolo stampo 18×10 cm devo ridurre le quantità?
    Grazie mille in anticipo

    1. Ciao Ilaria, puoi usare la ricotta al posto del philadelphia. Per quanto riguarda la teglia, togli metà dose di tutto.
      Buona cucina

  2. Ciao Sonia! A breve dovrei riprodurre la tua ricetta della Red Velvet. Ho un dubbio in merito al colorante, nella ricetta fai riferimento al colorante in gel mentre in video utilizzi quello in polvere. Per quanto riguarda il colorante in polvere, pensi che il colorante naturale da estratto vegetale possa garantire un colore rosso intenso?

    1. Ciao Giuseppe, puoi usarli entrambe il risultato sarà lo stesso. Invece se usi quello liquido invece sarebbe un problema.
      Il colorante vegetale non ti darà mai lo stesso risultato. Tende a rimanere molto blando.
      Buona cucina

  3. Ciao Sonia grazie per la super ricetta! Posso usare gli stampi da forno in alluminio per fare i tre strati separati? La cottura rimane sempre la stessa? Grazie mille

    1. Ciao Angela, puoi usare gli stampi in alluminio e fare i tre strati separati. la cottura rimane la stessa.
      Grazie a te per seguirmi

      1. grazie per la tempestiva risposta! un’ultima domanda le teglie in alluminio sono di 22 cm vanno bene lo stesso? devo diminuire il tempo di cottura essendo che verranno leggermente più sottili?
        grazie ancora 🙂

  4. Ciao, volendo mangiare la red velvet a pranzo… se la facessi il pomeriggio precedente si rovinerebbe? o magari faccio solo il pan di spagna e la assemblo la mattina stessa?
    Grazie in anticipo

    1. Ciao Stefania, puoi prepararla la sera o il pomeriggio prima senza problemi.

      Buona cucina

  5. Ciao Sonia, volevo chiederti, se prima da crema metto un po’ di marmellata di lamponi e poi decoro con i lamponi freschi sopra , sarebbe buono o cambia tanto il gusto?

    1. Ciao Nataly, mi sembra una buona idea ed a livello di gusto sarà sicuramente buonissima.
      Buona cucina

  6. Ciao Sonia, volevo chiederti se era possibile sostituire il bicarbonato e l’aceto con una bustina di lievito per dolci.
    Grazie mille 😚

  7. Ciao Sonia, ho mangiato un paio di volte al red Velvet e ho sempre sentito un gusto un po’ acidulo che non mi ha fatto impazzire. Vorrei realizzare la tua ricetta per il mio compleanno. Anche nella tua ricetta si sente questo gusto acidulo o no, visto che hai detto di aver fatto qualche modifica? Grazie

    1. Ciao Rita, il gusto acidulo potrebbe essere dato dal formaggio spalmabile, però se aromatizzi con della vaniglia potrebbe sparire l’acidulo di cui parli.

I commenti sono chiusi.

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie