Un primo piatto di pasta fresca senza uova, in formato spaghetti, che incontra il pesto di noci, i broccoletti e i pomodori secchi

Spaghetti al pesto di noci, broccoletti e pomodori secchi

  • Preparazione: 0h 45m
  • Cottura: 0h 30m
  • Riposo: 0h 30m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: basso
  • Porzioni: 4 persone
  • Metodo cottura: Fornello
  • Cucina: Italiana

Oggi ti propongo un primo piatto vegetariano, a base di pasta fresca senza uova e con un condimento che arricchisce la ricetta della classica pasta con i broccoli con il pesto di noci tipico della cucina ligure con l’aggiunta di un tocco colorato e sapido dato  dai pomodori secchi. A rendere tutto più interessante c’è la croccantezza delle noci tritate grossolanamente e aggiunte all’ultimo istante! Il risultato è una ricetta piacevolmente rustica, che appaga a ogni boccone!

Ingredienti per 4 persone

PER LA PASTA

  • Semola rimacinata di grano duro 415 g
  • Acqua 185 g

PER IL PESTO DI NOCI

  • Gherigli di noci 100 g
  • Pinoli 20 g
  • Parmigiano grattugiato 70 g
  • Aglio 0.5 spicchio
  • Sale 1 pizzico
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

PER IL CONDIMENTO

  • Broccoletti 200 g
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Aglio 1 spicchio
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Pomodori secchi 80 g

PER COMPLETARE

  • Noci tostate tritate q.b.

Allergeni

Cereali e derivati Frutta a guscio Latte

Procedimento

PER LA PASTA

Per preparare gli spaghetti metti nella ciotola della planetaria la farina di semola rimacinata di grano duro, aziona la macchina e ho versato a filo l’acqua.

Ottenuto un composto granuloso, ribaltalo sul piano della cucina e finisci di lavorarlo con le mani leggermente bagnate.

Dagli la forma di una palla e lasciala riposare sotto una ciotola rovesciata per mezz’ora.

Trascorso questo tempo stendi la pasta con la sfogliatrice in modo da ottenere delle sfoglie spesse 2 mm e lunghe 25 cm e poi passale nella trafila per spaghetti. Realizza dei nidi e tienili da parte su una placca foderata con un canovaccio.

PER IL PESTO DI NOCI

Sbollenta i gherigli di noce per un minuto in acqua bollente e poi scolali e tamponali con della carta assorbente. Una volta raffreddati mettili in un cutter insieme ai pinoli, al Parmigiano grattugiato, all’aglio e a un pizzico di sale e frullali versando a filo l’olio in modo da ottenere un composto omogeneo.

PER IL CONDIMENTO

Pulisci i broccoletti, separando le cime dai gambi e taglia questi ultimi a rondelle. Fai saltare tutto in padella con un po’ d’olio e uno spicchio d’aglio, aggiusta di sale e pepe, aggiungi un goccio d’acqua e lascia cuocere per un paio di minuti a fuoco vivo con coperchio.

COTTURA

Messo sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e portala a ebollizione. Immergi i tuoi spaghetti e lasciali lessare per circa 3 minuti.

Nel frattempo metti il pesto in una padella fredda e diluiscilo con un po’ d’acqua di cottura della pasta. Unisci i pomodori secchi tritati e i broccoletti saltati.

Una volta cotta, scola la pasta direttamente nella padella con il condimento e falla insaporire per qualche istante. Impiatta completando con qualche noce tostata tritata a mano e servi!

Note & consigli

* Se vuoi un pesto fine e liscio, frulla più a lungo le noci nel cutter insieme agli altri ingredienti. Se invece lo vuoi più grossolano tritalo più brevemente o utilizza il mortaio, come da tradizione!

Varianti della ricetta

Se ami i broccoli e vuoi provare altre ricette che li vedono protagonisti, ti suggerisco di provare anche le lasagne con broccoli, pancetta e provola, la vellutata di broccoli e porri con panna acida e ceci e il risotto ai broccoli e Castelmagno.

Conservazione

Come sempre, i piatti di pasta (soprattutto se lunga) sono ideali da gustare appetta preparati. Ma se un po’ di spaghetti dovessero avanzarti puoi riciclarli in una deliziosa frittata di spaghetti o trasformarli in simpatici cupcake di spaghetti con verdure.

Nulla ti vieta invece di preparare in anticipo il pesto di noci e di conservarlo all’interno di un vasetto sterile a chiusura ermetica in frigorifero per qualche giorno o in freezer per qualche mese.

Curiosità

Broccoli, broccoletti, rapini, friarielli, broccoli di rape, cime di rapa, sono ingredienti preziosi nella cucina italiana tra cui spesso si fa confusione. Alcuni termini regionali indicano lo stesso tipo di ortaggio, distinguendo semplicemente alcune parti specifiche della pianta. È il caso dei friarielli (tipici di molte ricette napoletane, in cui se ne consumano solo le foglie) o broccoletti di rapa, che sono semplicemente la parte più sviluppata della pianta delle cime di rapa (pugliesi) o rapini (toscani), le cui infiorescenze appena sviluppate a Roma sono invece chiamate broccoletti. I broccoletti propriamente detti sono invece ortaggi del tutto simili ai broccoli, ma con cime più piccole e steli più lunghi e sottili, molto morbidi e interamente edibili, con un sapore che ricorda quello dell’asparago. Originari del Giappone, sono spesso considerati un broccolo giovane, ma in realtà si tratta del frutto di un’ibridazione naturale tra il cavolo e il kai-lan, o broccolo cinese.

4.5/5
vota