fetta di torta tenerina in primo piato con uova e pistacchi sullo sfondo

Torta tenerina al pistacchio

  • Preparazione: 0h 25m
  • Cottura: 0h 30m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: medio
  • Porzioni: 8 persone
  • Metodo cottura: Forno
  • Cucina: Italiana

La torta tenerina è un dolce tipico della tradizione culinaria ferrarese a base di cioccolato. Questa torta è caratterizzata da una crosticina esterna croccante e da un cuore particolarmente morbido, da cui prende il nome. Oggi ti propongo la versione a base di pistacchio: altrettanto soffice e soprattutto golosa. La ricetta è facile e veloce, perfetta per preparare un dolce d’effetto all’ultimo minuto!

Goloso di caffè? Non perdere la ricetta della torta tenerina al caffè!

Ingredienti

Ingredienti per una tortiera da 20 cm di diametro

  • Farina di pistacchio 100 g
  • Uova medie (sgusciate 150 g)3
  • Zucchero semolato 80 g
  • Latte tiepido40 g
  • Crema spalmabile al pistacchio 100 g
  • Sale 1 pizzico

Per decorare

  • Granella di pistacchio 1 cucchiaio
  • Zucchero a velo q.b.

Allergeni

Uova Latte Frutta a guscio

Procedimento

Per l’impasto

Dividi i tuorli dagli albumi. Sbatti i tuorli con 2/3 dello zucchero fino a che otterrai un composto chiaro e spumoso.

Aggiungi la crema di pistacchio poco alla volta sempre sbattendo, alternandola all’aggiunta del latte tiepido. Dovrai ottenere un composto cremoso non troppo denso.

Monta gli albumi a neve finchè diventeranno bianchi poi aggiungi poco alla volta il restante zucchero per ottenere un composto cremoso e stabile.

A questo punto puoi aggiungere gli albumi al composto di pistacchi molto delicatamente, alternandoli all’aggiunta della farina di pistacchi e al pizzico di sale.

Quando avrai amalgamato per bene tutti gli ingredienti, puoi versare il composto ottenuto dentro ad una tortiera imburrata e foderata con carta forno sul fondo.

Cottura

Spolverizza la superficie con un po’ di granella di pistacchi e cuoci la torta nel forno statico preriscaldato a 175° per 30 minuti. A metà cottura, cospargi la superficie con la granella di pistacchi e continua la cottura nel forno.

Una volta cotta, sforna la torta e lasciala raffreddare, quindi spolverizzala con lo zucchero a velo e servila!

Note & consigli

*Se vuoi ottenere una torta tenerina più bassa puoi utilizzare una tortiera dal diametro più ampio, per esempio da 26 cm.

*Lascia raffreddare bene la torta prima di toglierla dallo stampo e tagliarla, in questo modo la crosticina non si romperà troppo.

Varianti della ricetta

Questa ricette unisce un dolce della tradizione ferrarese con la bontà del pistacchio. Se vuoi sperimentare altri dessert tipici di questa provincia prova il tortiglione ferrarese, il bustrengo, il certosino o la torta Susanna.

Sei un amante delle torte a base di pistacchio? La torta morbida pistacchio e gianduia o la torta cioccolato e pistacchio sono ciò che fa per te!

Conservazione

Puoi conservare la torta tenerina al pistacchio per 3 giorni sotto una campana di vetro, a temperatura ambiente.

Curiosità

A Ferrara, la torta tenerina, grazie alla sua consistenza molto morbida, prende il nome di torta “Taclenta”, che in dialetto significa “appiccicosa”. La torta è chiamata anche “montenegrina”; questo perché i due sposi Vittorio Emanuele III, Re d’Italia e Elena Petrovich del Montenegro, raccontarono alle cronache dell’epoca di quanto fossero innamorati. Elena divenne famosa grazie alla sua dolcezza e al suo cuore tenero, proprio come la torta ferrarese che le venne dedicata.

La torta tenerina è oggi uno dei dolci simbolo dell’amore, per questo motivo è anche conosciuta come la “torta degli innamorati”.

 

4.9/5
vota