tagliere con arrosto vitello a fette e patate novelle al forno

Arrosto di vitello con patate

  • Preparazione: 1h 0m
  • Cottura: 3h 30m
  • Difficoltà: media
  • Costo: alto
  • Porzioni: 6 persone
  • Metodo cottura: Forno
  • Cucina: Italiana

E’ proprio vero: l’arrosto di vitello non delude mai, specialmente se è accompagnato da un buon contorno di patate novelle (se invece preferisci le patate gialle al forno, le trovi qui). Questo secondo piatto è adatto ad ogni occasione: dal semplice pranzo domenicale alla cena di Natale o Capodanno. Per la perfetta riuscita di questa ricetta ti serviranno: una carne di vitello di qualità, una buona manualità per legare l’arrosto e un termometro da cucina, in particolare per carni.

Se sei un amante della carne di vitello e delle ricette semplici come questa, non perderti il delicato vitello al latte o il famosissimo  vitello tonnato.

Ingredienti per 6 persone

  • Scamone di vitello 2 kg
  • Patate novelle 2 kg
  • Aglio 2 spicchi
  • Salvia 5 foglie
  • Rosmarino 3 rametti
  • Sale q.b.
  • Pepe nero macinato q.b.
  • Paprika affumicata in polvere 1 cucchiaino
  • Olio extravergine d’oliva 150 g

Allergeni

Latte

Procedimento

Per la carne

Trita finemente il rosmarino, la salvia e l’aglio sbucciato e metti il trito da parte. Asciuga la carne tamponandola con della carta da cucina o con un canovaccio pulito; poi massaggiala con dell’olio extravergine di oliva e ricoprila con il trito di erbe aromatiche.

Lega la carne con uno spago da cucina per mantenerla in forma durante la cottura al forno. Per creare la cosiddetta gabbia, passa lo spago sotto la carne e poi sopra e lega le due estremità del filo ben strette; fai la stessa cosa passando però lateralmente.

A questo punto forma un cappio, infilaci la mano e girala due volte; con il filo attorno alla mano afferra l’estremità della carne e fai scivolare lo spago sotto di essa. Sfila la mano dallo spago e tira: avrai formato una specie di cappietto che stringerà la carne mano a mano che tirerai.

Procedi in questo modo per “ingabbiare” tutta la carne. Non preoccuparti se durante questa operazione cadrà un po’ di trito di erbe. Alla fine potrai raccoglierlo e rimetterlo sul pezzo di carne. Tieni la carne da parte.

Per le patate

Dedicati alla preparazione delle patate novelle, quindi lavale sotto l’acqua corrente, asciugale e poi mettile dentro alla teglia che dovrà accogliere anche l’arrosto. Condisci le patate con un po’ di rosmarino tritato, pepe nero, olio di oliva e paprika affumicata.

Mischia bene con le mani in modo che le patate si insaporiscano e ricava uno spazio al centro della teglia, dove andrai a posizionare l’arrosto.

Cospargi la carne con un po’ di olio e inserisci il termometro per carni fino a raggiungere il centro dell’arrosto (che in gergo si chiama cuore). Posizionandolo in questo modo, potrai rilevare correttamente la temperatura della carne durante la cottura e scegliere se la vuoi al sangue, media o ben cotta.

Cottura

Quando arriverai alla temperatura desiderata, estrai l’arrosto e tamponalo con carta da cucina; cospargilo di nuovo con l’olio, alza la temperatura del forno a 220° e infornalo una seconda volta assieme alle patate per 15-20 minuti per farlo diventare di un bel color bruno. Ora puoi estrarre l’arrosto.

Avvolgilo nell’alluminio, lasciando invece le patate in forno per un’altra mezz’ora, tempo necessario affinchè l’arrosto si riposi e i liquidi si ridistribuiscano equamente nella carne. L’arrosto è pronto per essere affettato.

Servi l’arrosto accompagnato da un’abbondante porzione di succulente patate novelle che nel frattempo avranno assorbito parte dei liquidi di cottura della carne.

Note & consigli

*Durante la cottura, gira più volte le patate per farle ben insaporire con i liquidi di cottura della carne e gli aromi. Se ti piace la carne rossa, puoi fare questa ricetta anche con della carne di manzo (andrà molto bene la noce o lo scamone).

*Se non ti piacciono le patate, segui la ricetta del classico arrosto di vitello in gabbia e accompagnala ad un buon contorno di verdure.

Domande frequenti

A che cosa serve la legatura della carne?

La legatura della carne serve per mantenere l’arrosto ben compatto durante la cottura. La compattezza della carne permette a sua volta una cottura uniforme.

Varianti della ricetta

Puoi preparare l’arrosto con la carne che preferisci: pollo, manzo o maiale, ti assicuro che il risultato finale sarà delizioso in ogni caso. Se ti piace l’arrosto, non puoi perderti le mie ricette dell’arrosto ripieno:  arrosto di pollo ripieno o arrosto di vitello ripieno di prugne? A te la scelta!

Conservazione

Conserva l’arrosto di vitello in frigorifero per 3 giorni  in un contenitore chiuso ermeticamente. Se invece, preferisci congelarlo, affettalo, dividilo in porzioni e conservalo per massimo 3 mesi.

Curiosità

Esistono moltissime tipologie di termometri: quelli per la carne, per i fritti, a sonda, ad infrarossi, a immersione, digitali o analogici. Il termometro per carne presenta una sonda che va inserita prima della cottura: il punto corretto è il cuore dell’alimento (il centro dell’arrosto) lontano da parti ossee. Una volta inserito, non dovrai più spostarlo fino al raggiungimento della temperatura desiderata che puoi facilmente controllare sul quadrante. Per gli arrosti questo termometro è un vero asso nella manica!

4.6/5
vota