Crepes dolci e salate: impasto e ricetta base

Crepes

  • Preparazione: 0h 10m
  • Cottura: 0h 10m
  • Riposo: 0h 30m
  • Difficoltà: facile
  • Costo: basso
  • Porzioni: 4 porzioni
  • Metodo cottura: Fornello
  • Cucina: Francese

Le crepes sono la versione francese delle crespelle italiane: sottilissime e morbidissime, puoi farcirle con creme dolci o ripieni salati. La ricetta è molto semplice da preparare e prevede l’utilizzo di pochi e semplici ingredienti: latte, farina, uova e burro. L’impasto delle crepes somiglia a quello dei loro “cugini” americani, i pancakes, dalla consistenza più spessa e ancora più morbida, grazie all’aggiunta degli albumi montati a neve.

Per una versione dolce spalma all’interno della crepes un velo di confettura di fragole o di crema di nocciole. Se hai voglia di una ricetta salata ti consiglio la torta di crespelle al pesto e taleggio. 

Ingredienti

Per l’impasto

  • Uova medie2
  • Farina 00 130 g
  • Latte intero 250 ml
  • Burro 20 g
  • Sale 1 pizzico

Per la cottura

  • Burro 20 g

Allergeni

Uova Cereali e derivati Latte

Procedimento

Sciogli il burro in un pentolino o nel microonde, fai attenzione a non farlo bruciare; una volta sciolto lascialo intiepidire. In una ciotola sbatti le uova con una frusta o una forchetta, unisci il latte e il burro fuso; mescola per bene.

Aggiungi il sale e la farina setacciata poco alla volta per evitare la formazione di grumi; amalgama gli ingredienti con una frusta fino ad ottenere una pastella vellutata ed omogenea.

Preparazione dell'impasto base delle crepes: burro fuso, latte e uova

Fai riposare l’impasto delle tue crepes per almeno 30 minuti in frigorifero coprendolo con la pellicola trasparente: il riposo dell’impasto è fondamentale per la morbidezza finale delle crepes.

Preparazione dell'impasto base delle crepes: farina, sale e riposo in frigorifero

Trascorsa la mezzora, puoi cuocere le crepes. Scalda una padella antiaderente per crepes dal diametro di 20 cm; ungila con un pezzetto di burro e versa un mestolo di pastella al centro.

Adesso hai due alternative. Puoi inclinare e ruotare la padella in modo da spargere il composto su tutta la superficie oppure utilizzare l’apposito stendi pastella. Unico accorgimento: questo passaggio deve essere compiuto velocemente perché la pastella si cuoce molto rapidamente.

Cuoci a fuoco vivace per un minuto circa, fino a che i bordi inizieranno a dorarsi e staccarsi dalla padella. Girala dall’altro lato aiutandoti con una spatola antiaderente e lasciala cuocere poco meno di un minuto.

Una volta pronte, fai scivolare le crepes su un piatto; man mano che le prepari, adagiale una sull’altra così da mantenerle calde fino al momento di farcirle e servirle.

Come cuocere le crepes dolci o salate

Note & consigli

*Se il tuo composto risulterà grumoso puoi passare la pastella in un colino a maglie strette schiacciandolo con un cucchiaio.

*Se usi lo stendi pastella, sarà più semplice ottenere crepes tutte dello stesso spessore. Puoi trovarlo nei negozi di casalinghi o nel reparto casa del supermercato. Non lasciare troppo le crepes sul fuoco oppure l’impasto si seccherà eccessivamente rompendosi durante la farcitura.

Varianti della ricetta

Il bello di questa ricetta è che l’impasto è così versatile che puoi farcirlo con ciò che più ti piace, che sia dolce o salato. Per una merenda sana e golosa prepara delle crepes con cream cheese e frutta, per una ricetta dai profumi natalizi invece, prova la torta di crepes al ginger bread e zabaione.

Le crepes sono perfette per preparare sformati o torte ripieni di salumi, formaggi e besciamella come la torta di crespelle salata.

Conservazione

Puoi conservare l’impasto delle crepes per 2 giorni al massimo in frigorifero coperto con la pellicola. Non ti consiglio di congelarlo.

Curiosità

Le vere crepes non sono nate in Francia, paese in cui però riscossero un grandissimo successo; bensì nella Roma del V secolo, pensate come piatto semplice e sostanzioso per sfamare  i pellegrini francesi giunti in città in occasione della Candelora.

Nel Medioevo le crepes divennero simbolo di pace, tanto da essere donate dai contadini francesi ai mezzadri in segno di alleanza e amicizia.

5.0/5
vota