Frittelle di cavolfiore

Fritto è buono tutto, si sa. Ma le frittelle di cavolfiore sono davvero un antipasto goloso e strepitoso! Accompagnate da una buona dose di sott’aceti, da un bel pane caldo appena sfornato e da un bicchiere di vino, possono rimettervi in pace con il mondo. Quando le preparo a casa mia vanno a ruba, e sono uno dei modi per far apprezzare il cavolfiore proprio a tutta la famiglia!

Ad ogni morso sentirete il sapore morbido e intenso del cavolfiore mescolarsi alla delicata scioglievolezza delle petite di formaggio…il tutto avvolto in una crosticina croccante e dorata data dalla frittura… davvero qualcosa che può lasciare senza parole!

Il bello di queste frittelle è che sono perfette da preparare anche con del cavolfiore avanzato…Vieni in cucina con me, scommettiamo che questa volta nessuno si lamenterà di dover mangiare una crucifera?

PREPARAZIONE: 15 min. COTTURA: 25 min. DIFFICOLTÀ: facile COSTO: basso

Ingredienti per 16 frittelle

Per le frittelle

cavolfiore bianco pulito 300 g
uovo medio 1
formaggio stagionato a pasta dura 60 g
formaggio grattugiato 30 g
farina 00 10 g per l’impasto + 100 g per l’infarinatura
pan grattato 40 g
noce moscata q.b
sale q.b
pepe q.b

Per friggere

olio di arachidi 1 l

Procedimento

Per le frittelle

Pulisci il cavolfiore dalle foglie verdi esterne, elimina il torsolo centrale coriaceo e dividilo in cimette*. Cuoci il cavolfiore in abbondante acqua bollente salata per 10-15 minuti o fino a che non risulterà morbido.

Scolalo, ponilo in una ciotola capiente e schiaccialo con i rebbi di una forchetta fino ad ottenere un composto grossolano abbastanza omogeneo. Aggiungi l’uovo, il formaggio grattugiato, il pan grattato e la farina e amalgama il tutto aggiustando di sale e pepe; taglia a cubetti il formaggio rimasto, uniscilo al composto amalgamandolo ed aggiungi un pizzico di noce moscata.

Per la frittura

Prendi circa 30 g di composto con le mani e forma una polpettina dandogli forma ovale, schiacciala leggermente e passala nella farina; componi allo stesso modo le altre frittelle e successivamente friggile nell’olio di arachidi ad una temperatura di circa 170° **fino a che non risultino ben dorate da entrambi i lati. Una volta pronte, scolale su dei fogli di carta assorbente da cucina e servile ben calde.

Note

* Se non sia come pulire il cavolfiore senza troppi sprechi, guarda il mio tutorial! Spero ti possa essere utile!

** I segreti per una frittura perfetta? I miei te li lascio in questo tutorial!

Ricette con i cavolfiori

Questa povera verdura ha a torto una nomea antipatica che lo precede! Invece io trovo che il cavolfiore sia ottimo, molto versatile e buono da gustare in mille modi: in salsa, sotto forma di polpette, in insalata… ci sono davvero un’infinità di ricette da preparare, e io comincio con il lasciartene qualcuna delle mie preferite!

Conservazione

Queste frittelle vanno gustate calde calde, appena fatte. Se proprio dovessero avanzare, puoi metterle in un contenitore ermetico e conservarle in frigorifero per un paio di giorni: scaldale al forno o in padella.

 

4.9/5
vota

Privacy Policy - Cookie Policy - Impostazioni cookie